Come in guerra, Consob potrebbe fermare la Borsa

26 Febbraio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Come se fossimo in guerra. La Consob, in contatto con la Borsa italiana, sta valutando la possibilita’ di adottare provvedimenti tecnici per diminuire la volatilita’ dei mercati e scongiurare ulteriori sbalzi.

E’ quanto apprendono le agenzie stampa da fonti vicine alla commissione.

Oggi dopo il voto che non ha consegnato la maggioranza assoluta a nessuna delle tre forze politiche principali al Senato (Pd, PdL e Movimento 5 Stelle), il Ftse Mib cede quasi il 4% e lo spread e’ tornato in area 320 punti base dopo essere salito anche fino a quota 347.

Un quarto dei votanti abbondante ha scelto il movimento di Beppe Grillo, mentre un quarto degli italiani e’ rimasto a casa, astenendosi. Il paese e’ ora destinato a tornare alle urne, si spera almeno dopo aver trovato un accordo per una nuova legge elettorale che assicuri una certa stabilita’.

Una legge, famigerato il Porcellum, che andava rivista molto tempo fa. Invece egoismo e irresponsabilita’ hanno prevalso nelle decisioni di entrambe le fazioni di centro sinistra e centro destra.