Bitcoin, sempre più volatilità in vista. Ecco perché

1 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

È probabile una maggiore volatilità per il Bitcoin nei prossimi mesi, poiché la maggiore criptovaluta per capitalizzazione di mercato dovrà affrontare il disaccoppiamento dai mercati tradizionali e una minore forward guidance dalla Federal Reserve.

Il Bitcoin è già sceso del 56% da circa 47.500 dollari del primo gennaio ad appena sopra 20.000 dollari. L’aumento della volatilità rifletterebbe il nuovo approccio basato sui dati della Fed, che cambia l’attuale pratica della banca centrale americana di prefigurare il ritmo degli aumenti dei tassi di interesse prima delle riunioni del Federal Open Market Committee (FOMC) che stabilisce la politica monetaria. Ma potrebbe esserci ancora più volatilità al ribasso, poiché l’incertezza macroeconomica grava pesantemente sugli investitori in criptovalute.

In una conferenza stampa di luglio, il presidente della Fed Jerome Powell ha annunciato ai giornalisti del cambiamento, il che significa che la banca centrale non prenderà decisioni fino all’ultimo minuto. Gli investitori diventeranno probabilmente più speculativi in ​​assenza di segnali chiari dai governatori della Fed o altro.

“È improbabile che la volatilità scompaia nei prossimi mesi poiché la Fed si sta preparando a intensificare il processo di riduzione del suo enorme bilancio da 9 trilioni di dollari o il cosiddetto inasprimento quantitativo a settembre”, hanno scritto i ricercatori del fornitore di dati sui digital assetKaiko in una nota lunedì. “Insieme all’aumento dei tassi di interesse e a un approccio alla politica monetaria basato sui dati, ciò probabilmente eserciterà ulteriore pressione sugli asset di rischio”.

La forward guidance dei banchieri centrali ha tradizionalmente offerto indizi sui cambiamenti imminenti della politica monetaria, consentendo ai mercati finanziari di prepararsi, in modo da non essere scioccati e non compiere mosse drastiche.

La priorità è l’inflazione

Ora, la Fed è disposta a danneggiare le azioni e altri asset, comprese le criptovalute, per il bene superiore di domare l’inflazione, come Powell ha ribadito nel suo discorso venerdì all’annuale simposio della Fed a Jackson Hole, nel Wyoming. Le osservazioni di Powell sono state elogiate da alcuni osservatori di politica monetaria che speravano in un chiaro impegno per affrontare l’aumento dei prezzi che potrebbe paralizzare l’economia.

“Sono stato davvero felice di vedere come è stato accolto il discorso a Jackson Hole del presidente Powell”, ha detto a Bloomberg Neel Kashkari, presidente della Federal Reserve Bank di Minneapolis. “Le persone ora comprendono la serietà del nostro impegno a riportare l’inflazione al 2%”.

Il nuovo livello di opacità della Fed significa che i trader di Bitcoin dovranno reagire a ciò che fa la Fed, e ciò include lo studio degli stessi indicatori dei banchieri della Fed.

“Al momento dipendiamo dai dati proprio come la Fed”, ha affermato Jeff Dorman, chief investment officer di Arca, una società di gestione patrimoniale. Ciò significa che nelle prossime settimane i trader valuteranno i rapporti sugli utili aziendali e sull’occupazione e altri dati economici.

Bitcoin meno dipendente dal Nasdaq

Quest’anno l’andamento del Bitcoin ha ampiamente ricalcato quello dell’indice Nasdaq Composite, ricco di titoli tecnologici, raggiungendo i massimi di correlazione a maggio prima di crollare a giugno e luglio. Dopo il rilascio all’inizio di questo mese dei verbali della riunione del FOMC di luglio, che mostrava che la Fed è più incline a un atteggiamento da falco, la forte correlazione tra criptovalute e titoli tecnologici è tornata per alcuni giorni, quando gli investitori hanno venduto asset rischiosi, ma il collegamento è successivamente svanito. Dorman ha affermato che è probabile che la tendenza continui: “Il Bitcoin non ha un flusso di cassa, non ha agito come una copertura dall’inflazione, non ha agito in modo non correlato”, ha detto. “Non ha fatto nulla per cui è stato costruito, quindi fino a quando non si avrà una nuova narrativa per il Bitcoin, penso che continuerà a rimanere indietro rispetto al mercato.”