Criptovalute, l’exchange Gemini taglia il 10% dei dipendenti

25 Gennaio 2023, di Gianmarco Carriol

L’exchange di criptovalute Gemini ha annunciato che ridurrà il proprio organico del 10%. Si tratta del terzo taglio in meno di un anno per la società, co-fondata dai gemelli Cameron e Tyler Winklevoss.

A novembre 2022, Gemini aveva 1.000 dipendenti, secondo i dati di PitchBook, il che significa che circa 100 persone hanno perso il lavoro. La decisione di ridurre il personale arriva in un momento difficile per il mercato delle criptovalute, con molte società che hanno eliminato posizioni a causa della recessione del mercato.

“TechCrunch” ha riportato che Gemini aveva precedentemente ridotto il proprio organico del 7% nel luglio 2022 e del 10% del personale un mese prima. La società è soggetta alla regolamentazione bancaria di New York, il che significa che deve seguire standard più rigorosi rispetto ad altre società crittografiche. In una nota interna, Cameron Winklevoss ha scritto:

“Le persistenti condizioni macroeconomiche negative e le frodi senza precedenti perpetuate da malintenzionati nel nostro settore non ci hanno lasciato altra scelta che rivedere le nostre prospettive e ridurre ulteriormente l’organico”.

Gemini deve anche affrontare una battaglia legale con la Securities and Exchange Commission per una presunta offerta e vendita non registrata di titoli in relazione alla sua partnership con la società fallita di Barry Silbert, Genesis, che nei giorni scorsi ha dichiarato bancarotta.