Altra gaffe Fornero: ora parla di figli “viziatelli”

29 Novembre 2012, di Redazione Wall Street Italia
Il contenuto di questo articolo, pubblicato da Il Giornale – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Roma – Volano epiteti e insulti. A raffica. In prima linea, sempre e comunque, il ministro del Welfare Elsa Fornero che, oltre a non soffrire i giornalisti e, più in generale, gli organi di stampa, se la prende ogni due per tre con i giovani. Non a caso, dai liceali agli universitari, quando riempiono le piazze per protestare contro il governo Monti, il bersaglio numero uno è la titolare del Lavoro.

“Ci sono anche figli un po’ viziatelli, troppo abituati a cercare vie dorate, ma sono anche quelli che quando vanno a cercare un lavoro, trovano solo pezzi e bocconi di lavoro”, ha detto ieri la Fornero intervenendo alla presentazione del libro Contro i papà di Antonio Polito. All’inizio dell’incarico al ministero del Welfare, la Fornero si era buttata nella riforma del mercato del lavoro e aveva intrapreso una sacrosanta crociata contro l’articolo 18 e contro l’immobilismo voluto, per decenni, dai sindacati e dalla sinistra radicale.

Già le celebri frasi “il posto fisso non è un diritto” e “il posto fisso è una pura illusione”, ampiamente sostenute dal premier Mario Monti, hanno aperto un lungo contenzioso tra la Fornero e i giovani. “Chi sono oggi i precari?”, si è chiesta ieri la Fornero per poi darsi, a stretto giro, una risposta: “Magari sono anche questi figli di papà che hanno preso pezzi e bocconi del mercato del lavoro”.

Il ministro ha, tuttavia, lanciato un avvertimento affinché i media e l’opinione pubblica non generalizzino dal momento che i giovani sono diversi e “non si può parlare di loro come un tutt’uno”. “Se c’è una cosa rispetto alla quale credo di non avere problemi con la mia coscienza – ha concluso il ministro del Welfare – è il lavoro fatto per contrastare il precariato”.

Copyright © Il Giornale. All rights reserved