Deutsche Bank manda in tilt i mercati. Cosa sta succedendo

di Alessandra Caparello
24 Marzo 2023 12:31

Giornata nera per le borse con la tedesca Deutsche Bank che mette in crisi il comparto bancario.

Le azioni dell’istituto di credito sono scese di oltre il 13% nella mattinata dopo l’impennata dei credit default swap di giovedì sera, a causa del persistere delle preoccupazioni sulla stabilità delle banche europee.

Le azioni di Deutsche Bank perdono il 13% del valore

Le azioni dell’istituto di credito tedesco sono scese per il terzo giorno consecutivo e hanno perso più di un quinto del loro valore nel corso del mese.

I credit default swap – una forma di assicurazione per gli obbligazionisti di una società contro la sua insolvenza – sono balzati a 173 punti base giovedì sera dai 142 punti base del giorno precedente.

Il salvataggio d’emergenza di Credit Suisse da parte di Ubs, sulla scia del collasso di Silicon Valley Bank, ha innescato la preoccupazione di contagio tra gli investitori, aggravata dall’ulteriore inasprimento della politica monetaria da parte della Federal Reserve.

Le autorità di regolamentazione e le banche centrali svizzere e mondiali speravano che l’acquisto di Credit Suisse da parte del suo rivale nazionale avrebbe contribuito a calmare i mercati, ma gli investitori non sono evidentemente convinti che l’accordo sia sufficiente a contenere lo stress del settore bancario. Anche le obbligazioni Additional Tier 1 (AT1) di Deutsche Bank – una classe di attività che ha fatto notizia questa settimana dopo il controverso azzeramento delle AT1 di Credit Suisse nell’ambito dell’operazione di salvataggio – hanno subito forti ribassi.

Deutsche Bank ha registrato 10 trimestri consecutivi di utili, dopo aver completato una ristrutturazione da svariati miliardi di euro iniziata nel 2019, con l’obiettivo di ridurre i costi e migliorare la redditività. L’istituto di credito ha registrato un utile netto annuale di 5 miliardi di euro (5,4 miliardi di dollari) nel 2022, con un aumento del 159% rispetto all’anno precedente. Il suo CET1 ratio – una misura della solvibilità della banca – si è attestato al 13,4% alla fine del 2022, mentre il suo rapporto di copertura della liquidità è stato del 142% e il suo rapporto netto di finanziamento stabile si è attestato al 119%.

Difficile contenere le turbolenze del settore bancario

Nelle ultime settimane le autorità di regolamentazione finanziaria e i governi hanno intrapreso azioni per contenere il rischio di contagio dai problemi esposti dai singoli istituti di credito, e Moody’s ha dichiarato in una nota che dovrebbero “in linea di massima riuscire” a farlo.

Tuttavia, in un contesto economico incerto e con la fiducia degli investitori che rimane fragile, c’è il rischio che i policy maker non riescano a contenere le attuali turbolenze senza ripercussioni più durature e potenzialmente gravi all’interno e all’esterno del settore bancario, ha dichiarato il team di strategia creditizia dell’agenzia di rating. “Anche prima che le tensioni bancarie diventassero evidenti, avevamo previsto che le condizioni del credito globale avrebbero continuato a indebolirsi nel 2023 a causa di tassi di interesse significativamente più alti e di una crescita più bassa, comprese le recessioni in alcuni Paesi“.

La reazione dei mercati alla caduta di Deutsche Bank

Deutsche Bank ha guidato un ampio calo dei principali titoli bancari europei venerdì, con la rivale tedesca Commerzbank che ha perso il 9%, mentre Credit Suisse, Societe Generale e UBS sono scese di oltre il 7% ciascuna. Barclays e BNP Paribas hanno perso entrambe oltre il 6%.

Dall’altra parte del mondo, anche i future legati al Dow Jones Industrial Average sono scesi di oltre 250 punti. Le azioni della Deutsche Bank quotate negli Stati Uniti sono scese del 7,7% nel pre-mercato. Anche le azioni delle principali banche statunitensi sono state sotto pressione. Bank of America e Wells Fargo sono scese di oltre il 2% ciascuna, mentre J.P. Morgan Chase e Citigroup sono scese entrambe di oltre l’1%.

“Il principale fattore di volatilità dei mercati è la valutazione da parte degli investitori del rapporto tra stabilità dei prezzi e stabilità finanziaria”, ha dichiarato Tom Hainlin, stratega nazionale degli investimenti presso U.S. Bank Wealth Management. Hainlin ha affermato che la Fed ha “il mandato di domare l’inflazione, limitando al contempo le ulteriori tensioni sull’attività del mercato dei capitali che possono derivare dai continui rialzi dei tassi”.

Arretra anche il Ftse Mib, che al momento segna -2,53%. Nel listino principale soffrono Unicredit (-5%) e Banco Bpm (-6%), Bper (-5,86%). Seduta in calo anche per Mps (-5,29%) e Intesa Sanpaolo (-3,97%).