Banche Wall Street scommettono su uscita Gran Bretagna da Ue

18 Agosto 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Le banche di Wall Street scommettono sulla prossima uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. E’ quanto riporta il Financial Times, sottolineando che alcuni colossi finanziari americani stanno già mettendo a punto i piani per spostare alcune attività con base a Londra in Irlanda proprio in vista di una sortita del Regno Unito dall’Unione.

Secondo fonti vicine a Bank of America, Citigroup e Morgan Stanley, le banche starebbero dunque considerando l’Irlanda come location favorevole per alcuni affari europei nel caso di uno spostamento da Londra. Una di queste banche sta già pianificando di muoversi in Irlanda. I piani sono comunque ancora allo stadio iniziale anche se le banche si stanno preparando per uno scenario geopolitico diverso che isolerebbe la Gran Bretagna.

“Sto considerando francamente di spostare alcune attività in Irlanda – ha rivelato un manager di una banca di Wall Street attualmente con filiale a Londra – penso che la banca centrale e il governo irlandesi ne sarebbero ben lieti”.

Poche settimane fa la stampa inglese aveva annunciato che “per la Gran Bretagna è vicina l’uscita dall’Europa” ed alcuni quotidiani attaccavano il premier britannico David Cameron per la sua conduzione della trattativa.