Bibite energetiche sotto inchiesta negli Stati Uniti

24 Ottobre 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – La Food and Drug Administration ha confermato di aver ricevuto notizia di cinque casi, negli ultimi tre anni, di decessi causati da bevande energetiche. L’agenzia ha anche aggiunto che non si ha la certezza che siano state proprio le bevande a causare la morte di queste persone.

Come riporta NPR, l’avvocato Kevin Goldberg, il quale ha denunciato la Monster Beverage, compagnia che vende la maggior parte di queste bevande negli Stati Uniti, ha ottenuto i rapporti attraverso il Freedom of Information Act e li ha poi girati a Bloomberg e il New York Times.

Goldberg, il legale che rappresenta i genitori di una bambina di 14 anni morta probabilmente a causa delle bevande, ha detto che la Monster Energy non è riuscita a mettere in guardia dai pericoli che i propri prodotti possono recare.

Questo tipo di bevande energetiche che contengono caffeina in porzioni esorbitanti possono essere pericolose se prese in grosse quantità, soprattutto per le persone che soffrono di problemi al cuore.

I bambini, infine, sono tra i soggetti più a rischio, dal momento che la quantità di caffeina presente nelle bevande può interferire con il sonno, causare ansia e aumentare i battiti cardiaci.