Azimut, raccolta netta di 8,5 miliardi per il 2022

9 Gennaio 2023, di Gianmarco Carriol

Il Gruppo Azimut ha registrato nel mese di dicembre 2022 una raccolta netta positiva per 1,2 miliardi di euro. Grazie a questo dato, la raccolta dall’inizio dell’anno ammonta a 8,5 miliardi di euro, superando la fascia alta dell’obiettivo di 6-8 miliardi per l’intero anno, nonostante il difficile contesto di mercato. Circa la metà (4,3 miliardi) della raccolta netta annuale è stata indirizzata in prodotti di risparmio gestito.

Le masse gestite raggiungono 55,1 miliardi al 31 dicembre 2022 (2021: 54,1 miliardi), con un aumento dell’2% rispetto all’anno precedente. Le masse del risparmio amministrato ammontano a 23,8 miliardi al 31 dicembre 2022 (2021: 29miliardi), e scontano l’effetto del de-consolidamento di Sanctuary (rettifica di 6,9 miliardi) in linea con la quota attuale di Azimut del 53,37%. Il totale delle masse si attesta a 79 miliardi al 31 dicembre 2022 (2021: 83,2 miliardi, ovvero 77 miliardi al netto dell’aggiustamento pro-rata di Sanctuary).

Nel 2022, il segmento private market ha registrato una forte crescita con una raccolta di 1,9 miliardi e con masse che si attestano a 6,5 miliardi a fine dicembre 2022 (il 12% del totale delle masse gestite), in aumento del 42% rispetto all’anno precedente. Ciò è stato possibile grazie alla solida richiesta per gli oltre 20 nuovi prodotti lanciati in Italia e negli Stati Uniti nel corso dell’anno e all’acquisizione di partecipazioni di minoranza in BroadLight Capital (private equity, USA), RoundShield Partners (real asset, Regno Unito/Svizzera), Sanctum Altriarch Investment Management (venture debt, Usa) e Lycian Capital Partners (private equity, Turchia). Gabriele Blei, ceo del Gruppo, ha commentato:

“Siamo molto soddisfatti di aver concluso il 2022 con un altro mese di forte domanda da parte della nostra clientela globale e al di sopra delle nostre stime per l’intero anno. Tra gli eventi di rilievo del mese spiccano la raccolta di oltre 170 milioni di euro per i nostri fondi in Turchia, Brasile ed Egitto, un mandato istituzionale turco da oltre 300 milioni di euro, oltre 230 milioni di euro di raccolta sui mercati privati prevalentemente dall’Italia, tra i quali un’ulteriore closing del nostro fondo Infrastrutture per la Crescita – ESG, le cui masse ammontano a circa 520 milioni di euro, e l’acquisizione di una partecipazione in SCM Financial Group, società australiana di gestione patrimoniale, pianificazione finanziaria, contabilità e finanza. Inoltre, con 230 milioni di euro di raccolta nel quarto trimestre, il nostro segmento di prodotti assicurativi Azimut Life ha registrato la più alta raccolta trimestrale dal 2016. Tutto questo è stato possibile grazie ai nostri canali di distribuzione diversificati a livello mondiale e alla sovraperformance rispetto ai concorrenti ottenuta dal nostro global asset management team.”

Fonte: Azimut Holding
Azimut Holding