Consulenza finanziaria, cresce la conoscenza dei temi ESG tra i professionisti

4 Novembre 2022, di Mariangela Tessa

Il 57,5% dei consulenti finanziari ritiene di avere una buona conoscenza delle tematiche ESG, mentre il 19% dichiara un’ottima conoscenza; un quarto dei rispondenti si colloca invece tra chi ha una conoscenza sufficiente (il 22,50%) o insufficiente (1,25%). Sono questi alcuni risultati dell’VIII edizione della ricerca “SRI: il coinvolgimento consulente-cliente”, realizzata da Anasf, l’Associazione Nazionale dei Consulenti Finanziari – e da ET.Group – The ESG knowledge company, think tank specializzato in sostenibilità e ideatore del salone.SRI, che mira ad analizzare le scelte di investimento dei clienti dei consulenti finanziari e il rapporto tra questi ultimi e la propria rete di appartenenza rispetto alla dimensione ESG.

La ricerca, condotta dal 4 al 20 ottobre 2022 su un panel di 600 soci, sarà presentata ufficialmente il prossimo 15 novembre al Palazzo delle Stelline di Milano durante il salone.SRI con la tavola rotonda, delle ore 15.45, “Consulenti di fronte al cliente. Il mercato e le sfide 2022” – indica anche che in tema di identità aziendale (impegno, azione, cultura), il 39% dei rispondenti definisce la propria rete “molto coerente” con i principi ESG che professa nei prodotti; il 57% la ritiene “abbastanza coerente” mentre solo il 4% dichiara invece un’identità “per nulla coerente”.

Consulenza finanziaria e temi ESG

Comparando il dato con quello 2021, emerge come torni a salire la quota di consulenti che ritiene di avere una buona conoscenza delle tematiche ESG, a fronte di una sostanziale diminuzione di chi la ritiene sufficiente e a un quasi azzeramento di chi la reputa insufficiente. La formazione continua a essere ritenuta un ambito di miglioramento – oltre il 50% dei consulenti la ritiene migliorabile –, mentre solo un terzo dei rispondenti ha ricevuto dalla propria rete strumenti di valutazione e conoscenza dei prodotti ESG, e in misura ancora minore specifiche piattaforme di analisi. Infine, circa i due terzi dei rispondenti dichiara di aver notato una maggiore attenzione dei media rispetto all’anno precedente alle tematiche ESG. Luigi Conte, presidente di Anasf, ha commentato:

“Il 2022 ha consolidato le competenze dei professionisti più consapevoli e sensibilizzato numerosi cittadini sui temi SRI. Anasf ritiene che i driver del prossimo futuro siano la formazione e la comunicazione, a partire dai più giovani. È opportuno continuare a puntare sull’accrescimento delle competenze SRI dei consulenti finanziari, per tramite di corsi specifici – quello realizzato da Anasf con Sda Bocconi sui temi ESG ha raggiunto oltre 2.500 professionisti iscritti -, e dei cittadini, con progetti strutturali di educazione finanziaria sostenibile. L’Associazione auspica un intervento politico e istituzionale sui temi SRI, per raggiungere una più ampia platea, ricordando che la modalità comunicativa per sensibilizzare i risparmiatori oggi è cambiata e necessita di informazioni autorevoli e verificabili, facilmente condivisibili sulle piattaforme di social network e divulgabili trasversalmente tra i risparmiatori, anche per opera di loro stessi”.

Luca Testoni, fondatore del salone.SRI, ha commentato:

“Con un valore globale di investimenti riferibili ai fattori ESG che secondo il Global Sustainable Investment Alliance nel 2021 ha raggiunto il 36% del totale delle masse in gestione in Usa, Europa, Canada, Giappone, Australia e Nuova Zelanda, è evidente che l’utilizzo del microscopio ESG sia ormai generalizzato. Questo non deve però far pensare che la partita sia stata vinta. Dopo il periodo di grande euforia che ha caratterizzato il 2021, quest’anno il modello Esg ha subito molteplici attacchi. Si tratta di una fase fisiologica che sta però alimentando la consapevolezza e la maturità del mercato, come dimostra questa ricerca sui consulenti. È confortante che rimanga elevata la richiesta di una migliore informazione e formazione. Come emergerà da salone.SRI 2022, la strada che il sistema ESG sta perseguendo, è quella di alzare la qualità di player, strategie e prodotti. Questo farà pulizia, indebolirà i critici e renderà gli Esg ancora più forti nel 2023”.

Quanto conoscono l’ESG i clienti dei consulenti?

Quasi 6 clienti dei consulenti finanziari su 10 hanno mostrato un interesse crescente nei confronti dei prodotti SRI (Investimenti socialmente responsabili) rispetto al 2021 ma che, allo stesso tempo, per la metà dei rispondenti, la classificazione di un prodotto in base al regolamento Sfdr non ha influito sulla scelta ESG del cliente. Inoltre, all’interno di questo campione, la maggior parte dichiara che non sempre il cliente ha compreso i criteri di tale distinzione.