Auto senza pilota: FCA studia alleanza con Uber

15 Giugno 2016, di Daniele Chicca

NEW YORK (WSI) – Dopo Google, FCA si sarebbe rivolta a Uber per la produzione di auto che si guidano da sole. Lo riferisce Bloomberg, citando persone informate sulla vicenda e precisando che le trattative sono riservate. Si tratterebbe di una collaborazione simile a quella avviata con il colosso Usa dell’hi-tech.

L’ufficializzazione dell’alleanza potrebbe arrivare entro la fine dell’anno. I negoziati sono delicati, dal momento che Uber, la startup che consente di noleggiare un taxi a basso costo guidato da persone senza la licenza di tassista, sta trattando anche con altri gruppi automobilistici.

Quando i rumor sulle trattative sono usciti per la prima volta, tra il 7 e l’8 giugno, il titolo FCA è stato favorito in Borsa. Le indiscrezioni non muovono invece oggi le azioni, che fanno segnare un moderato +0,10% in un contesto generale positivo dopo quattro sedute di cali a Piazza Affari.

Stando a quanto riportato dalle stessi fonti all’agenzia di stampa statunitense, FCA ha avuto contatti anche con Amazon per la produzione di veicoli senza pilota destinati al servizio di consegne della società di e-commerce. Ma in questo caso le trattative si trovano ancora agli stadi iniziali. L’AD Sergio Marchionne si è poi offerto di costruire vetture per Apple.

Evidentemente il gruppo italo americano, la prima tra le grandi case automobilistiche a stringere un accordo con il motore di ricerca per la realizzazione di prototipi di vetture che non hanno bisogno di un conduttore alla guida, punta molto forte sulle potenzialità del mercato dei veicoli senza pilota.

Il Ceo di Tesla Elon Musk, uno dei manager più visionari e apprezzati in Usa, ha dichiarato che nel giro di 15 anni tutte le auto in circolazione potrebbero essere completamente automatiche e che questo consentirebbe di ridurre la causa principale dell’alta mortalità: gli incidenti stradali. Che sono nella quasi totalità provocati da un errore commesso dagli esseri umani.