Borse: Cina ai minimi del 2018, Sudamerica al top grazie al petrolio

18 Aprile 2018, di Daniele Chicca

L’indice della Borsa di Shanghai (CSI 300) è calato di più dell’1,6% in giornata, aggiornando i minimi di febbraio e attestandosi sui livelli più bassi dell’anno. È un dato importante dal momento che i mercati azionari globali hanno una correlazione molto forte con le Borse cinesi. Se confrontato con il listino CSI 300 in dollari, l’indice KLSU Americas mostra una corrispondenza elevata, dell’80%. Questo significa che la Borsa cinese ha per più di due terzi lo stesso andamento dell’azionario del mondo industrializzato americano. Anche se si fa un paragone con Asia ed Europa, i risultati sono equivalenti. L’Asia industrializzata si trova già ai minimi del 2018, pertanto l’andamento della Cina offre una conferma di una rottura al ribasso dei supporti.

Guardando ai mercati in via di Sviluppo si notano un paio di divergenze interessanti. Se confrontato con l’azionario cinese, l’indice dei mercati emergenti KLSU EM EMEA si comporta in maniera del tutto simile, con le Borse che tendono verso il basso. La regione che invece non sta seguendo il trend ribassista è il Sudamerica. Il rapporto di correlazione è il più basso tra tutte le aree emergenti, con l’indice KLSU EM Americas in aumento di oltre il 7% da inizio anno (se la prova viene misurata in dollari), il risultato migliore tra tutte le Borse mondiali a dimostrazione di come l’incremento dei prezzi del petrolio spinge gli investitori a favorire l’azionario e l’obbligazionario dell’America Latina. Chi non può aver accesso diretto ai bond sudamericani, può guadagnare esposizione al settore puntando sul fondo ETF Van Eck JP Morgan EM Local Currency Bond (EMLC).

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 18 Aprile 201815:37

Morgan Stanley ha registrato nel primo trimestre del 2018 un utile netto di 2,7 miliardi di dollari, o 1,45 dollari per azione, in aumento rispetto agli 1,9 miliardi, o un dollaro per azione, dello stesso periodo del 2017. Le attese si fermavano a 1,25 dollari per azione. In crescita anche i ricavi che si sono attestati a 11,1 miliardi di euro dai 9,7 miliardi dello stesso trimestre del 2017. Secondo quanto comunicato dalla banca d’affari Usa i buoni risultati sono dovuti al calo della pressione fiscale e all’aumento del trading, causato dalla maggiore volatilità del mercato.

Daniele Chicca 18 Aprile 201815:40

Piazza Affari viaggia sopra la parità a metà seduta; il listino FTSE Mib guadagna lo 0,18%. In cima si piazzano Leonarod, Ferragamo, Tenaris, Saipem e Moncler. Perdono invece più del 2% Pirelli e Campari. Deboli anche Stm, Brembo e Bper Banca.

Daniele Chicca 18 Aprile 201815:40

La scelta delle autorità cinesi di aprire il proprio mercato dell’auto al mondo, eliminando gradualmente il massimo della quota che le aziende straniere possono detenere in una joint venture con una azienda locale, pesa sui titoli del comparto auto cinese. BAIC Motor, che ha siglato accordi di joint venture sia con Daimler che con Hyundai, è affondata a Hong Kong di oltre -15%. In ribasso anche i seguenti titoli: Brilliance Auto, in joint venture con BMW, ha ceduto l’8,71% a Hong Kong; SAIC Group, che produce veicoli Volkswagen e Skoda, ha perso l’1,94% a Shanghai.

Daniele Chicca 18 Aprile 201815:43

Progressi modesti in avvio di seduta per i principali indici dell’azionario americano. L’S&P 500 guadagna 8 punti a quota 2.714, estendendo i rialzi della vigilia di 26 punti. L’indice allargato si trova sui massimi dal 21 marzo, il giorno in cui la Fed ha imposto l’atteso rialzo dei tassi di interesse. Gli analisti osservano che un fattore che dovrebbe destare preoccupazione riguarda i volumi: i dati di ieri sono stati i minimi dell’anno, un risultato non particolarmente positivo.

Forexlive Image View

Daniele Chicca 18 Aprile 201815:46

Progressi modesti in avvio di seduta per i principali indici dell’azionario americano. L’S&P 500 guadagna 8 punti a quota 2.714, estendendo i rialzi della vigilia di 26 punti. L’indice allargato si trova sui massimi dal 21 marzo, il giorno in cui la Fed ha imposto l’atteso rialzo dei tassi di interesse. Gli analisti osservano che un fattore che dovrebbe destare preoccupazione riguarda i volumi: i dati di ieri sono stati i minimi dell’anno, un risultato non particolarmente positivo.

Forexlive Image View

Daniele Chicca 18 Aprile 201817:45

Un’altra seduta di rialzi per le Borse europee. Il Dax ha chiuso piatto ma il CAC, l’IBEX e il FTSE 100 hanno guadagnato lo 0,5%, 0,6% e 1,3%, rispettivamente. 

Piazza Affari archivia la seduta pure in rialzo, con il Ftse Mib che guadagna lo 0,6% circa. In cima al listino Saipem in rialzo di oltre il 4%. Positivi anche Ferragamo, Moncler, Leonardo, Tenaris e Telcom Italia. Controtendenza Campari, Pirelli, Brembo, Stm e Bper Banca.

Daniele Chicca 18 Aprile 201818:03

Il MoVimento 5 Stelle ha risposto con un no secco all’ipotesi di formare un governo con la coalizione di centro destra unita, l’idea che sta portando avanti la presidente del Senato Casellati con il mandato esplorativo datole dal capo del Quirinale Sergio Mattarella.

Fallito questo tentativo per Luigi Di Maio, leader del M5S, rimane in piedi l’ipotesi di formare un governo con la Lega, sempre che Matteo Salvini sia disposto a staccarsi da Forza Italia. Di Maio da tempo ha detto che non vuole allearsi con Silvio Berlusconi e anche questo ultimo, come dimostrano gli ultimi attacchi al primo partito d’Italia, non ha intenzione di scendere a patti in questo seno.

Daniele Chicca 18 Aprile 201818:04

La notizia non è positiva per l’euro e per i mercati obbligazionari italiani e della periferia, ma non rappresenta per il momento un grosso rischio. Tanto è vero che la moneta unica, approfittando di un indebolimento del dollaro Usa, si è rafforzata negli ultimi scambi rispetto al biglietto verde.

Forexlive Image View

Daniele Chicca 18 Aprile 201818:27

A Wall Street i rialzi, possibili grazie all’andamento positivo di industriali ed energetici, sono contenuti a causa del calo di tecnologici, che pagano la flessione del 7,2% di IBM. Il colosso informatico ha pubblicato margini deludenti rispetto alle attese di mercato. Pesano anche i ribassi dei titoli dei gruppi attivi nel comparto dei semiconduttori.

Tra gli industriali si mettono in evidenza CSX (+7%) dopo che il gruppo ha riportato utili superiori alle stime. I risultati societari sostengono altri gruppi di trasporti e infrastrutture (indice Dow Jones Transport +1,2%). Le azioni United Airlines intanto guadagnano oltre il +5% dopo che la trimestrale ha visto un profitto più elevato del previsto nel trimestre.

Daniele Chicca 18 Aprile 201818:43

Il prezzo del petrolio è in buon rialzo da quando è stato pubblicato il report dell’API sulle scorte di greggio. Anche se i dati sulle scorte settimanali Usa riportati dal Dipartimento dell’Energia hanno mostrato un incremento della produzione in America a nuovi massimi, in generale ci sono stati cali su tutti i fronti e componenti, il che allenta i timori relativi all’offerta in eccesso.

Le scorte di greggio, in particolare, sono diminuite la scorsa settimana di 1,047 milioni di barili, sorprendendo le attese che erano per una variazione positiva di +650 mila. Anche nel caso di cushing, benzina e distillati è stato registrato un calo (di -1,015 milioni, -2,473 milioni e -845 mila unità, rispettivamente).

Daniele Chicca 18 Aprile 201818:43

Stando agli schermi di Bloomberg, i future sul contratto WTI con scadenza maggio avanzano dell’1,88% a 67,77 dollari al barile, mentre il contratto con consegna giugno sul Brent fa segnare un progresso dell’1,56% a quota 72,70 dollari.