Bitcoin: speculatori e libertari scottati, altro crollo e dimissioni nel board

24 Febbraio 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – La Fondazione Bitcoin ha emesso il seguente comunicato:

“Con effetto immediato, Mt. Gox ha presentato le dimissioni dal consiglio di amministrazione” (qui comunicato)

Mt. Gox, con sede in Giappone, aveva uno dei tre posti nel consiglio di amministrazione ed era tra i fondatori di Bitcoin. Qualcosa di grosso deve essere accaduto, ma al momento non si hanno ulteriori dettagli. I prezzi della moneta virtuale sulla piattaforma giapponese (ormai in via di estinzione) sono crollati subito dopo l’annuncio, provocando enorme volatilita’ per Bitcoin, il cui valore e’ scivolato fino a $151 dal precedente $239 per poi stabilizzarsi a $190 (sui massimi aveva toccato anche quota $1200).

Leggi tutti gli articoli di archivio di Wall Street Italia su Bitcoin.

E’ la seconda volta negli ultimi mesi che un membro senior del board della Bitcoin Foundation Board Member da’ le dimissioni. Anche il CEO di BitInstant Charlie Shrem, che era il vicepresidente del Board della Fondazione, aveva dato le dimissioni a fine gennaio. Era stato arrestato con l’accusa di riciclaggio di denaro sporco.