Criptovalute, Coinbase taglia il 20% della sua forza lavoro. Cosa sta succedendo

10 Gennaio 2023, di Gianmarco Carriol

Coinbase taglierà circa un quinto della sua forza lavoro mentre cerca di preservare le proprie riserve durante la recessione del mercato delle criptovalute. L’exchange di criptovalute prevede di tagliare 950 posti di lavoro, riporta un post sul blog aziendale pubblicato questa mattina. Coinbase contava circa 4.700 dipendenti alla fine di settembre, dopo aver tagliato il 18% della sua forza lavoro lo scorso giugno adducendo la necessità di gestire i costi che sono cresciuti “troppo velocemente” durante il mercato rialzista. Il ceo Brian Armstrong in un’intervista alla CNBC ha detto:

“Con il senno di poi, guardando indietro, avremmo dovuto fare di più. Il meglio che puoi fare è reagire rapidamente non appena le informazioni diventano disponibili, ed è quello che stiamo facendo in questo caso.”

Coinbase ha affermato che la mossa comporterà nuove spese comprese tra 149 e 163 milioni di dollari per il primo trimestre. I licenziamenti, insieme ad altre misure di ristrutturazione, ridurranno le spese operative di Coinbase del 25% per il trimestre che si concluderà a marzo, secondo un nuovo deposito normativo. Dopo aver esaminato vari stress test per le entrate annuali di Coinbase, Armstrong ha dichiarato:

“E’ diventato chiaro che avremmo dovuto ridurre le spese per aumentare le nostre possibilità di fare bene in ogni scenario e non c’era modo di farlo senza ridurre il numero di dipendenti . La società chiuderà anche diversi progetti con che presentano una “minore probabilità di successo”.

Il mercato delle criptovalute è stato scosso negli ultimi mesi a seguito del crollo di uno dei maggiori attori del settore, FTX; Armstrong ha sottolineato quella ricaduta e la crescente pressione sul settore grazie a “attori senza scrupoli” riferendosi a FTX e al suo fondatore, Sam Bankman-Fried:

“Il collasso di FTX e il conseguente contagio ha creato un alone di paura per il settore. Adesso ci sarà un maggiore controllo su varie aziende nello spazio per assicurarsi che stiano seguendo le regole. Nel lungo termine è una buona cosa. Ma a breve termine, c’è ancora molta paura del mercato”.

Le criptovalute hanno sofferto insieme ai titoli tecnologici quest’anno; il Bitcoin è sceso del 58% nell’ultimo anno, mentre le azioni Coinbase sono scese di oltre l′83%.

Fine della crescita per Coinbase?

Coinbase si unisce a una schiera di altre aziende tecnologiche che tagliano posti di lavoro dopo aver fatto il pieno di assunzioni durante la pandemia di Covid. La settimana scorsa, Amazon ha detto che avrebbe tagliato 18 mila posti di lavoro, più di quanto il rivenditore online inizialmente stimato lo scorso anno, mentre Salesforce ha ridotto il numero dei suoi dipendenti di oltre 7 mila, ovvero del 10%.

Elon Musk ha tagliato circa la metà della forza lavoro di Twitter dopo aver preso il timone come ceo lo scorso anno e Meta taglierà più di 11.000 posti di lavoro , pari al 13%. Anche le società di criptovalute Genesis, Gemini e Kraken hanno ridotto il personale. Ha riferito Armstrong:

“Ogni azienda nella Silicon Valley sembrava che fosse concentra solo sulla crescita, crescita, crescita e le persone stavano quasi usando il loro numero di dipendenti come simbolo di quanti progressi stavano facendo. L’attenzione ora è sull’efficienza operativa“.

All’inizio dello scorso anno, Coinbase aveva dichiarato di voler aggiungere 2.000 posti di lavoro tra prodotto, ingegneria e design. Armstrong ha detto che ora sta cercando di cambiare la cultura di Coinbase per “tornare alle sue radici di start-up” di team più piccoli che possono muoversi rapidamente.

Coinbase è diventato pubblico nell’aprile 2021 e da allora ha visto precipitare il prezzo delle sue azioni. Il titolo è scambiato sotto i $ 40 dopo essere salito fino a $ 429,54 il giorno del suo debutto . Il debito di Coinbase in scadenza nel 2031 continua a essere scambiato a circa 50 centesimi di dollaro. La società disponeva ancora di liquidità e mezzi equivalenti per circa 5 miliardi di dollari alla fine di settembre.

Nonostante l’effetto domino del settore dei fallimenti e un marcato calo del volume degli scambi, Armstrong è stato fermo nel sostenere che il settore non se ne andrà. Ha detto che la scomparsa di FTX alla fine andrebbe a vantaggio di Coinbase, poiché il suo più grande concorrente è ora spazzato via. Potrebbe anche emergere chiarezza normativa e Armstrong ha affermato che convalida la decisione dell’azienda di costruire e quotarsi in borsa negli Stati Uniti. Il ceo ha paragonato l’ambiente attuale al boom e al crollo delle dot-com. E ha concluso:

“Se si guarda all’era di Internet, le migliori aziende sono diventate ancora più forti grazie a una rigorosa gestione dei costi. Questo è quello che succederà qui.”