L’exchange di criptovalute Coinbase nel mirino della Sec. Ecco perchè

27 Luglio 2022, di Gianmarco Carriol

Il popolare exchange di criptovalute Coinbase è sotto indagine della Sec (la Consob americana), che vuole far luce sulla possibilità concessa agli americani di scambiare risorse digitali che avrebbero dovuto essere registrate come titoli. L’indagine riguarda il caso di insider trading lanciato dalla Securities and Exchange Commission  (Sec) la scorsa settimana, quando il regolatore ha accusato uno degli ex dipendenti di Coinbase di aver violato le regole di insider trading della società, informando suo fratello e un amico sulle imminenti quotazioni di token. Sebbene la Sec non abbia denunciato alcun illecito da parte di Coinbase all’epoca, l’agenzia ha affermato di aver stabilito che 9 token scambiati dalle persone accusate di insider trading contenevano “caratteristiche della definizione di un titolo”. Di queste nove risorse digitali menzionate dalla Sec, sette sono attualmente ancora quotate su Coinbase.

La regolamentazione dei token

Per determinare se una risorsa digitale sia una security, ossia un certificato rappresentativi dei diritti patrimoniali valutabili in denaro, la Sec applica il cosiddetto Howey test, una serie di standard che un investimento deve soddisfare affinché l’agenzia lo consideri una security e lo regoli come tale.

In tale quadro, la Sec considera un token di sua competenza quando coinvolge gli investitori che impegnano i loro soldi per finanziare un’impresa con l’intenzione di trarre profitto dagli sforzi di tale organizzazione.

In precedenza, la Sec ha affermato di non considerare il Bitcoin (BTC) la più grande criptovaluta del settore, un titolo, né l’agenzia ha classificato Ethereum come tale . La Sec ha già indagato su altre criptovalute, come XRP di Ripple, cui ha intentato una causa da 1,3 miliardi di dollari nel dicembre 2020.

Gary Gensler, presidente della Sec, ha anche affermato l’anno scorso che Coinbase potrebbe infrangere la legge elencando “dozzine di token che potrebbero essere titoli”.

In un recente tweet, Caroline Pham, commissaria della Commodity Futures Trading Commission (CFTC) degli Stati Uniti, ha definito l’indagine della Sec “un esempio lampante di regolamentazione mediante l’applicazione”. Ha affermato che le accuse della Sec “potrebbero avere ampie implicazioni oltre questo singolo caso, sottolineando quanto sia critico e urgente che le autorità di regolamentazione lavorino insieme”.

La replica di Coinbase alla Sec

Paul Grewal, chief legal officer di Coinbase, su Twitter ha negato che l’exchange stia elencando titoli non registrati.

“Siamo fiduciosi che il nostro rigoroso processo di diligenza – un processo che la Sec ha già esaminato – manterrà i titoli fuori dalla nostra piattaforma e non vediamo l’ora di impegnarci con la Sec sulla questione”, scrive Grewal.

In un post sul blog aziendale della scorsa settimana, l’azienda con sede a San Francisco ha affermato che “questo processo include un’analisi per stabilire se l’asset possa essere considerato una sicurezza e considera anche la conformità normativa e gli aspetti di sicurezza delle informazioni dell’asset”. “Coinbase non elenca i titoli sulla sua piattaforma. Punto” ha aggiunto il post sul blog.

In precedenza, Coinbase ha affermato che la società aveva presentato una petizione alla Sec per migliorare “l’elaborazione di norme sui titoli di asset digitali”. Secondo la società “la petizione invita la Sec a sviluppare un quadro normativo praticabile per i titoli di asset digitali guidato da procedure formali e un processo di avviso e commento pubblico, piuttosto che attraverso l’applicazione arbitraria o una guida sviluppata a porte chiuse”.