Il prestatore di criptovalute Genesis dichiara bancarotta

20 Gennaio 2023, di Gianmarco Carriol

La società di prestiti e trading di criptovalute Genesis, un’unità del Digital Currency Group, ha dichiarato fallimento. Genesis Global Holdco LLC e due delle sue filiali di attività di prestito, Genesis Global Capital LLC e Genesis Asia Pacific Pte. Ltd., hanno presentato petizioni volontarie ai sensi del Chapter 11 nel distretto meridionale di New York. Le altre società controllate e le altre unità della società stessa coinvolte in derivati e trading spot, nonché attività di custodia, non fanno parte della dichiarazione di fallimento e continueranno a funzionare. La società ha dichiarato in una nota:

“Genesis ha proposto una tabella di marcia verso un’uscita che include un piano del Chapter 11 che richiede un quadro per una risoluzione globale di tutti i reclami attraverso la creazione di un trust che distribuirà i beni ai creditori. Il piano contempla un processo a doppio binario nel perseguimento di una transazione di vendita, aumento di capitale e/o equitization, che consentirebbe all’azienda di rinascere sotto una nuova proprietà.”

Genesis avvierà un processo di vendita per monetizzare Genesis Global Holdco e inizierà a rimborsare i creditori. Se non ci sarà alcuna vendita o raccolta di capitale, i creditori riceveranno azioni in una Genesis Global Holdco riorganizzata. La società prevede inoltre di utilizzare 150 milioni di dollari in contanti per finanziare la società in bancarotta.

Secondo Bloomberg, Genesis Global Capital vanta oltre 100.000 creditori. I primi 50 crediti non garantiti ammontano a circa $3,4 miliardi.

I problemi di Genesis non finiscono qui

La decisione di dichiarare fallimento segue mesi di difficoltà per la società a causa della crisi del credito che ha colpito l’industria delle criptovalute. La società aveva avvertito di una forte pressione dell’insolvenza per settimane e doveva oltre $3 miliardi ai creditori, tra cui $900 milioni ai clienti Gemini e oltre $301 milioni agli utenti dell’exchange di criptovalute olandese Bitvavo.

Il conglomerato di criptovalute DCG aveva preso in considerazione la vendita di asset del suo grande portafoglio di rischio per raccogliere fondi. A metà novembre dello scorso anno, Genesis aveva annunciato la sospensione dei riscatti e della creazione di nuovi prestiti a causa del crollo di FTX. Nonostante la dichiarazione di fallimento, Genesis spera di riuscire a rimborsare i creditori e continuare a operare, mentre cerca una soluzione per uscire dalla situazione di crisi.

Tuttavia, la dichiarazione di fallimento non è la fine dei problemi per Genesis. La società dovrà ora affrontare un lungo processo di risoluzione dei reclami e di ristrutturazione, che potrebbe essere complicato dalle difficoltà dell’industria delle criptovalute in generale. Inoltre, la società dovrà affrontare la concorrenza di altre aziende che potrebbero essere interessate a acquisire i suoi asset o a entrare nel mercato in generale.

I creditori potrebbero anche essere restii a accettare il piano proposto dalla società, soprattutto se ritengono di non ricevere un adeguato risarcimento per i loro crediti. Ciò potrebbe portare a lunghe trattative e a un possibile fallimento del piano.

In sintesi, la dichiarazione di fallimento è solo l’inizio di un lungo processo per la società. Nonostante le difficoltà, Genesis spera di riuscire a rimborsare i creditori e sopravvivere, ma dovrà affrontare molte sfide per farlo.