Coinbase pronta a tagliare i costi e a collaborare con la Sec

29 Agosto 2022, di Gianmarco Carriol

L’exchange di criptovalute Coinbase sta studiando come ridurre i costi, ha detto il ceo Brian Armstrong alla Cnbc. Le azioni di Coinbase hanno perso oltre il 70% del loro valore quest’anno poiché la società è alle prese con un “inverno cripto” legato al crollo di bitcoin ed ethereum. Armstrong ha affermato che la flessione non è insolita, poiché Coinbase ha già attraversato quattro cicli di ribasso nei 10 anni da quando ha avviato l’azienda. Coinbase sta affrontando l’inflazione e una potenziale recessione, ma Armstrong ha affermato che il contesto macroeconomico ricorda ciò che la società ha affrontato in passato:

“Come abbiamo già internamente: non è mai buono come sembra, non è mai così brutto come sembra. Penso che uno dei motivi per cui Coinbase ha avuto così tanto successo negli ultimi 10 anni è che cerchiamo di non concentrarci su alti e bassi a breve termine”.

I precedenti tagli di Coinbase

Coinbase ha già tagliato il 18% della sua forza lavoro a giugno e Armstrong in precedenza aveva attribuito i licenziamenti a una possibile recessione e alla necessità di gestire il tasso di combustione dell’azienda e aumentare l’efficienza. Il ceo ha affermato che i licenziamenti dovevano essere un evento una tantum, ma che “tutto potrebbe succedere. Non posso dire come sarà il mondo tra un anno”, ha ammesso.

Armstrong ha aggiunto che Coinbase sta studiando in particolare la riduzione dei costi relativi al marketing, ai fornitori esterni e servizi web. Ha aggiunto che la società sta cercando di convertire quanti più costi fissi possibile in costi variabili. Ciò potrebbe significare che gli annunci di Coinbase Super Bowl potrebbero appartenere al passato, anche se Armstrong ci sarà ancora una “varieta di annunci Coinbase là fuori”.

Il caso ribassista per Coinbase riguardava la potenziale pressione sulle commissioni di trading, che rappresentavano oltre l′80% delle entrate nel secondo trimestre. Il noto venditore allo scoperto Jim Chanos è tra coloro che scommettono contro Coinbase, sostenendo che guadagna troppo sulle commissioni. Armstrong ha affermato che le commissioni finiranno per erodersi come hanno fatto nel settore dell’intermediazione azionaria. Ma Coinbase non vede ancora la sensibilità al prezzo. “Penso che ci sarà una compressione dei margini, alla fine deve succedere a un certo punto”, ha detto Armstrong. “Vorrei arrivare a un punto in cui oltre il 50% delle nostre entrate è costituito da abbonamenti e servizi.” Il business abbonamento e servizi è cresciuto fino a raggiungere circa il 18% delle entrate dal 4% dell’anno precedente. Include interessi attivi, abbonamento premium a Coinbase, premi blockchain e commissioni per l’archiviazione di criptovalute sulla piattaforma per conto dei clienti.

Il rapporto con la Sec

Coinbase ha anche affrontato negli ultimi mesi la Sec, ossia la Consob americana. L’agenzia ha accusato di frode un ex product manager di Coinbase e ha avviato un’indagine per verificare se la piattaforma consenta illegittimamente agli utenti di scambiare risorse digitali che non sono state registrate come titoli.

La determinazione di come classificare i token di criptovalute è controversa e Armstrong ha affermato che si aspetta che la società riceverà un po’ di chiarezza normativa dopo le elezioni di medio termine. Se le criptovalute sono considerate materie prime come altri tipi di valuta, andrebbero disciplinate dalla Commodity Futures Trading Commission. Ma molti progetti di criptovalute sono finanziati dalla vendita di token speculativi.

Il presidente della Sec Gary Gensler ha affermato che “molti di questi token sottostanti hanno le caratteristiche dei titoli” e devono essere regolamentati come tali per proteggere gli investitori. Armstrong si è detto disponibile a lavorare con la Sec:

“Ci siamo confrontati con le autorità di regolamentazione e in realtà penso che sia una buona cosa. Il nostro obiettivo è guidare la chiarezza normativa su scala globale”.