Coinbase pronta a tagliare il 18% della sua forza lavoro

14 Giugno 2022, di Massimiliano Volpe

L’exchange di criptovalute Coinbase Global ha dichiarato che taglierà il 18% della sua forza lavoro, circa 1.100 posti di lavoro, per cercare di ridurre i costi legati alla recente crisi del mercato finanziario.

Il mercato delle criptovalute è stato sconvolto da un’estrema volatilità a causa di incertezze economiche e geopolitiche come l’aumento dell’inflazione e l’impatto della guerra in Ucraina, con il Bitcoin che è crollato fino al 14% lunedì dopo che il prestatore di criptovalute Celsius Network ha congelato prelievi e trasferimenti.

“Sembra che stiamo entrando in una recessione dopo un boom economico di oltre 10 anni. Una recessione potrebbe portare a un altro inverno crittografico e potrebbe durare per un lungo periodo”, ha affermato l’amministratore delegato Brian Armstrong in un post.

Senza fornire dettagli su quali reparti sono interessati, Armstrong ha affermato che i dipendenti avrebbero ricevuto un’e-mail “nell’ora successiva” dalle risorse umane per informarli se fossero stati colpiti dal licenziamento.

Le azioni di Coinbase, che quest’anno hanno perso circa l’80% del loro valore, sono scese ancora di circa il 7% nel trading pre-merket.

All’inizio di questo mese, Coinbase ha dichiarato che avrebbe esteso il blocco delle assunzioni e revocato una serie di offerte accettate per far fronte alle attuali condizioni macroeconomiche.

In un documento rilasciato presso la SEC martedì, la società ha affermato che prevede di incorrere da $40 a $45 milioni in spese complessive di ristrutturazione, sostanzialmente legate al trattamento di fine rapporto e ad altri trattamenti legati all’uscita del personale.

La riduzione dei posti di lavoro dovrebbe essere completata entro il secondo trimestre del 2022.

Coinbase il mese scorso ha registrato un calo del 35% delle entrate totali a $1,17 miliardi per i tre mesi terminati il ​​31 marzo, mancando le stime degli analisti.