BlockFi dichiara bancarotta, sulla scia del fallimento di FTX

28 Novembre 2022, di Gianmarco Carriol

BlockFi ha presentato istanza di protezione per bancarotta ai sensi del Chapter 11 presso il Tribunale fallimentare degli Stati Uniti per il Distretto del New Jersey, in seguito al fallimento del potenziale acquirente FTX. Nel documento, la società ha dichiarato di avere più di 100 mila creditori con debiti e attività che vanno da 1 a 10 miliardi di dollari.

La società di criptovalute, che offre un exchange di criptovalute e servizi di risparmio di interessi, è stata una delle numerose società che hanno avuto gravi problemi di liquidità in seguito al fallimento di Three Arrows Capital. All’epoca, BlockFi è stata una delle prime società a essere stata salvata da FTX, con un accordo inizialmente valutato fino a 20 milioni di dollari. L’accordo, che consisteva in una linea di credito di 250 milioni di dollari, salvò BlockFi dal fallimento.

La CNBC ha successivamente riferito che il valore effettivo dell’accordo era compreso tra 25 e 50 milioni di dollari.

Con l’istanza di fallimento, BlockFi si unisce a Voyager Digital e Celsius Networks, che hanno entrambe presentato istanza di fallimento ai sensi del Chapter 11 in seguito alla crisi di TerraLuna all’inizio del 2022. L’avvocato di BlockFi ha già presentato settimane prima un’istanza nel caso di bancarotta di FTX presso il Tribunale fallimentare degli Stati Uniti per il Distretto del Delaware.

L’azienda ha già sospeso i prelievi dopo che l’impero FTX di Sam Bankman-Fried è crollato in pochi giorni. Nessun commento è stato attualmente rilasciato da BlockFi.