Fed apre al taglio dei tassi: l’impatto su risparmiatori e investitori

11 Luglio 2019, di Alessandra Caparello

Jerome Powell, il governatore della Federal Reserve, nel corso della sua testimonianza semestrale al Congresso americano, ha lasciato chiaramente intendere la volontà di procedere ad un taglio dei tassi di interesse nel corso del vertice di fine mese del 30 e 31 luglio.
Ma la domanda che ci si pone è come il taglio potrebbero avere impatto sui risparmiatori e di che tipo sarà questo impatto. 

Il taglio dei tassi lasciato intendere dal numero uno della banca centrale americana sarebbe il risultato di una confluenza di fattori, tra cui l’incertezza su una guerra commerciale USA-Cina e un’economia in rallentamento. In che modo un taglio del tasso, il primo dal 2008, ha un impatto sul consumatore medio?
Fare previsioni è oggi difficile ma, afferma Sallie Krawcheck, co-fondatrice e CEO di Ellevest ed ex dirigente di Wall Street alla CNBC, in generale un taglio dei tassi è “buono per i mutuatari, cattivo per i risparmiatori e misto per gli investitori”.

Per quanto riguarda i risparmiatori il taglio dei tassi di interesse potrebbe danneggiare quelli che hanno conti ad alto rendimento. Il Fed funds rate viene utilizzato come riferimento per molti tassi di interesse dei consumatori. Alcune banche hanno già ridotto i rendimenti su alcuni dei loro prodotti al dettaglio, compresi i conti di risparmio, in previsione delle azioni della banca centrale. Certo, afferma l’esperto, un taglio dei tassi aiuta i mutuatari con il debito della carta di credito.
Un taglio dei tassi di interesse è una cattiva notizia per i risparmiatori, “ma è un dono inaspettato per i mutuatari e gli investitori” dice Hamrick. I tassi di interesse variabili delle carte di credito sono legati alla tariffa principale che a sua volta è strettamente correlata al Fed funds rate, sostiene Hamrick.
Quindi, con la diminuzione del tasso, il titolare di una carta potrebbe vedere una diminuzione del proprio TAEG entro un ciclo di fatturazione o due, il che significa pagamenti mensili più piccoli. Oggi i tassi di interesse delle carte di credito sono attualmente ai massimi livelli , quindi qualsiasi boccata d’ossigeno sarebbe un vantaggio per coloro che devono fare i conti con il debito della carta di credito.

Le rate dei mutui sono un po’ più complicate da prevedere, dice Hamrick. La Fed non fissa direttamente i tassi dei mutui, ma il taglio del tasso di riferimento potrebbe comunque avere un impatto sul mutuo contratto. I mutui per l’acquisto di auto non dovrebbero essere influenzati materialmente dal cambiamento.
Se si hanno in corso prestiti personali, potrebbe valere la pena di valutare opzioni di rifinanziamento se la Fed abbassa i tassi di interesse.

Per gli investitori gli effetti del taglio dei tassi sono misti, afferma Krawcheck. Gli Stati Uniti sono attualmente nella più lunga espansione economica mai registrata e storicamente il mercato azionario ha visto un rally dopo il primo taglio dei tassi quando l’economia non è ancora in recessione.