Allarme precarieta’: solo il 5% dei giovani ottiene un mutuo

13 Settembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

Roma – Meno del 5% degli Under 30 che lo richiede ottiene un finanziamento per la prima casa. E’ questo il dato saliente che emerge da un’indagine del portale Mutui.it, che ha analizzato le richieste di finanziamento per l’acquisto di una prima casa compilate negli ultimi mesi, scoprendo che, a fronte di un 24% di richiedenti che non ha ancora 30 anni, nemmeno il 5% delle loro richieste verra’ accolto.

Nel dettaglio, la richiesta media e’ di 150mila euro, pari a circa il 77% del valore dell’immobile; il 52% delle persone preferisce il tasso fisso, mentre appena il 25% opta per quello variabile e, mediamente, gli under 30 vorrebbero un mutuo che durasse circa 26 anni.

A penalizzare i giovani, tuttavia, ci sono generalmente “la mancanza di contratti di lavoro stabili, la difficolta’ di trovare un garante o un cointestatario del mutuo e l’indisponibilita’ di un profilo creditizio affidabile”.

Poco meno del cinque per cento delle richieste di mutui accettate e’ una percentuale che ha del drammatico. L’assenza di contratti di lavoro stabili, le difficolta’ nel trovare un garante e la mancanza di un profilo creditizio affidabile sono i motivi piu’ ricorrenti citati nei rifiuti.

Quasi un preventivo di mutuo su quattro per l’acquisto della prima casa arriva da giovani under 30. A questo alto numero di richieste, pero’, non corrisponde un numero altrettanto elevato di erogazioni.

Nel dettaglio, la richiesta media fatta da chi non ha ancora compiuto i 30 anni e’ di 150.000 euro, pari al 77% del valore dell’immobile che si vorrebbe acquistare; nel 52% dei casi viene preferito il tasso fisso, solo nel 25% quello variabile. Gli under 30, che hanno mediamente 27 anni al momento della compilazione del preventivo, vorrebbero infine che il loro mutuo durasse circa 26 anni.