Borse: pesa scontro istituzionale su Savona, Spread sfonda quota 200

25 Maggio 2018, di Daniele Chicca

Lo scontro istituzionale sul nome di Paolo Savona, indicato dalla Lega come ministro dell’Economia e candidato ideale del “governo del cambiamento” per ridiscutere i trattati UE e i vincoli di bilancio, innervosisce i mercati finanziari, con lo Spread che ha sfondato i 200 punti base, per la prima volta in quasi un anno, e con il rendimento dei BTP decennali che sfiora il 2,5% dopo aver oltrepassato la soglia considerata di pericolo del 2,4%. Morgan Stanley ha sottolineato che è quello il livello spartiacque. La fuga dagli asset italiani continua a tenere alta la domanda di franchi svizzeri. Sempre sul Forex il cross euro dollaro è poco variato. Anche la quotazione dell’oro è stabile, mentre il petrolio cede circa l’1% con il WTI che scambia a 70-71 dollari al barile.

Il Quirinale ha precisato di non essere disposto ad accettare diktat dai partiti sulla lista dei ministri che il premier Giuseppe Conte dovrà presentare a Sergio Mattarella. L’incognita sul nome che sarà scelto per insediarsi a via XX Settembre alimenta le incertezze e i rischi di incrinare i rapporti tra Italia e Ue. Lo Spread tra i Btp e i Bonos spagnoli ha superato i 100 punti base: non accadeva da oltre sei anni. Piazza Affari è in difficoltà. Le banche italiane sono penalizzate dalla loro esposizione ai titoli di Stato connazionali, che potrebbe costringerle a fare i conti con perdite ‘mark-to-market’.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 25 Maggio 201812:36

Le Borse europee scambiano in progresso nell’ultima seduta di scambi della settimana. Complici le tensioni politiche, Milano è in controtendenza (-0,3% il Ftse Mib in questo momento). Il presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte dovrà presentare, forse già domani mattina, al presidente della Repubblica Sergio Mattarella la lista dei possibili ministri. Ma i nodi su alcuni dicasteri chiave, in primis quello del Tesoro, sono ancora da sciogliere.

Il nervosismo degli investitori è evidente se si va a guardare l’andamento dello Spread, che ieri si era attestato a 195 punti base: in avvio il differenziale tra i rendimenti dei BTp decennali e quelli dei Bund di pari scadenza ha sfondato quota 200 punti ed e’ schizzato a 202 punti, con il tasso del titolo decennale al 2,48%.

Daniele Chicca 25 Maggio 201812:38

La possibilità che Stati Uniti e Corea del Nord alla fine trovino il modo di organizzare un summit tra i due leader aiuta i listini azionari. Dopo che Donald Trump ha cancellato l’incontro storico con Kim Jong-un, da Pyongyang sono arrivate parole di distensione, con il vice ministro degli esteri che ha detto di sperare che si trovi una soluzione e che il governo è disposto a continuare a lavorare con Washington per trovare un punto di incontro sul nucleare.

Parigi fa +0,42%, Francoforte +0,52%, Madrid +0,32% e Londra +0,4%. Tra i singoli, a Piazza Affari si distinguono in positivo Leonardo (2,04%) e Fca (+1,22%), che recupera dopo i ribassi di ieri e fa da traino anche agli altri titoli della galassia Agnelli (Exor +0,92% e Ferrari +0,4%). In coda al listino le utility (Terna -1,94% e Snam -2,04%) e le banche, che continuano a risentire delle tensioni politiche e del rialzo dello spread (Mediobanca, Bper, Banco Bpm e Intesa Sanpaolo cedono tutte circa l’1%, Ubi perde il 2,09%). Osservati speciali i titoli tecnologici nel giorno in cui entra in vigore la Gdpr, la nuova regolamentazione sulla privacy e la tutela dei dati.

Daniele Chicca 25 Maggio 201815:38

Il prezzo del greggio scende dopo che Russia e Arabia Saudita hanno lasciato intendere che stanno valutando l’aumento delle soglie di produzione congelato con l’accordo di Vienna.

Notizia che ha fatto scendere il petrolio WTI, dai massimi toccati il 22 maggio a quasi 73 dollari/barile, sotto quota 70, a 69,40 dollari (-1,8%).

Daniele Chicca 25 Maggio 201815:39

Torna a salire lo spread tra BTp e Bund sul mercato secondario all’indomani del primo giro di consultazioni del premier incaricato Giuseppe Conte. Il rendimento del BTp decennale benchmark si muove in avvio al 2,48% dal 2,41 del closing della vigilia.

Stamattina il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark e il titolo tedesco di pari durata ha sfondato quota 200 punti, salendo a 202 punti base dai 191 punti della chiusura di ieri. Ieri in un report Goldman Sachs aveva indicato in area 200 punti la soglia di pericolo di contagio da non valicare.

Daniele Chicca 25 Maggio 201815:41

I titoli bancari italiani stanno accelerando al ribasso.

Daniele Chicca 25 Maggio 201815:46

Anche l’euro, in calo di più di mezzo punto percentuale a quota $1,1657 nei confronti del dollaro Usa, sta sentendo l’impatto delle incertezze politiche in Italia e in Spagna.

Daniele Chicca 25 Maggio 201815:51

Apertura in calo per i principali indici della Borsa Usa: le trimestrali societarie nel complesso positive, tra cui quella della catena di abbigliamento sportivo Foot Locker, sono offuscate dai timori geopolitici e dalle incertezze in Spagna e in Italia. Dopo che Donald Trump ha cancellato il summit con il leader della Corea del Nord, i mercati americani hanno preso la strada dei ribassi.

Oggi il Dow Jones cede 45 punti, zavorrato dalle perdite di Chevron e Goldman Sachs. L’indice S&P 500 cala dello 0,1%: in questo caso sono i titoli energetici e finanziari a trainare al ribasso il paniere. Il Nasdaq lascia sul campo meno dello 0,1% grazie ai guadagni di Netflix e Alphabet, società madre di Google. I volumi sono più sottili della media, con i trader che si preparano per un weekend lungo, visto che Wall Street lunedì rimarrà chiusa in occasione delle festività del Memorial Day.

Daniele Chicca 25 Maggio 201816:10

Le incertezze politiche, in particolare sulla composizione del nuovo governo “anti sistema” iniziano a farsi sentire sul serio sul mercato obbligazionario secondario: è in atto una mini fuga dai BTp. Il rendimento a due anni del Bond governativo italiano è in rialzo di 35 punti base allo 0,66% in un contesto di appiattimento della curva dei rendimenti, sintomo di pericolo di crisi. Se i guadagni dei tassi dovessero venire confermati a fine giornata, si tratterebbe dell’incremento giornaliero maggiore in cinque anni di tempo.

Daniele Chicca 25 Maggio 201816:10

L’aumento settimanale sarebbe il più intenso dai tempi della crisi del debito sovrano nel 2012. Intanto anche il premio di rischio, misurato nello Spread tra Btp e Bund a breve termine, esplode al rialzo. Il differenziale tra i due rendimenti ha superato infatti quota 125 punti base. Il differenziale tra i titoli decennali ha invece oltrepassato i 200 punti, considerata da Goldman Sachs la soglia di un pericolo di contagio nell’area periferica dell’Eurozona. Il capo del Quirinale Sergio Mattarella e il premier designato Giuseppe Conte potrebbero sciogliere le riserve sulla rosa dei ministri già da questa sera.

Daniele Chicca 25 Maggio 201822:10

Piazza Affari chiude in forte calo, con il Ftse Mib che ha perso l’1,54% a causa dell’’incertezza politica sulla formazione del nuovo governo. Colpito dalle vendite tutto il comparto bancario, male anche A2A, Eni, Tenaris, Enel, Snam, Saipem e Terna. In rialzo invece Stm, Leonardo, Campari, Pirelli e i titoli del lusso.

Daniele Chicca 25 Maggio 201822:11

Le Borse europee chiudono deboli, ma meno rispetto a Piazza Affari, che paga l’incertezza politica. L’indice EuroStoxx50 perde lo 0,31%. Poco mosso l’andamento di Wall Street. In calo i titoli bancari, E.On, Total, Engie, Enel e Telefonica. In rialzo invece Philips, Safran, Bayer e Sap.

Daniele Chicca 25 Maggio 201822:12

Sotto pressione anche l’euro, con il cross con il dollaro che viaggia a 1,1660 dollari alla chiusura dei mercati europei, mentre il contratto sul petrolio Wti che ha perso addirittura il 4% a 67,90 dollari al barile.