Bomba davanti sede Equitalia a Napoli: chi c’è dietro?

5 Maggio 2016, di Alessandra Caparello

NAPOLI (WSI) – Ci sarebbe la mano della “Nuova Famiglia Organizzata” dietro l’esplosione di un ordigno davanti la sede di Equitalia a Giugliano a Napoli, avvenuta nel cuore della notte.
Il bilancio comunque non è tragico: nessun ferito solo tanta paura e qualche vetro rotto per un ammontare di danni pari a circa 2mila euro.

A renderlo noto Il Mattino che parla di una sigla scritta a terra vicino al luogo dell’esplosione, con vernice rossa: NFO, l’acronimo di un gruppo armato che nell’ultimo anno ha messo in atto diversi attentati e intimidazioni.

Ma chi sono gli NFO? Secondo gli agenti della Uigos del Commissariato di Giugliano diretti dal primo dirigente Pasquale Trocino, la Nuova Famiglia Organizzata sembrerebbe non legata alla criminalità organizzata ma poco si sa di questa nuova banda di criminale. Si sa che la scorsa estate sono venuti alla ribalta per una serie di scritte minacciose apparse a Mugnano, Villaricca e a Qualiano, scritte in cui ad essere presi di mira sono politici locali e dirigenti degli enti, come l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Villaricca Raffaele Cacciapuoti e l’ex dirigente della Sagi, Carlo Albanese.

Ancora più minacciosa la scritta apparsa sul muro a piazza Municipio a Giugliano rivolta al primo cittadino Antonio Poziello – “Sindaco impara che la P38 spara”- a cui il primo cittadino aveva risposto con sottile ironia chiamandoli Nuovi Fessi Organizzati.

“Una scritta delirante firmata NFO che segue di poco una lettera anonima giunta ai miei uffici con la quale si minacciavano danneggiamenti alla città ed altro, con allegata richiesta di riscatto. Ebbene, più che la minaccia, evidentemente indirizzata a me, ed il riferimento alla P38, retaggio di altri tempi, quello che mi preoccupa è questa allergia per ciò che è bello ed ordinato. Più che meritare un’indagine delle forze dell’ordine, questi deficienti che se ne vanno in giro a imbrattare pareti sentendosi rivoluzionari, meriterebbero una buona dose di calci nel sedere. Suggerirei giochi meno dannosi per tutti, uno per tutti il classico guardie e ladri. Inventando altri sistemi per far capire che tra tanti cretini, in giro ce ne sono anche alcuni che si fanno chiamare NFO: Nuovi Fessi Organizzati”.

A gennaio però è avvenuto l’episodio più inquietante con alcuni colpi di pistola esplosi contro l’ingresso del Comune di Qualiano, azione che fu rivendicata dalla NFO. Polizia e carabinieri continuano ad indagare per far venire a galla chi si celi dietro la banda.