Cipro dice NO all’Europa. Pesante sconfitta per tutti i banksters Ue

20 Marzo 2013, di Redazione Wall Street Italia

NICOSIA (WSI) – Il parlamento di Cipro, con 36 voti contrari e 19 astensioni, ha bocciato l’introduzione di un prelievo forzoso sui depositi bancari bancari, una misura chiesta dagli altri partner dell’Eurozona e del Fondo Monetario Internazionale, per dare il via al piano di salvataggio di circa 17 miliardi di euro, pari al 140% del Pil.

Leggi anche:
Non possiamo non dirci ciprioti

”La Bce prende atto della decisione del parlamento di Cipro e resta in contatto con gli altri partner della Troika (Bce-Ue-Fmi,NdR). Ribadisce l’impegno a fornire tutta la liquidita’ necessaria nell’ambito delle attuali regole”, cosi’ la nota dell’Eurotower. Il comunicato arriva dopo il voto del parlamento di Cipro che ha bocciato il prelievo forzoso sui depositi bancari. Una misura richiesta dai partner dell’Eurozona e dal Fondo Monetario Internazionale come condizione per attivare il salvataggio del sistema bancario del paese.

Commenta l’utente di WSI Cheshire Cat:

… si riproverà con un altro piano, perchè il punto importante della questione non è (ancora) l’uscita di un paese dall’euro, cosa che l’UE tenterà di impedire in tutti i modi.

Il succo di questo voto è che per la prima volta un paese si è rifiutato di mettere in pratica un piano richiesto dall’UE (la quale ora cerca di disconoscerne la paternità, attribuendola al solo Anastasiades). Il che significa che i vari Tsipras, Grillo, Berlusconi, Moya etc. potranno invocare un precedente in cui un piano UE è stato rifiutato, o almeno rinegoziato (stanotte molta gente a Nicosia, Strasburgo e Berlino non va a letto).

Il che è di per sè clamoroso. Fino ad adesso la UE aveva sempre ottenuto quello che voleva. Ora questo evento rischia di essere come la battaglia di Ajn Jalut per i Mongoli (1265), l’assedio di Malta per gli Ottomani (1566) o la Battaglia aerea d’Inghilterra per i nazisti. Oppure, ricorrendo ad esempi più politici, la sconfitta sul divorzio per la DC (1974) o il primo arretramento dei comunisti alle elezioni (1979). Una prima battuta d’arresto.

Che ne presagisce altre…

Leggi anche: Che succede adesso?:

Gli aiuti servono per salvare un paese che paga la crisi del proprio sistema bancario, gravido di sofferenze verso la Grecia. Il prelievo forzoso doveva servire come contributo (5,8 miliardi) del paese alle spese del piano, ma le manifestazioni popolari contro questa misura, considerata un salvataggio delle banche, non a carico degli azionisti, ma dei clienti, ha indotto il parlamento alla marcia indietro. Il presidente cipriota Nicos Anastasiades ha invitato i partiti al dialogo, mentre le banche restano chiuse per evitare una nuova massiccia fuga di capitali dall’isola.

Si dovra’ tornare al negoziato, non solo tra i partiti ciprioti, ma anche con gli altri partner dell’Eurozona, l’Eurogruppo e’ convocato per venerdi’. Sembra di assistere al ”deja vu” del famoso Psi fatto sulla Grecia, quando i detentori di titoli di Stato ellenici furono chiamati, anche in modo forzoso, a condividere le perdite, innescando un calo di fiducia sui titoli di Stato dei paesi dell’Eurozona, divenuti all’improvviso suscettibili di ristrutturazione forzosa. Nel caso di Cipro si e’ optato per un prelievo forzoso sui depositi bancari che, oltre a favorire la fuga di capitali dall’isola, innesca un calo nella fiducia dei depositanti, che diventano oggetto di una ristrutturazione delle loro disponibilita’ liquide. Per ora l’Eurogruppo si e’ limitato a dire che il prelievo forzoso rimarra un ”caso unico”, ma lo stesso spartito era stato suonato per la Grecia.

I mercati finanziari di fronte a questo proliferare di ”unicita” hanno ieri penalizzato i paesi periferici dell’Eurozona con significative flessioni per le borse di Milano (-1,5%) e Madrid (-2,2%) ed inevitabile aumento dello spread. E intanto hanno già iniziato a circolare voci di piani di emergenza straordinari. Alcune fonti a Bruxelles avrebbero riferito che le Banche centrali dei paesi limitrofi a Cipro, la Banca centrale greca in testa, avrebbero rinforzato da un anno a questa parte le loro riserve per fronteggiare situazioni straordinarie. Nessuno però oggi conferma questa ipotesi, mentre la Commissione europea e la Bce preferiscono tacere.

Le attività bancarie sull’isola ammontano a circa 670% del prodotto interno lordo del paese. “Il modello di banca in Italia, per esempio, è molto più sicuro: le attività bancarie lì sono pari al 290% del PIL, in Spagna al 380%. Quindi non si possono confrontare i sistemi bancari fra questi paesi “, ha rassicurato il governatore della Banca centrale austriaca, Ewald Nowotny. Per i trader, Italia e Spagna hanno ancora le maggiori probabilità di entrare in stress finanziario, soprattutto se la recessione dovesse approfondirsi. Non è certamente un caso se l’euro ieri è piombato fin sotto quota 1,29 sul dollaro, ossia sui minimi da fine novembre.