Zona bianca, gialla, arancione e rossa: cosa si potrà fare e cosa è vietato dal 6 dicembre

1 Dicembre 2021, di Alessandra Caparello

Zona bianca, gialla, arancione e rossa: cosa si potrà fare e cosa è vietato dal 6 dicembre

Salvare le festività di natale dalla nuova ondata di contagi già in atto è l’obiettivo del governo che ha approvato in tutta fretta un nuovo decreto legge con regole e misure stringenti in vigore dal prossimo 6 dicembre e fino al 15 gennaio 2022.

L’introduzione del super green pass richiede una duplice strategia: da un lato premiare il 90% degli italiani che hanno conseguito la vaccinazione, come ha ricordato il presidente Mattarella – e riservare ai non vaccinati le restrizioni legate ai vari colori (bianco compreso), dall’altro lato estendere la platea soggetta all’obbligo del green pass base (tampone) per aumentare il livello di sicurezza e protezione della comunità”.

Queste le parole del ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, rilasciate al Foglio.

“Penso innanzitutto ai fruitori dei servizi – ha precisato il ministro – Dagli utenti dei front office della Pubblica amministrazione ai clienti delle banche e degli studi professionali, fatta naturalmente eccezione per i servizi di pubblica utilità”. Sul nodo indifferibile dei controlli sul trasporto pubblico locale, aggiunge: “Per le metropolitane i lettori ottici ai tornelli potrebbero essere facilmente integrati per leggere il QR Code dei certificati verdi. Sugli autobus i controlli a campione sui passeggeri, già previsti per verificare il possesso dei biglietti, potrebbero essere ampliati al green pass. Tutto questo all’interno di un sistema di controlli rafforzato e totalizzante, a partire dalle attività di somministrazione di alimenti e bevande”

Green pass di base e rafforzato: cosa sono e quando sono richiesti

In merito al certificato verde, il pass per accedere a tutta una serie di attività legate alla vita quotidiano, innanzitutto il decreto legge si sofferma sulla durata di validità del Green Pass che viene ridotta dagli attuali 12 a 9 mesi. L’obbligo di Green pass viene esteso a ulteriori settori come:

  • alberghi;
  • spogliatoi per l’attività sportiva;
  • servizi di trasporto ferroviario regionale e interregionale;
  • servizi di trasporto pubblico locale.

Dal 6 dicembre 2021 il Green Pass si sdoppia: viene introdotto il Green Pass rafforzato o Super Green pass, rilasciato solo alle persone vaccinate o guarite, e il Green Pass “base”, rilasciato a chi si sottopone a un tampone molecolare (valido per 72 ore) o antigenico (valido per 48 ore). Il Green Pass rafforzato, a partire dal 6 dicembre 2021 fino al 15 gennaio 2022, vale già in zona bianca ed è necessario per lo svolgimento delle attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla e arancione.

Le attività sono le seguenti:

  • Spettacoli
  • Spettatori di eventi sportivi
  • Ristorazione al chiuso
  • Feste e discoteche
  • Cerimonie pubbliche

Obbligo vaccinale

Il provvedimento prevede l’estensione dell’obbligo vaccinale alla terza dose ai soggetti per i quali la legge già prevedeva l’obbligo di vaccinazione. L’estensione ha validità a decorrere dal 15 dicembre prossimo ed esclude la possibilità di essere adibiti a mansioni diverse.

Inoltre, si stabilisce l’estensione dell’obbligo vaccinale a ulteriori categorie, sempre a decorrere dal 15 dicembre:

  • personale amministrativo della sanità
  • docenti e personale amministrativo della scuola
  • militari
  • forze di polizia, compresa la polizia penitenziaria, personale del soccorso pubblico.

Zona bianca, gialla, arancione e rossa: cosa si potrà fare e cosa no

In generale, resta in vigore il sistema dei colori con la divisione in zona bianca, gialla, arancione e rossa ed è legato soprattutto a strette ancor più incisive a livello locale, laddove l’incidenza del virus e la situazione ospedaliera lo richiedessero.

Dal 6 dicembre e fino al 15 gennaio varranno tutta una serie di nuove regole con l’intento di arginare i contagi nelle festività natalizie.

  • Zona bianca: attività tutte aperte, non vi sono limitazioni agli spostamenti anche se permane l’obbligo di indossare la mascherina negli ambienti al chiuso. Per prendere i mezzi pubblici; andare in palestra o piscina e andare nei ristoranti all’aperto servir-à il green pass di base. Con il green pass rafforzato si potrà andare al ristorante al chiuso, al cinema e al teatro, allo stadio e in discoteca.
  • Zona gialla: mascherine  obbligatorie ovunque, anche nei luoghi all’aperto, indipendentemente dalla vaccinazione o meno. Gli spostamenti sono consentiti all’interno del proprio Comune, tra Comuni diversi e tra Regioni. Non ci sono limitazioni in zona gialla per bar e ristoranti all’aperto, ma al chiuso potranno entrare solo le persone munite di green pass senza limiti di commensali per chi è munito di certificato verde rafforzato, al massimo 4 persone chi ha quello base.
  • Zona arancione: mascherina sempre, e accessibili con il Super green pass gli impianti sciistici, oltre che a fiere, convegni, centri termali e parchi tematici e di divertimento, bar e ristoranti all’aperto. Con il green pass «base» non si potrà andare al ristorante ma si potrà accedere all’asporto.
  • Zona rossa: tutto chiuso anche per i vaccinati. Attività solo da sporto e attivazione della dad a scuola. I negozi che rimangono aperti sono solo supermercati, alimentari, edicole, tabaccherie, farmacie.