Barclays pronta a entrare nel mercato delle criptovalute

26 Luglio 2022, di Gianmarco Carriol

Il gigante bancario multinazionale Barclays mira a investire nella società di custodia di criptovalute Copper, nonostante il calo della propensione globale per asset rischiosi come i criptoasset.  La banca con sede nel Regno Unito è uno dei tanti nuovi investitori che parteciperanno al round di finanziamento di Copper, riferisce Sky News, aggiungendo che la banca investirà una somma non rivelata, probabilmente nell’ordine dei “milioni di dollari”.

Le anticipazioni sull’aumento di capitale cui parteciperà Barclays

L’aumento di capitale sarà finalizzato in un paio di giorni e concluderebbe il round di finanziamento di serie C di Copper a 500 milioni di dollari, iniziato alla fine del 2021 con la piattaforma crittografica con una valutazione di 3 miliardi di dollari. Tuttavia, Copper ora ha ridotto la valutazione a 2 miliardi di dollari, a seguito del fallimento di alcuni grandi nomi delle criptovalute, come l’hedge fund di criptovalute Three Arrows Capital e il prestatore di criptovalute Celsius Network.

Chi è Copper

Fondata da Dmitry Tokarev nel 2018, Copper annovera tra i suoi investitori alcune grandi società di venture capital, come LocalGlobe, Dawn Capital e MMC Ventures. La società ha precedentemente raccolto 50 milioni di dollari tramite un round di finanziamento di serie B a una valutazione non divulgata. Copper, che annovera tra i suoi consulenti l’ex cancelliere Lord Hammond, è una piattaforma crittografica che fornisce servizi di custodia, prime brokerage e regolamento a investitori istituzionali che distribuiscono denaro in risorse digitali.

Ricordiamo che Barclays, insieme a Goldman Sachs, ha anche partecipato a un round di finanziamento di serie A da 70 milioni di dollari della piattaforma di trading di criptovalute istituzionale Elwood Technologies a metà maggio.