Economia: in settimana attesi Pil Usa e Italia, Fed e raffica trimestrali

26 Aprile 2021, di Massimiliano Volpe

La settimana che inizia lunedì 26 aprile sarà caratterizzata dalla pubblicazione di importanti dati relativi all’andamento dell’economia, secondo quanto evidenziano gli analisti Mps Capital Services.

Economia: atteso il Pil del 1° trimestre

Nella zona Euro l’attenzione sarà sulla lettura preliminare dell’inflazione di aprile (giovedì 29) e sul dato relativo al Pil del primo trimestre che sarà reso noto venerdì 30 aprile (atteso al -0,1%). Sempre venerdì sarà comunicato quello dell’Italia atteso al -0,4%.
Quest’ultimo sarà pubblicato anche negli Stati Uniti (atteso al +6,5%), dal quale dovrebbe emergere pertanto la forte sovraperformance dell’economia statunitense, rispetto a quella della zona euro, nei primi tre mesi dell’anno.

Banche centrali: mercoledì la Fed

Per quanto riguarda le banche centrali previste le riunioni di Fed (mercoledì 28) e Banca del Giappone (martedì 27), dalle quali non sono comunque attese novità di rilievo. In settimana si svolgerà anche la riunione della Banca centrale svedese, attesa confermare il tasso di riferimento allo 0%.
Secondo gli analisti di Blue Bay Asset management è “improbabile che dalla Fed emergano notizie particolari, con Powell che appare piuttosto soddisfatto per il momento. Tuttavia, maggio è un mese dal quale ci aspettiamo qualche sorpresa in positivo dai dati e crediamo che ciò potrebbe sollevare qualche dissenso da falco all’interno della Fed nelle prossime settimane.
Ciò potrebbe rinnovare le speculazioni sul fatto che il punto di flesso a livello di allentamenti monetari è ormai alle spalle. In quest’ottica, a maggio potrebbero iniziare a concretizzarsi dei rischi per il rally dei mercati, anche se nel breve periodo sembra prematuro aumentare le coperture sui posizionamenti long sugli asset rischiosi in portafoglio.
Nel frattempo, con il rimbalzo della crescita non ci sorprenderebbe se i policymaker iniziassero a prestare più attenzione ai rischi per la stabilità finanziaria”.

Proseguono le trimestrali

Infine, prosegue la stagione delle trimestrali sia in Eurozona che negli Usa, con quest’ultima che entra nel vivo, considerando che riporteranno i conti oltre 1/3 dei titoli dell’indice S&P 500 tra cui le Big del settore tech.

Negli Usa gli annunci di spicco riguardano: Tesla (26 aprile); Alphabet-Google, Microsoft, Visa (27); Apple, Boeing, Facebook, Qualcomm (28); Amazon, Caterpillar, McDonald’s, Twitter, (29); Exxon Mobil (30).

In Europa spiccano gli annunci di BP, HSBC, UBS (27 aprile); Banco Santander, Deutsche Bank, Sanofi, Saipem, Tenaris (28); Amplifon, Eni, Repsol, Shell, STM, Total (29); BNP Paribas, BBVA (30).