Fink (BlackRock): la guerra in Ucraina pone fine alla globalizzazione, alert inflazione

24 Marzo 2022, di Mariangela Tessa

Secondo Larry Fink di Blackrock l‘invasione russa dell’Ucraina rimodellerà l’economia mondiale, mettendo la parola fine alla globalizzazione che abbiamo visto negli ultimi trent’anni.

Secondo l’amministratore delegato di Blackrock, il più grande gestore patrimoniale del mondo, in una lettera agli azionisti, spiega che, da ora in poi, “le aziende e i governi guarderanno anche in modo più ampio alle loro dipendenze da altre nazioni. Ciò potrebbe portare le aziende ad effettuare più operazioni onshore o nearshore, con un conseguente ritiro più rapido da alcuni Paesi”. Un cambio di prospettiva di tale portata sarà, a suo dire, premessa per un’accelerazione dell‘inflazione.

L’evento bellico è arrivato dopo due anni di pandemia che avevano già stravolto la connettività tra nazioni, aziende e persino persone. La risposta delle aziende occidentali alle azioni della russi dimostra “il potere dei mercati dei capitali”, secondo il numero uno di BlackRock, e “come i mercati possono fornire capitale a coloro che lavorano in modo costruttivo all’interno del sistema e quanto velocemente possono negarlo a coloro che operano al di fuori di esso.
La Russia è stata sostanzialmente tagliata fuori dai mercati dei capitali globali, a dimostrazione dell’impegno delle grandi aziende ad operare coerentemente con i valori fondamentali. Questa “guerra economica” mostra cosa possiamo ottenere quando le aziende, supportate dai loro stakeholder, si uniscono di fronte alla violenza e all’aggressione”.

Fink, il settore energetico e il conflitto in Ucraina

Fink ha affrontato anche le conseguenze della guerra in Ucraina sul settore energetico. “Molti paesi sono alla ricerca di nuove fonti di energia. Negli Stati Uniti gran parte dell’attenzione è rivolta all’aumento della fornitura di petrolio e gas, e in Europa e in Asia, il consumo di carbone potrebbe aumentare nel corso del prossimo anno. Ciò rallenterà inevitabilmente il progresso mondiale verso il net zero nel breve termine“.

“A lungo termine – ha aggiunto – credo che gli eventi recenti accelereranno effettivamente il passaggio a fonti di energia più ecologiche in molte parti del mondo”. Secondo il manager le risposte dei governi a questa crisi energetica si sono concentrate solo sull’offerta, senza affrontare la domanda.

Abbiamo bisogno che le politiche pubbliche adottino un approccio più olistico e a lungo termine al fabbisogno energetico mondiale – ha spiegato – Tra le altre sfide, con l’aumento della domanda di fonti di energia rinnovabili e dell’uso di tecnologie pulite, dobbiamo considerare cosa questo significhi per le materie prime da cui dipendono queste fonti di energia e tecnologia verdi”.

Fink, il punto sulle valute digitali

Un aspetto poco discusso della guerra è il suo potenziale impatto sull’accelerazione delle valute digitali. Secondo Fink, la guerra in Ucraina spingerà i paesi a rivalutare le loro dipendenze valutarie. “Già prima della guerra, diversi governi stavano cercando di svolgere un ruolo più attivo nelle valute digitali. Un sistema di pagamento digitale globale, progettato con cura, può migliorare il regolamento delle transazioni internazionali riducendo il rischio di riciclaggio di denaro e corruzione” ha spiegato, aggiungendo che “Le valute digitali possono anche aiutare a ridurre i costi dei pagamenti transfrontalieri, ad esempio quando i lavoratori espatriati restituiscono i guadagni alle loro famiglie”.

Smartworking

Parlando di smartworking, Fink ha chiarito che BlackRock vuole che i suoi dipendenti tornino in ufficio ma non sarà tra quei datori di lavoro che insistono per un completo ritorno alle norme pre-pandemia.

“Lavorare insieme, collaborare e far crescere il nostro personale di persona è essenziale per il futuro di BlackRock”, ha scritto. “Ci sono alcune conversazioni che non possono essere replicate in una videochiamata . . . Perdiamo lo spazio, la creatività e la connettività emotiva che derivano dallo stare insieme di persona.
Allo stesso tempo, riconosciamo che la pandemia ha ridefinito il rapporto tra datori di lavoro e dipendenti. Per trattenere e attrarre i migliori talenti diversi della categoria, dobbiamo mantenere la flessibilità di lavorare da casa almeno per una parte del tempo”, ha affermato.