Brexit, Ue respinge posizione May sulla City

7 Marzo 2018, di Livia Liberatore

L’unico modello per le relazioni future fra Regno Unito e Unione europea dopo Brexit è un accordo di libero scambio. Lo ha detto il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, presentando le linee guida negoziali sulle relazioni successive all’uscita britannica dall’Ue.
Tusk ha respinto la visione della premier Theresa May sul commercio e avvertito il Regno Unito che deve abbassare le sue aspettative per un futuro accordo commerciale con l’Europa, affermando che l’Ue è determinata a evitare un approccio “pick and mix” al mercato unico.

La posizione negoziale di Theresa May, presentata in un discorso del cancelliere Philip Hammond, permetterebbe alle istituzioni con sede nel Regno Unito di continuare a godere di alti livelli di accesso al mercato. Ma la risposta di Tusk è stata netta: Il Regno Unito dovrà accontentarsi di un accordo di libero scambio più ortodosso, come quello stipulato con il Canada. Questi accordi hanno solo una copertura limitata dei servizi finanziari.

Il piano di Theresa May per assicurarsi il posto di Londra come capitale dei servizi finanziari in Europa dopo la Brexit subisce così una grave battuta d’arresto. “Essere al di fuori dell’unione doganale e del mercato unico porterà inevitabilmente ad attriti”, si legge nelle linee guida dell’Unione europea secondo quanto riportato dal Financial Times.

Tusk ha ricordato che le linee rosse di May, la fine della libertà di circolazione, dei contributi finanziari e della giurisdizione della Corte europea, limitano fortemente la portata di un accordo futuro. “Nessuno Stato membro è libero di scegliere solo quei settori del mercato interno che preferisce, o di accettare il ruolo della Corte di Giustizia solo quando si adatta ai suoi interessi”, ha affermato Tusk in conferenza stampa.