Borse temono paralisi governo Usa, tutto si gioca con Draghi e Yellen

24 Agosto 2017, di Daniele Chicca

Dopo le minacce di Donald Trump di chiudere i rubinetti del governo Usa pur di costruire il muro con il Messico i mercati finanziari temono una paralisi delle attività federali. Mentre le Borse fanno fatica dopo che il Dow Jones ha perso ieri 90 punti, il dollaro Usa è riuscito invece a ridurre le perdite accumulate ieri dopo le parole del presidente americano, che ha anche minacciato di mettere fine al trattato di libero scambio del NAFTA (North American Free Trade Agreement).

Quando riapriranno i lavori del Congresso Usa il 5 settembre, i parlamentari avranno 12 giorni lavorativi per approvare le misure relative alle spese pubbliche che consentano di innalzare il tetto al debito e impedire uno shutdown, una paralisi, dei servizi delle agenzie federali. Le Borse sono impazienti di ascoltare le parole che proferiranno Janet Yellen e Mario Draghi al simposio economico di Jackson Hole, nel Wyoming, organizzato dalla Federal Reserve di Kansas City. Con l’economia dell’area euro in miglioramento la Bce dovrà stabilire come e quando ridurre il piano di allentamento monetario straordinario.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di Borsa nel mese di agosto sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 24 Agosto 20179:56

La Borsa di Tokyo ha chiuso in calo dello 0,42% nel giorno del simposio di Jackson Hole. Aspettando gli interventi di Yellen, Draghi e degli altri banchieri l’attenzione dei mercati è rivolta alle prospettive di una paralisi del governo Usa.

L’agenzia di rating Fitch ha avvertito il paese che rischia di perdere la tripla A: il rating della prima economia al mondo verrà messo sotto osservazione per una possibile bocciatura se il Congresso non troverà “con la giusta tempistica” un accordo per aumentare il limite oltre il quale Washington non può emettere nuovo debito per finanziare le proprie attività. C’è tempo fino a fine settembre. In pratica dal 5 settembre, quando riprenderanno i lavori, mancheranno 12 giorni lavorativi per trovare raggiungere un’intesa.

Daniele Chicca 24 Agosto 20179:59

Sul valutario l’euro, valuta considerata da Allianz e altri analisti una delle più sottovalutate al mondo, cede lo 0,09% circa contro il dollaro scendendo sotto 1,18 dollari. Un’eventuale rafforzamento dell’euro potrebbe influire negativamente sui titoli di Borsa, tuttavia. Secondo Julius Baer appena toccherà quota $1,20 per l’azionario saranno guai.

Daniele Chicca 24 Agosto 201710:11

A giudicare dall’andamento delle Borse europee in avvio, i trader non sembrano troppo preoccupati dalle prospettive di uno shutdown in Usa. I listini principali dell’azionario scambiano in lieve rialzo, con l’indice Ftse MIB che recupera quasi tutte le perdite subite ieri.

Daniele Chicca 24 Agosto 201711:38

La Borsa londinese sale ai massimi di seduta dopo che il PIL britannico che è stato confermato allo 0,3% nel secondo trimestre su base trimestrale. La sterlina debole sta aiutando i titoli quotati sull’indice FTSE 100: sono molte infatti le blue chip inglesi che fanno affari all’estero.

Daniele Chicca 24 Agosto 201712:02

L’indice paneuropeo Euro Stoxx 600 estende i guadagni a metà seduta e ora scambia in rialzo dello 0,4% percent. Richiesti i titoli delle compagnie di assicurazione e quelli bancari. Solo il settore delle vendite al dettaglio e quello tecnologico sono in rosso.

A Piazza Affari si mette ancora in luce FCA. Il titolo, forte di un rialzo del 5% circa – guadagnato oltre il 25% in meno di due settimane – ha toccato un nuovo massimo di tutti i tempi dopo le indiscrezioni sullo scorporo di Alfa Romeo e Maserati, e ai piani di rivalutazione della componentistica e successiva quotazione per Magneti Marelli.

Daniele Chicca 24 Agosto 201712:50

Si prospetta un avvio di seduta positivo a Wall Street dopo i cali di ieri. L’attenzione dei mercati è rivolta al simposio economico dei banchieri centrali a Jackson Hole.

Daniele Chicca 24 Agosto 201713:57

Ci sono più del 50% di possibilità che l’economia del Regno Unito sprofondi in una fase di recessione. A dirlo è Fathom Consulting, citando gli ultimi dati pubblicati su Pil e vendite al dettaglio. Secondo gli economisti del gruppo indipendente di analisi macroeconomica e di mercato, l’apporto deludente dei consumi sta incominciando a farsi sentire.

Le ultime cifre hanno offerto la conferma che il paese ha registrato un’espansione dell’attività economica dello 0,3% lo scorso trimestre su base tendenziale. Anche se i titoli di Borsa, in particolare di quelle aziende esportatrici che fanno affari all’estero, sono favoriti dal ribasso della sterlina, il calo pesante della valuta britannica iniziato dopo il referendum sulla Brexit resta un fattore negativo” in termini di crescita, secondo Fathom Consulting. In pratica la sterlina debole sta colpendo i consumatori più di quanto non stia favorendo gli esportatori. Questo aumenta le chance di una recessione tecnica.

Daniele Chicca 24 Agosto 201714:04

L’analista di Royal London Asset Management prova a spiegare come mai i listini azionari stiano guadagnando terreno malgrado le incertezze politiche in Usa e anche altrove. “È la prima volta dalle elezioni presidenziali francesi che gli investitori sono preoccupati per il mercato”, osserva Trevor Greetham. “Secondo noi quando tutti gli altri sono timorosi è meglio comprare“.

L’indice paneuropeo Stoxx 600 guadagna mezzo punto percentuale nel primo pomeriggio dopo una seduta contrastata per I mercati asiatici. La Borsa Usa da parte sua dovrebbe aprire gli scambi in progresso, con i futures che dicono che l’S&P 500 segnerà un progresso dello 0,1% in avvio dopo i cali di ieri scaturiti da alcune trimestrali societarie deludenti e dalle turbolenze politiche in Usa, dove a giudicare dalle minacce di Donald Trump si rischia una paralisi delle attività di governo.

Daniele Chicca 24 Agosto 201714:10

Un analista di Royal London Asset Management prova a spiegare come mai i listini azionari stiano guadagnando terreno malgrado le incertezze politiche in Usa e anche altrove. “È la prima volta dalle elezioni presidenziali francesi che gli investitori sono preoccupati per il mercato”, osserva Trevor Greetham. “Secondo noi quando tutti gli altri sono timorosi è meglio comprare“.

L’indice paneuropeo Stoxx 600 guadagna mezzo punto percentuale nel primo pomeriggio dopo una seduta contrastata per I mercati asiatici. La Borsa Usa da parte sua dovrebbe aprire gli scambi in progresso, con i futures che dicono che l’S&P 500 segnerà un progresso dello 0,1% in avvio dopo i cali di ieri scaturiti da alcune trimestrali societarie deludenti e dalle turbolenze politiche in Usa, dove a giudicare dalle minacce di Donald Trump si rischia una paralisi delle attività di governo.

Daniele Chicca 24 Agosto 201714:13

Dopo un periodo di otto mesi molto positivo, sostanzialmente da quando è stato eletto Donald Trump, i mercati azionari hanno iniziato a traballare da metà agosto. Alcuni trader sono preoccupati per le incertezze politiche e monetarie, così come per i massimi assoluti raggiunti dai mercati, ma molti sono stati rapidi a comprare al primo segnale di ribasso. Questo ha contribuito a sostenere i listini e impedire un capitombolo dei mercati.

Daniele Chicca 24 Agosto 201717:11

Avvio positivo, come previsto, a Wall Street. Il Nasdaq è ben impostato per registrare i primi guadagni settimanali da diverso tempo.

Daniele Chicca 24 Agosto 201717:24

Quando manca poco alla fine degli scambi di Borsa in Europa, i listini dell’azionario sono in rialzo:

Daniele Chicca 24 Agosto 201717:50

La chiusura di Borsa in Europa è lievemente positiva.

Daniele Chicca 24 Agosto 201717:52

Bene Piazza Affari, con il paniere Ftse Mib che guadagna circa mezzo punto percentuale, rallentando leggermente il passo sul finale (faceva +0,7% a mezz’ora dalla chiusura). In rialzo soprattutto FCA, Luxottica e i titoli bancari. Comprate anche le Brembo. Deboli invece Azimut, Buzzi, Saipem, CNH Industrial e Yoox.