Borse spente, euro scende da massimi di sei mesi

8 Maggio 2017, di Daniele Chicca

L’euro scivola dopo aver testato i massimi di sei mesi oltre quota $1,10, mentre le Borse europee sono tutt’altro che euforiche dopo l’allentamento dello spauracchio Frexit. In ritardo le banche che già scontavano nei prezzi una vittoria dell’eurocrate Emmanuel Macron alle elezioni presidenziali francesi. Il settore aveva già corso molto dopo il primo turno delle presidenziali francesi. Si restringe lo Spread tra Oat e Bund decennali.

Dopo una battaglia senza esclusione di colpi con la rivale anti europeista Marine Le Pen, il candidato centrista ed ex ministro dell’Economia si è aggiudicato il ballottaggio con il 66% circa dei voti. Oltre il 25% gli astenuti, al massimo dal 1969, e quasi il 9% di schede bianche o nulle. Significa che la leader del Front National Le Pen è arrivata terza, se si tiene conto anche del corpo elettorale che non ha voluto esprimere un giudizio.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 8 Maggio 20179:30

L’indice paneuropeo delle Borse europee scambia in rialzo dello 0,17% in avvio di seduta. Lo Spread tra Oat e Bund decennali si restringe, mentre l’euro sale ai massimi di sei mesi.

Daniele Chicca 8 Maggio 20179:31

Quest è l’accoglienza riservata a Macron dai principali indici delle Borse d’Europa. Milano paga il calo delle banche, che scontavano già nei prezzi la vittoria del centrista ex banchiere di Rothschild.

Daniele Chicca 8 Maggio 20179:34

In realtà dopo un avvio stentato le banche europee sono in questo momento riuscite a portarsi sopra i livelli di riferimento.

Daniele Chicca 8 Maggio 20179:54

Le banche francesi scambiano però in rosso stamattina.

Daniele Chicca 8 Maggio 20179:56

Sul valutario anche l’euro non riesce a spingere sull’acceleratore come c’era da aspettarsi dopo che i mercati hanno tirato un sospiro di sollievo per la vittoria di Macron. È passato addirittura in territorio negativo sul dollaro Usa.

Daniele Chicca 8 Maggio 20179:59

Sembra che i trader si stiano già concentrando sul prossimo appuntamento elettorale in Francia, prima del voto del Regno Unito, in Germania e possibilmente anche in Italia. Il “Macron-rally” ha vita breve. È il più classico del “buy the rumor e sell the news”, quello che sta colpendo le banche. Sul Forex come detto l’euro scende dai massimi di sei mesi e ora perde terreno sulla valuta rivale americana. La prossima grande sfida di Macron sarà quella di garantire al suo partito, che ha solo un anno di vita, una posizione di potere in Parlamento. I sondaggi dicono che Macron potrebbe fare molta fatica a disporre di un’ampia maggioranza alle due Camere.

Daniele Chicca 8 Maggio 201710:08

Sul valutario anche l’euro non riesce a spingere sull’acceleratore come c’era da aspettarsi dopo che i mercati hanno tirato un sospiro di sollievo per la vittoria di Macron. È passato addirittura in territorio negativo sul dollaro Usa. L’euro ha toccato i minimi di giornata a 1,0955 dollari in questo momento (-0,4%).

Daniele Chicca 8 Maggio 201710:11

A livello settoriale anche i minerari fanno retromarcia, penalizzati dai dati deludenti pubblicati in Cina. I titoli attivi nel comparto delle risorse di base cedono l’1% circa stamattina dopo che la potenza asiatica ha riportato un calo dell importazioni di minerali ferrosi. Inoltre in aprile la Cina, la nazione prima produttrice di acciaio al mondo, ha ridotto gli investimenti record al ritmo di acquisti più basso degli ultimi sei mesi. I giganti dell’industria mineraria BHP Billiton, Rio Tinto e Anglo American hanno accusato cali di almeno l’1,7% all’avvio degli scambi, limitando i rialzi alla Borsa di Londra (che infatti ha aperto piatta).

Daniele Chicca 8 Maggio 201710:14

A livello settoriale anche i minerari fanno retromarcia, penalizzati dai dati deludenti pubblicati in Cina. I titoli attivi nel comparto delle risorse di base cedono l’1% circa stamattina dopo che la potenza asiatica ha riportato un calo dell importazioni di minerali ferrosi. Inoltre in aprile la Cina, la nazione prima produttrice di acciaio al mondo, ha ridotto gli investimenti record al ritmo di acquisti più basso degli ultimi sei mesi. I giganti dell’industria mineraria BHP Billiton, Rio Tinto e Anglo American hanno accusato cali di almeno l’1,7% all’avvio degli scambi, limitando i rialzi alla Borsa di Londra.

Daniele Chicca 8 Maggio 201712:02

Sul fronte obbligazionario mentre si restringe lo spread tra Oat e Bund tedeschi, il differenziale Italia-Germania a 10 anni sale. A metà seduta lo Spread tra i tassi di riferimento fa segnare un +3,5% e torna a superare la soglia di 180 punti base, con i tassi sui Btp decennali che salgono al 2,21% e quelli sui Bund tedeschi che scendono allo 0,4090% circa.

Daniele Chicca 8 Maggio 201712:50

Tra le banche spiccano i cali di Deutsche Bank. Non va dimenticato che le banche, in particolare quelle francesi, hanno fatto segnare rialzi importanti dopo il primo turno delle presidenziali francesi. 

Daniele Chicca 8 Maggio 201712:51

In Europa il settore immobiliare scambia ai massimi di otto mesi.

Daniele Chicca 8 Maggio 201713:17

Si prospetta un avvio sottotono per gli indici di Wall Street, con gli investitori che oltre all’esito delle elezioni presidenziali francesi, positivo per i mercati azionari, dovranno digerire una nuova serie di trimestrali societarie e gli ultimi sviluppi sul fronte petrolifero.

Daniele Chicca 8 Maggio 201713:24

Focus sulle variazioni dei prezzi del petrolio dopo che l’Arabia Saudita promosso una proroga dell’accordo sul taglio alla produzione di barili di petrolio fino alla fine del 2017. Per il momento l’intesa dell’Opec e dei paesi che non fanno parte del cartello è per una riduzione dell’offerta fino a giugno.

Daniele Chicca 8 Maggio 201713:27

Un altro motivo per cui la prova delle Borse è deludente rispetto alle aspettative dopo lo scampato pericolo Le Pen in Francia è dato dal fatto che i dati economici e sull’inflazione positivi degli ultimi tempi potrebbero spingere la Bce a imporre una stretta monetaria prima del previsto.

Ne ha parlato oggi Larry Hatheway, chief economist del gruppo svizzero di gestione del portafoglio GAM, secondo cui Mario Draghi, che sta iniettando miliardi di euro nel sistema economico dell’area euro da anni ormai, potrebbe fare marcia indietro. Il piano di acquisto di titoli di Stato e societari potrebbe essere ridotto prima del tempo e gli investitori stanno iniziando a prezzare tale eventualità.

Daniele Chicca 8 Maggio 201714:20

Questo è l’andamento sottotono delle Borse nel primo pomeriggio.

European stock markets at 12.30pm BST

Daniele Chicca 8 Maggio 201714:37

I mercati azionari europei hanno guadagnato in molti casi anche il 10% quest’anno ma paradossalmente, osserva Steen Jakobsen chief economist di Saxo Bank, proprio la vittoria di Macron – sulla carta un esito propizio per le Borse e per gli asset rischiosi in Europa – potrebbe mettere fine alla corsa. “Siamo stati molto ottimisti ultimamente su azionario europeo (specialmente in Francia) ed euro, ma ora è giunto il momento di assumere una posizione neutrale su entrambi”. Questo perché il lavoro che aspetta Macron è molto diverso dalla mera vittoria delle presidenziali”.

Daniele Chicca 8 Maggio 201714:48

Il problema per i mercati finanziari riguarda nell’immediato le elezioni legislative di giugno e in un secondo momento la capacità di varare le riforme di cui la Francia ha bisogno. Molti analisti sono scettici circa il successo del 39enne neo eletto presidente. L’economista globale di Fidelity International Anna Stupnytska, ad esempio, ha la sensazione che il movimento En Marche! farà fatica a mantenere tutte le promesse fatte in campagna elettorale. Anche gli analisti di Moody’s sottolineano che Macron dovrà superare diversi test difficili.

Daniele Chicca 8 Maggio 201714:49

Il problema per i mercati finanziari riguarda nell’immediato le elezioni legislative di giugno e in un secondo momento la capacità di varare le riforme di cui la Francia ha bisogno. Molti analisti sono scettici circa il successo del 39enne neo eletto presidente. L’economista globale di Fidelity International Anna Stupnytska, ad esempio, ha la sensazione che il movimento En Marche! farà fatica a mantenere tutte le promesse fatte in campagna elettorale. Anche gli analisti di Moody’s sottolineano che Macron dovrà superare diversi test difficili.

Daniele Chicca 8 Maggio 201714:51

La crescita economica in Usa è troppo debole secondo l’esponente della Fed James Bullard e pertanto l’attuale assetto dei tassi di interesse è appropriato. L’alta domande per i beni rifugio, la debole espansione della produttività e il tasso di partecipazione alla forza lavoro ancora deludente sono fattori che dovrebbero mantenere i tassi ancorati ai livelli del momento. La banca centrale americana, sempre secondo il presidente della Fed di St. Louis, può confermare un range tra lo 0,75% e l’1% finché non sarà evidente che l’economia ha ingranato la marcia successiva.

Daniele Chicca 8 Maggio 201714:52

La crescita economica in Usa è troppo debole secondo l’esponente della Fed James Bullard e pertanto l’attuale assetto dei tassi di interesse è appropriato. L’alta domande per i beni rifugio, la debole espansione della produttività e il tasso di partecipazione alla forza lavoro ancora deludente sono fattori che dovrebbero mantenere i tassi di interesse ancorati ai livelli del momento. La banca centrale americana, sempre secondo il presidente della Fed di St. Louis, può confermare un range tra lo 0,75% e l’1% finché non sarà evidente che l’economia ha ingranato la marcia successiva.

Daniele Chicca 8 Maggio 201715:23

Gli analisti finanziari italiani non hanno più grandi aspettative in merito al ‘reflation trade‘ “con gli Stati Uniti che vedono peggiorare il giudizio in termini sia di mercato azionario, sia valutario. Le stime sull’equity Usa passano da leggermente positive a neutrali, in concomitanza con il peggioramento delle stime sul dollaro. Migliora, invece, da leggermente positivo a positivo, il parere degli esperti nei confronti dei bond dei mercati emergenti grazie, soprattutto, al fatto che le politiche protezioniste minacciate da Trump non sembrano essere così severe come si pensava. Il contesto macroeconomico è positivo e le attese di crescita degli utili aziendali favoriscono le asset class azionarie in particolare dell’Area Euro.

Sono questi i principali elementi emersi dal “Panel Strategist”, l’analisi trimestrale realizzata da AIAF, l’Associazione Italiana degli Analisti e Consulenti Finanziari. “Nel portafoglio ottimizzato rilevato dal sondaggio effettuato si conserva il sovrappeso sull’equity dell’Area Euro (6,6%) e anche dell’Italia (3%) e si riduce l’esposizione all’equity Usa (da 12,8% a 11,8%). Il portafoglio, in particolare, resta sottopeso rispetto al benchmark di azionario BRICs, nonostante la view positiva su questa asset class, a causa dell’elevata volatilità. Il giudizio negativo sui governativi europei e americani induce l’ottimizzatore a confermare un’esposizione nulla su queste componenti, mentre il giudizio positivo e neutrale sui bond emergenti e sulle obbligazioni corporate consentono un sovrappeso su queste due asset class, che continuano a beneficiare del miglior rapporto rischio/rendimento. Confermata la scelta di sovrappesare la componente oro“.

Daniele Chicca 8 Maggio 201715:27

Sui mercati energetici il petrolio è ridisceso in area $45 dollari con le promesse saudite di un’estensione del programma di tagli alla produzione di barili fino a fine anno che sono state vanificate dalle deludenti cifre sulla bilancia commerciale in Cina. A deludere è stato soprattuto l’andamento delle importazioni della materia prima (-12% in aprile) nella seconda economia al mondo.

A poco servono le indiscrezioni di Reuters secondo cui l’Opec ha intenzione di prolungare l’accordo per un taglio alla produzione di greggio per almeno altri nove mesi.

Daniele Chicca 8 Maggio 201715:31

Sui mercati energetici il petrolio è ridisceso in area $45 dollari con le promesse saudite di un’estensione del programma di tagli alla produzione di barili fino a fine anno che sono state vanificate dalle deludenti cifre sulla bilancia commerciale in Cina

A deludere è stato soprattuto l’andamento delle importazioni di materie prime nella seconda economia al mondo. A poco servono le indiscrezioni di Reuters secondo cui l’Opec ha intenzione di prolungare l’accordo per un taglio alla produzione di greggio per almeno altri nove mesi.

Daniele Chicca 8 Maggio 201715:37

È stata rivelata finalmente l’identità della banca centrale misteriosa che da inizio anno ha accumulato asset rischiosi e in particolare titoli azionari. Non si tratta, di come alcuni avevano ipotizzato, della Banca del Giappone, bensì della Banca Nazionale Svizzera.

Nei primi mesi dell’anno nelle sale operative avevano iniziato a circolare rumop di una misteriosa banca centrale che agendo con discrezione stava alimentando il valore degli attivi rischiosi comprando titoli azionari, anche in un periodo in cui gli investitori istituzionali stavano vendendo mentre gli investitori retail stavano accumulando ETF.

Anche se gli interventi della Banca centrale di Tokyo sono noti a tutti ormai, quando la banca guidata da Kuroda entra in gioco, “il ritorno medio del Nikkei è di circa 14 punti base più alti”, secondo i calcoli di Nomura. In concreto “gli interventi della Bank of Japan hanno fornito una spinta complessiva alla Borsa di Tokyo di circa 1.400 punti”.

Daniele Chicca 8 Maggio 201717:47

Nel più classico “buy the rumor” (in questo caso le anticipazioni di vittoria del candidato preferito dai mercati alle presidenziali) e “sell the news” a cui su sono uniti i timori di un irrigidimento delle politiche monetarie della Bce, il Cac 40 di Parigi ha salutato la vittoria di Macron con una perdita dell’1%. Milano ha perso lo 0,3%, Londra lo 0,1%, Madrid lo 0,4%, Francoforte lo 0,1%. 

Daniele Chicca 8 Maggio 201717:50

Sul fronte obbligazionario i titoli di Stato italiani hanno perso quota con il rendimento decennale salito di 8 punti base al 2,25% e lo Spread con i Bund tedeschi omologhi di riferimento in ampliamento. I titoli spagnoli rendono ora quasi l’1,6% (+4 punti base), quelli portoghesi il 3,41% (+2 punti base). Meglio è andata agli Oat francesi. Anche in questo caso a impattare negativamente sui bond dell’area periferica del Sud d’Europa sono le prospettive di una riduzione del piano ultra accomodante monetario della Bce.

Forexlive Image View

Daniele Chicca 8 Maggio 201717:51

Dal versante macro economico in Usa è stato pubblicato l’indice del lavoro LMCI. Ebbene in aprile il Labor Market Conditions Index, che rileva l’andamento dell’occupazione statunitense tramite l’analisi di 19 sottoindici, è passato da 3,6 a 3,5 punti.

Daniele Chicca 8 Maggio 201717:51

A Wall Street l’andamento è poco variato dopo un avvio in sordina che ha visto l’indice Dow Jones segnare un -0,02%, lo S&P500 un +0,03% e il Nasdaq un +0,02% all’indomani delle elezioni presidenziali in Francia.

Daniele Chicca 8 Maggio 201717:53

A livello settoriale in Europa sono i bancari e le risorse di base (scivolate dell’1%) ad avere pesato sull’andamento di Borsa. L’indice paneuropeo Stoxx 600 ha perso lo 0,13% riducendo i cali sul finale.

Daniele Chicca 8 Maggio 201717:54

Malgrado l’andamento fiacco dei listini azionari, è indicativo il fatto che la volatilità, misurata dal VIX di Borsa, è scesa ai minimi dell’anno.

Forexlive Image View

Daniele Chicca 8 Maggio 201717:55

Malgrado l’andamento fiacco dei listini azionari, è indicativo il fatto che la volatilità, misurata dal VIX, è scesa ai minimi dell’anno. Il livello di 9,73 punti sfiorato poco fa rappresenta anche i livelli più bassi dal febbraio del 2007.

Forexlive Image View

Daniele Chicca 8 Maggio 201718:24

Sul valutario gli investitori e analisti hanno perso la fiducia nel dollaro americano. Secondo Kit Juckes di Societe Generale il biglietto verde ha toccato l’apice della fase rialzista. Rodrigo Catril, strategist degli investimenti per NAB, ritiene che l’euro abbia spazio per rafforzarsi. Ulf Lindahl, AD di A.G. Bisset Associates, dice che il dollaro è con tutta probabilità “destinato a calare nettamente nei prossimi mesi” in concomitanza con il previsto rallentamento della crescita americana.

Daniele Chicca 8 Maggio 201718:29

Alla chiusura dei mercati europei il cross euro dollaro quota $1,092 (in ribasso). Il contratto sul petrolio Wti è scambiato a 45,95 dollari al barile, con gli investitori in attesa per un accordo su nuovi tagli alla produzione che possa bilanciare l’incremento dell’output negli Stati Uniti.

Daniele Chicca 8 Maggio 201718:30

Tra i singoli titoli in Europa, in fondo al listino azionario si piazza qualche banca francese, come SocGen, ma anche Saint-Gobain e Schneider Electric. In rialzo invece Unilever, Unibail e BMW.

Daniele Chicca 8 Maggio 201718:31

Anche a Piazza Affari come detto hanno prevalso le prese di beneficio, con il listino Ftse Mib che ha chiuso in perdita (-0,26%). Le vendite si sono concentrate sul comparto bancario e del lusso. Si ritrovano schiacciate in fondo al listino Moncler, Pop Emilia e Ferragamo. In rialzo Azimut, prima, seguita da Mediaset e Unipol.