Cacciato dal ristorante perché indossava i Google Glass

4 Dicembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Se siete uno dei pochi fortunati ad essere entrati in possesso di un paio di occhiali multimediali Google Glass lasciateli a casa se andate al ristorante.

Mountain View punta molto sul potenziale innovativo del suo progettom ma il dispositvo pone ancora troppe perplessità riguardanti le possibili implicazioni per la privacy.

Ne sa qualcosa l’ingegnere informatico Nick Starr, che è stato cacciato da un ristorante, il Lost Lake Cafè & Lounge di Seattle, proprio perché indossava un paio di occhiali dotati della funzione per la realtà aumentata.

Il titolare del locale David Meinert, come racconta anche il sito Mr. Web Master, non avrebbe voluto sentire ragioni; del resto i ristoranti sono un vero e proprio crocevia per uomini d’affari, incontri amorosi clandestini e persone in cerca d’intimità; da questo punto di vista Google Glass risulterebbe essere un ospite sgradito.

Starr avrebbe cercato di difendere le sue ragioni sostenendo di voler fotografare le pietanze servite per poi pubblicarle sulla stessa pagina Facebook del locale, ma Meinert si sarebbe limitato a mostrargli la porta sottolineando le esigenze di riservatezza per la propria clientela.