Canone Rai: non pagarlo sarà reato

23 Ottobre 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – A partire da prossimo febbraio, il canone Rai finirà nella bolletta elettrica. E non pagarlo sarà un reato penale. Queste una è una delle riforme del governo Renzi inserita nella Legge di Stabilità elaborata dall’esecutivo, ora al vaglio del Parlamento.

In pratica chi, pur in possesso di un apparecchio tv, non pagherà il canone non solo incorrerà in una multa, ma addirittura rischierà la denuncia penale per falsa dichiarazione a pubblico ufficiale, punibile con la reclusione fino a due anni.

La nuova norma infatti parte dal presupposto che ogni italiano che abbia la corrente elettrica in casa sia anche uno spettatore dei programmi Rai.

La prova, appunto, la deve fornire il singolo titolare di utenza elettrica, scrivendo al suo gestore, oppure alla Rai, o forse all’Agenzia delle entrate (non è ancora definito), autocertificando di non avere televisori e dunque di essere esentato dal pagamento.

Se poi in un blitz di un incaricato Rai o del Fisco scopre il contrario, l’evasore subirà una “sanzione amministrativa” di 500 euro. Ma – altra novità rilevante – l’evasore avrà violato la legge 445 del 2000 sull’autocertificazione e sarà perseguibile in sede penale. (mt)