WALL STREET VIRA IN NEGATIVO SU BLUE CHIP

7 Gennaio 2002, di Redazione Wall Street Italia

A meta’ della giornata di contrattazioni a New York, gli indici virano in negativo sotto il peso di realizzi e di rating negativi.

Il Nasdaq risente delle prese di profitto sui settori semiconduttori e biotech, mentre il Dow Jones e il mercato allargato sono trascinati al ribasso da blue chip come Eastman Kodak, Coca-Cola, General Electric, Citibank e Honeywell.

Altri motivi di fiacca: il pessimismo che circonda la svalutazione del peso argentino e la scia di profit warning aziendali a partire da questa settimana.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

In particolare, il titolo del gigante delle bevande analcoliche Coca-Cola (KO – Nyse) e’ in ribasso nelle contrattazioni dopo che la banca d’affari J.P. Morgan Chase & Co. ne ha abbassato il giudizio da “Long-Term Buy” a “Market Perform”, sostenendo che le aspettative sono troppo alte e che il gruppo potrebbe anche risentire fortemente della svalutazione della moneta argentina e di quella giapponese.

Il colosso industriale diversificato General Electric (GE – Nyse) cede nelle contrattazioni, dopo che la banca d’affari Credit Suisse First Boston ha rimosso il titolo dalla sua “Focus List” sulle preoccupazioni scaturite dalla cancellazione degli ordini di turbine.

Eastman Kodak (EK – Nyse) perde il direttore generale, a favore di Lucent. Il colosso delle infrastrutture Lucent Technologies (LU – Nyse) ha infatti nominato nuovo amministratore delegato Patricia Russo – che gia’ aveva aiutato in passato il gruppo nello spin-off da AT&T (T – Nyse) – confidando che possa guidare la societa’ verso un repentino miglioramento.

Intanto sul piano macroeconomico la banca centrale dell’ Argentina ha imposto la chiusura del mercato finanziario e del mercato dei cambi lunedi’ e martedi’ dopo l’ annuncio durante il weekend della svalutazione del peso argentino di circa il 30%.

L’ Argentina adottera’ un cambio fisso interno (la moneta si chiamera’ ”argentino”) di 1.40 per dollaro, da utilizzare per export, import e trasferimento di capitali.

Per avere piu’ dettagli sui TITOLI CALDI che stanno movimentando la sessione odierna clicca sulla sezione INSIDER, che trovi sul menu in cima alla pagina. Abbonati subito!