Azioni, allarme Fed sui prezzi: “troppo alti, si rischiano forti flessioni”

7 Maggio 2021, di Mariangela Tessa

Allarme della FED sui prezzi degli asset finanziari, e in particolare delle azioni di Wall Street, considerati troppo elevati dalla  banca centrale Usa. A questi livelli, cresce dunque il rischio di flessioni significative.

“I prezzi degli asset potrebbero essere vulnerabili a flessioni significative, nel caso in cui l’appetito per il rischio divesse scendere” si legge nel Financial Stability Report, rapporto semestrale dalla Federal Reserve da cui emerge tutta la preoccupazione sui futuri pericoli nel caso cui il sentiment del mercato dovesse cambiare.

Nel suo rapporto semestrale sulla stabilità finanziaria, la banca centrale Usa ha affermato che mentre il sistema nel complesso è rimasto sostanzialmente stabile anche durante la pandemia Covid-19, i pericoli futuri stanno aumentando, in particolare se l’aggressiva corsa all’azionario dovesse diminuire.

“I prezzi elevati delle azioni riflettono in parte il continuo basso livello dei rendimenti del Tesoro. Tuttavia, le valutazioni per alcune attività sono elevate rispetto alla media storica ma anche quando si utilizzano misure che tengono conto dei rendimenti del Tesoro “, afferma il rapporto. “In questo contesto, i prezzi delle attività potrebbero essere vulnerabili a cali significativi se la propensione al rischio dovesse diminuire”. 

Nel complesso, la Fed ha affermato che lo stato attuale del sistema è tuttavia solido, con bilanci delle famiglie in buono stato,  società supportate da un’economia in miglioramento e tassi di interesse bassi che hanno consentito il calo dei tassi di insolvenza.

Anche i $ 1,7 trilioni di prestiti agli studenti pongono rischi “limitati” per l’economia, dato che la maggior parte del debito per l’istruzione è detenuto dal 40% più ricco di guadagni. Ma le cose potrebbero cambiare.

Azioni, potenziali minacce al sistema finanziario

Parlando delle potenziale minacce, la banca centrale Usa menziona, tra gli altri, il rischio degli hedge fund e di altre istituzioni finanziarie non bancarie.

“Le vulnerabilità associate a un’elevata propensione al rischio sono in aumento. Le valutazioni in una serie di asset class hanno continuato a salire da livelli che erano già stati elevati alla fine dello scorso anno “, ha affermato Lael Brainard membro del consiglio dei governatori della Federal Reserve. “La combinazione di valutazioni estese con livelli molto elevati di indebitamento aziendale è da tenere d’occhio “.  Il rapporto rileva che settori particolari, tra cui l’energia, i viaggi e l’ospitalità, presentano vulnerabilità particolarmente elevate a causa della loro sensibilità alla pandemia.

Un sondaggio condotto dalla Fed tra gli operatori del mercato ha mostrato che la preoccupazione maggiore è legata al virus, e in particolare alle varianti resistenti ai vaccini. Seguono a ruota, un possibile forte aumento dei tassi di interesse, un incremento dell’inflazione e tensioni tra Stati Uniti e Cina.