Dax: i livelli da monitorare per chi scommette sulla Borsa di Francoforte

3 Dicembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

LEGNANO (WSI) – Nessun cambiamento di sorta per quanto riguarda la Banca Centrale Australiana che ha mantenuto il costo del denaro al 2.5% e che non ha mutato di una virgola il proprio wording, continuando sulla linea espressa durante l’ultima riunione.

Il dollaro australiano deve svalutarsi

Questo il pensiero che continuamente ci viene trasmesso da Stevens e company circa la quotazione del dollaro australiano, al fine di “achieve balanced growth in the economy”, ossia raggiungere una crescita bilanciata dell’economia. La reazione dell’aussie sulla pubblicazione dello statement possiamo affermare che non c’è stata in quanto il mercato ha tentato delle lievi correzioni a rialzo pre-comunicazione per poi cominciare nuovamente una discesa che ha a sua volta preceduto la decisione, andando ad approfondire lievemente dopo l’ufficializzazione di quanto visto.

Oggi pausa, domani il Canada:

Oggi sarà una giornata decisamente tranquilla dal punto di vista delle pubblicazioni macroeconomiche e dopo i movimenti direzionali di breve periodo visti ieri non escludiamo che possano avvenire dei tentativi di correzione, soprattutto sul fronte delle materie prime, senza che però avvengano dei giri di mercato importanti di medio periodo. Il sentiment generale rimane infatti improntato alla vendita di australiano e di yen giapponese, all’acquisto di euro e di sterline e al mantenimento di borse su livelli sostenuti. La possibile formazione di divergenze di breve periodo però non è da sottovalutare. Andiamo ad analizzare insieme i livelli tecnici di maggior attenzione per oggi.

QUADRO TECNICO

EurUsd: l’avvicinamento alle resistenze di ieri mattina ha fornito ottime possibilità di vendita, con il mercato che ha raggiunto area 1.35 ¼, superando dunque i primi target impostati a 1.37 ¾ e raggiungendo i punti statici precedenti. Siamo ora sotto i punti statici precedenti passanti per 1.3560, con l’area compresa tra di essi e 1.3575 che potrebbe fungere da resistenza e da zona finale all’interno della quale vedere esaurirsi la pseudo divergenza rialzista formatasi questa notte. Qui potrebbe essere possibile valutare acquisti di dollari tenendo conto che un superamento a rialzo di area 1.3585 potrebbe lasciare spazio verso i massimi oltre 1.3600, con 1.36 ¼ ultima resistenza da valutare prima di salite verso 1.3650, raggiungibile in caso di superamento di area 1.3635.

UsdJpy: dopo la rottura a rialzo di area 102.60 il mercato ha esteso per la ventina di punti che ci attendevamo, con un’ulteriore estensione avvenuta nel pomeriggio fino a raggiungere e a superare l’area passante per 103.20, livello che curavamo durante il pomeriggio di ieri. Siamo ora di fronte alla possibilità di assistere alla formazione di una divergenza ribassista oraria che, in caso di conferma potrebbe riportare le quotazioni verso i primi livelli di supporto passanti per 103.10. In caso di superamento di quest’area è possibile seguire una divergenza ribassista che potrebbe formarsi su un 4 ore, con area 102.85 la più importante che potrebbe intervenire a frenare l’eventuale correzione ma che se superata potrebbe portare a buoni tentativi di discesa verso 102.50 ed in estensione 102.10. Buono il R/R data la vicinanza delle resistenze, una salita oltre 103.45 potrebbe proporre tentativi di raggiungimento e di sforamento dei massimi di maggio (stop in pari nel momento in cui ci si dovesse girare long ed il mercato andasse dalla nostra parte).

EurJpy: lateralità durante tutta la giornata con aumenti di volatilità soltanto durante la notte. Su un 4 ore è possibile attendere la formazione di una divergenza ribassista che potrebbe anche su un orario compiersi (pur non essendoci massimi decrescenti chiari sullo stocastico, ma considerando la price action a massimi crescenti sui prezzi può essere considerata tale). In caso di discesa sotto area 139.65 il mercato potrebbe accelerare verso 139.40 che se superato potrebbe lasciare spazio verso la figura. Una tenuta dei secondi supporti visti potrebbe offrire un buon R/R per pensare ad acquisti di euro, con possibilità di rivedere i massimi di stanotte.

GbpUsd: gli scenari difensivi che valutavamo sotto 1.6365 e che prevedevano discese verso 1.6340 livello sul quale il mercato avrebbe potuto comunque fermarsi sono risultati buoni. Siamo ora sotto quota 1.6400, con i prezzi tornati sopra la media a 21 oraria che potrebbe rappresentare una buona area sulla quale valutare dei potenziali acquisti di sterlina, che fino a quando non tornerà sotto area 1.6340 potrebbe risultare rialzista. Un superamento di area 1.6415 si rende necessario per valutare tentativi di raggiungimento dei massimi (se osserviamo tra l’altro un grafico a 4 ore troviamo la media mobile a 21 che ha funzionato egregiamente come supporto in grado di interrompere la divergenza ribassista formatasi ieri mattina).

AudUsd: buone opportunità di vendita sul dollaro australiano durante la giornata di ieri ,con la figura a bandiera di continuazione ribassista vista durante il nostro Morning Meeting (in trasmissione alle ore 9.30 ogni giorno) che ha portato a buone accelerazioni ribassiste, che hanno preso corpo dopo il superamento di area 0.9120. Siamo ora di fronte alla possibile formazione di una divergenza rialzista oraria che potrebbe trovare degli scogli all’interno dell’area che passa tra 0.9090 e 0.9115. In caso di superamento di area 0.9130 potrebbe essere possibile valutare degli approfondimenti rialzisti da valutare in base alla direzione ed al posizionamento dello stocastico, che fino a quando si manterrà impostato a rialzo potrebbe suggerire salite dei prezzi, che non dovrebbero comunque superare area 0.9165. Sotto area 0.9050 il mercato potrebbe estendere nuovamente verso 0.9035, che se superato di una decina di punti potrebbe lasciare spazio verso figura.

XauUsd (oro): non abbiamo visto l’oro su queste pagine ieri ma l’abbiamo analizzato all’interno del nostro webinar, andando ad individuare in area 1,238.00/1,238.50 un buon livello sul quale considerare strategie difensive di vendita e di giro di posizioni di eventuali operazioni long aperte sopra la trendline ascendente tracciata su un time frame orario. Il mercato è andato ad estendere bene a ribasso, raggiungendo e tentando il superamento di area 1,220.00. Siamo ora in correzione sotto la media mobile a 21, con tutta l’area passante tra di essa e 1,230.50 che potrebbe fornire buone possibilità di vendita tenendo conto che un suo superamento potrebbe portare al raggiungimento di area 1,236.50. I mini mi potrebbero essere un buon target in caso di ripartenza a ribasso, con attenzione ad area 1,216.00 in caso di sforamento a ribasso prima di valutare qualsiasi potenziale discesa ulteriore verso 1,213.00 e 1,208.00.

Ger30 (Dax): lateralità per il Dax che in caso di raggiungimento dei massimi potrebbe fornire buone possibilità di vendita dato il buon R/R dell’operazione. Fino a quando non supereremo però a ribasso i supporti statici passanti tra 9,380 e 9,365 si creano buone iopportunità di acquisto con stop e reverse sotto gli ultimi punti visti.

Copyright © FXCM per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

*Questo documento e’ stato preparato da FXCM Forex Capital Markets. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.