Borsa Milano resiste a stress per banche e Pil Usa

29 Luglio 2016, di Daniele Chicca

MILANO (WSI) – Mentre continua ad arrivare una sfilza di conti societari, che secondo gli operatori sono insieme alle decisioni delle banche centrali le comunicazioni che più indirizzano l’andamento di Borsa, i mercati sono nervosi in attesa di conoscere l’esito degli stress test dell’Eba sulle banche europee. Non aiutano nemmeno i dati sul Pil Usa, dove la crescita è stata stimata nel secondo trimestre al +1,2% dal +2,6% previsto. Il report ha indebolito molto il dollaro (vedi grafico sotto). Per MPS seduta molto buona: i titoli sono premiate dalle prospettive di un piano salva banca che preveda un aumento di capitale di 5 miliardi – con addio della Fondazione bancaria – e il ricorso al Fondo Atlante e l’intervento di privati per lo smaltimento di 10 miliardi di sofferenze nette.

Dopo il nulla di fatto della Federal Reserve, che però ha aperto alla possibilità di un rialzo dei tassi quest’anno, la Banca del Giappone ha deluso le attese confermando anch’essa lo status quo sul costo del denaro. Il rafforzamento del piano di allentamento monetario è stato di un’intensità inferiore alle aspettative. Questo ha spinto al rialzo lo yen. Ad alimentare gli acquisti alla Borsa di Tokyo è stata la reazione positiva del settore finanziario alla variazione nulla dei tassi d’interesse. Mitsubishi UFJ Financial Group ha guadagnato il 7,7%, Mizuho Financial Group il 5,7%, Dai-ichi Life Insurance l’8,7%. Il trend della Borsa cinese è invece debole.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 29 Luglio 20169:16

In calendario macro dopo la stima preliminare del Pil francese e le vendite al dettaglio della Germania, verranno pubblicati i dati aggregati nell’Eurozona dell’inflazione, del Pil e sulla disoccupazione mentre in Italia i dati sui prezzi al consumo e alla produzione. Nel pomeriggio negli Stati Uniti verrà diffuso il dato sul Pil – alle 14.30 – e il Chicago PMI, più tardi.

Daniele Chicca 29 Luglio 20169:17

Sul mercato obbligazionario, il future sul Bund con consegna settembre ha aperto stamane in calo di 36 tick a 167,05, mentre lo spread tra Btp e Bund decennali si attesta a 130 punti base, con il rendimento del decennale italiano all’1,21%.

Daniele Chicca 29 Luglio 20169:24

Sul valutario cambio euro dollaro a quota $1,1083. Yen in risalita di quasi il 2% sul biglietto verde ed euro dopo la decisione della Banca del Giappone di varare solo un contenuto incremento dei propri acquisti di fondi comuni (ETF), deludendo quindi le aspettative che erano per nuove misure di stimolo più consistenti.

Daniele Chicca 29 Luglio 20169:26

Tra le materie prime, prezzi del petrolio ancora in calo anche se moderatamente. Il contratto Wti si attesta a 40,91 dollari al barile vicino ai minimi di aprile. Il petrolio è appena entrato in una fase di mercato ribassissta (-20% dai massimi del 2016). Gli operatori sono innervositi dallle prospettive poco incoraggianti per la crescita economica internazionale, che non pongono a favore della domanda. Il tutto mentre rimane preoccupante l’eccesso d’offerta.

Daniele Chicca 29 Luglio 20169:28

Wall Street ha chiuso contrastata ma senza grandi variazioni ieri: Dow Jones -0,09%, S&P 500 +0,16% e Nasdaq-100 +0,39%. A trainare gli scambi sono state in particolare le trimestrali dopo il nulla di fatto della Fed. I volumi di scambio sono stati bassi in quanto molti investitori sono rimasti in attesa del dato sul Pil del secondo trimestre che verrà pubblicato oggi alle 14.30.

Tra i singoli si segnala il tonfo di Ford Motor (-8,2%) che ha annunciato per lo scorso trimestre un utile adjusted di $0,52 per azione, contro un consensus di $0,60 per azione. Boeing (-2,2%) ha avvertito che potrebbe mettere fine alla produzione del 747 a causa del calo degli ordini e della pressione sui prezzi. Attese in giornata le trimestrali di United Parcel Service, Merck & Co, Cigna, Lexmark International, Exxon Mobil, Chevron, Xerox.

Daniele Chicca 29 Luglio 20169:50

Apertura in progresso, ma modesto, per le Borse europee, sulla scia della bella prova del Giappone. Piazza Affari guadagna lo 0,2% circa nelle prime battute, sostenuta da Mps, premiata dagli ultimi sviluppi sul fronte aumento di capitale. Positivi anche i titoli di Generali (dopo i conti) e FCA (rimbalzo tecnico dopo il calo di ieri). In controtendenza Eni (trimestrale debole), Mediaset e Azimut.

Daniele Chicca 29 Luglio 201610:30

Piazza Affari accelera con il passare degli scambi, favorita da Generali e Mps e qualche altro gruppo del settore finanziario. Il Ftse Mib fa segnare un rialzo dell’1,1% a 16.710 punti. Tra le blue chip, nuovo tonfo per Mediaset (-7,9% a 2,72 euro) all’indomani dei risultati semestrali che hanno evidenziato un rosso di 27,8 milioni, penalizzato dalla performance di Premium.

In denaro invece Generali (+5%) in scia ai conti del semestre, che hanno registrato un utile in calo a 1,178 miliardi ma superiore alle stime del consensus, e alla conferma dei target del piano. Corre anche Mps (+5%) nel giorno cruciale per il futuro dell’istituto.

Daniele Chicca 29 Luglio 201611:19

Dopo la pubblicazione dei dati macro in Eurozona, che hanno mostrato una frenata della crescita del Pil, al +0,3%, un’inflazione ferma al +0,2% e un tasso di disoccupazione stabile al 10,1%, nel secondo trimestre, l’euro non si discosta di molto dalla variazione della prima mattinata. Al momento guadagna lo 0,18%. I dati sono sostanzialmente in linea con le previsioni.

Daniele Chicca 29 Luglio 201612:10

I futures sui principali indici della Borsa Usa sono poco ispirati con variazioni che vanno dal -0,2% allo zero. 

Daniele Chicca 29 Luglio 201613:19

Aspettando i dati sul Pil statunitense, che verranno pubblicati tra circa un’ora, Piazza Afari si porta sui massimi di gioranta, riconquistando e superando l’area dei 16.900 punti. Tra i titoli più richiesti di giornata figurano Generali e le banche.

Daniele Chicca 29 Luglio 201613:26

La banca centrale della Russia ha mantenuto il costo del denaro invariato al 10,5%. Secondo la governatrice Elvira Niabullina i tassi su questi livelli incoraggeranno i russi a risparmiare e contribuiranno a ridurre le aspettative di inflazione. Rimane comunque il rischio che i prezzi al consumo non raggiungano l’obiettivo del 4%. Il Pil annuale entrerà in territorio positivo nel 2017. Sui mercati, il rublo si sta leggermente rafforzando nei confronti del dollaro Usa.

Daniele Chicca 29 Luglio 201613:30

I titoli MPS accelerano al rialzo dopo che il CdA ha bocciato il piano di aumento di capitale alternativo poposto da Corrado Passera. Il computo è del +7,4% a Piazza Affari nel primo pomeriggio. Il piano dell’ex ministro dell’Economia e di Ubs prevedeva, secondo le indiscrezioni, la cancellazione dei subordinati in mano agli istituzionali.

Intanto cresce l’attesa per le decisioni che quest’oggi prenderà il board della banca per mettere in sicurezza l’istituto toscano proprio nel giorno dell’esito degli stress test, che verranno resi noti alle 22, per evitare speculazioni di mercto. Secondo le voci il piano di Mps prevede la dismissione di 10 miliardi di sofferenze nette in una sola operazione e un successivo aumento di capitale da 5 miliardi di euro circa.

Daniele Chicca 29 Luglio 201614:29

Tra le materie prime, nuovo calo dei contratti sul petrolio.

Daniele Chicca 29 Luglio 201614:36

Sul valutario l’euro si rafforza sul dollaro Usa dopo la pubblicazione dei dati deludenti sul Pil americano: la crescita è stata dell’1,2% nel secondo trimestre, meno delle previsioni. Il Pil è stato poi rivisto al ribasso per il periodo precedente: nei primi tre mesi l’espansione delle attività economiche è stata dello 0,8% e non dell’1,1% riportato in antecedenza. La moneta unica quota 1,1360 dollari, un bel rialzo dall’area di $1,1127 precedente al dato.

Daniele Chicca 29 Luglio 201614:38

Sul valutario l’euro si rafforza sul dollaro Usa dopo la pubblicazione dei dati deludenti sul Pil americano: la crescita è stata dell’1,2% nel secondo trimestre, meno delle previsioni. Il Pil è stato poi rivisto al ribasso per il periodo precedente: nei primi tre mesi l’espansione delle attività economiche è stata dello 0,8% e non dell’1,1% riportato in antecedenza. La moneta unica quota 1,1136 dollari, in rialzo dall’area di $1,1127 precedente al dato.

Daniele Chicca 29 Luglio 201616:01

Apertura di Borsa in calo a Wall Street dopo la pubblicazione di dati molto deludenti sul fronte economico. Il Pil della prima economia al mondo si è espanso di meno della metà rispetto alle stime: +1,2% contro il +2,6% stimato. Riviste al ribasso anche molte delle variazioni dei trimestri precedenti. In Asia poi la Banca del Giappone ha deluso con una tornata di misure di stimolo monetario meno intense del previsto. Tra i singoli titoli bene Amazon e Google dopo i conti di Alphabet, mentre Exxon Mobi cede il 3% circa dopo aver riportato un calo scioccante degli utili trimestrali: -59%. Proprio grazie al balzo di alcuni titoli hi-tech, il Nasdaq avanza per il quarto giorno di fila. Destino opposto per il Dow Jones, in calo per la quinta seduta di fila.

Daniele Chicca 29 Luglio 201616:03

Apertura di Borsa in calo a Wall Street dopo la pubblicazione di dati molto deludenti sul fronte economico. Il Pil della prima economia al mondo si è espanso di meno della metà rispetto alle stime: +1,2% contro il +2,6% stimato. Riviste al ribasso anche molte delle variazioni dei trimestri precedenti. In Asia poi la Banca del Giappone ha deluso con una tornata di misure di stimolo monetario meno intense del previsto. 

Tra i singoli titoli bene Amazon e Google dopo i conti di Alphabet, mentre Exxon Mobi cede il 3% circa dopo aver riportato un calo scioccante degli utili trimestrali: -59%. Proprio grazie al balzo di alcuni titoli hi-tech, il Nasdaq avanza per il quarto giorno di fila. Destino opposto per il Dow Jones, in calo per la quinta seduta di fila.

Daniele Chicca 29 Luglio 201617:04

Nonostante la tensione per l’arrivo dei risultati degli stress test dell’Eba sulle cinque più grandi banche italiane, Piazza Affari sta per chiudere le contrattazioni con il computo migliore in Europa. A trainare i rialzi sono Generali, premiata da conti semestrali migliori del previsto, e Unicredit.

Daniele Chicca 29 Luglio 201617:31

Mentre si avvicina l’appuntamento con i risultati degli stress test dell’Eba, le paure sulla situazione pericolante delle banche italiane non è condivisa dagli investitori a giudicare dall’andamento del settore in Borsa oggi.

Daniele Chicca 29 Luglio 201617:33

La settimana si conclude con una nota positiva, ma lunedì tutto dipenderà da come gli operatori e i commentatori di Borsa giudicheranno gli stress test condotti sui 51 maggiori istituti di credito d’Europa.

Londra ha chiuso piatta mentre tutte le altre principali piazze finanziarie europee hanno registrato una performance positiva. La migliore prova di tutte le Borse è stata quella di Piazza Affari, spinta dai rialzi delle banche e di Generali.

Daniele Chicca 29 Luglio 201617:51

Sul valutario, il tasso di cambio euro dollaro quota $1,1171, mentre il petrolio Wti – che era partito in calo – al momento guadagna lo 0,3% a 41,28 dollari al barile.

Daniele Chicca 29 Luglio 201617:52

Piazza Affari termina la seduta in rialzo, in linea con le altre borse europee, con l’indice Ftse MIB che avanza dell’1,96%. La buona prova si deve soprattutto ai risultati e della indiscrezioni societari usciti in mattinata, in particolare quelli di Generali e Mps. In controtendenza Mediaset, molto negativa, Cnh Industrial e Azimut.

Daniele Chicca 29 Luglio 201617:53

La settimana si conclude con una nota positiva, ma lunedì tutto dipenderà da come gli operatori e i commentatori di Borsa giudicheranno gli stress test condotti sui 51 maggiori istituti di credito d’Europa.

Londra ha chiuso piatta mentre tutte le altre principali piazze finanziarie europee hanno registrato una performance positiva. La migliore prova di tutte le Borse è stata quella di Piazza Affari, spinta dai rialzi delle banche e di Generali. L’EuroStoxx 600 fa +0,8%.