WALL STREET VA AVANTI CON LA SERIE DI RIALZI

di Redazione Wall Street Italia
23 Aprile 2003 22:00

Gli indici azionari Usa hanno chiuso in territorio positivo, con la maggior parte degli acquisti sul Nasdaq (+1,0%) mentre il Dow Jones, piu’ fiacco, e’ riescito comunque a sorpassare la soglia psicologica di quota 8.500, grazie soprattutto al mega rialzo di AT&T (T – Nyse, +23,7%).










































































































































































































INDICI DI BORSA Ticker Valore Variaz %
Max 12
mesi
Min 12
mesi
Dif.(%) da max 12
mesi
Dif.(%) da min 12
mesi
Nasdaq IXIC 1466.20 1.02 1762.9 1108.5 16.83% 32.27%
DJIA DJIA 8515.66 0.36 10353.43 7197.49 17.75% 18.31%
S&P 500 SPX 919.02 0.84 1111.12 768.63 17.29% 19.57%
Nasdaq 100 NDX 1112.93 0.95 1357.01 795.25 17.99% 39.95%
INDICI DI SETTORE
(a)
Ticker Valore Variaz %
Max 12
mesi
Min 12
mesi
Dif.(%) da max 12
mesi
Dif.(%) da min 12
mesi
Semiconduttori SOX 347.32 0.61 574.8 209.4 39.58% 65.86%
Hardware GHA 183.27 0.76 232.7 110.5 21.24% 65.86%
Oro-Argento XAU 68.92 0.23 89.11 54.67 22.66% 26.07%
Software GSO 110.53 0.04 140.86 77.63 21.53% 42.38%
Networking NWX 159.52 -0.56 224.8 79.3 29.04% 101.16%
Difesa DFX 150.28 0.52 208.15 125.9 27.80% 19.36%
Utility UTY 256.69 0.20 352.63 202.82 27.21% 26.56%
Finananziario DJ_FIN 153.26 1.11 185.17 127.71 17.23% 20.01%
Energia DJ_ENE 186.53 0.21 224.29 169.06 16.84% 10.33%
Gas Naturale XNG 180.65 -0.96 201.14 105.53 10.19% 71.18%
Petrolifero OIX 251.07 -0.79 330.96 232.66 24.14% 7.91%
Internet ECM 54.51 2.93 53.19 29.2 -2.48% 86.68%
Assicurazione DJ_INS 311.74 1.11 369.73 243.59 15.68% 27.98%
Retail RLX 298.42 0.15 345.6 243.8 13.65% 22.40%
Biotech BTK 358.20 3.38 473.3 275.1 24.32% 30.21%
Farmaceutico DRG 312.64 1.18 362.9 237.7 13.85% 31.53%




















































































DATI
SUI MERCATI (b)
volume Nyse (*) 1619.84 VOLATILITA’/OPZIONI Valore
volume Nasdaq (*) 1803.70 Vix 23.49
volume Nasdaq 100
(*)
1246.18 Vxn 33.13
volume DJIA (*) 271.64 Index put-call ratio 1.16
titoli Nyse in
rialzo
2006 Equity put-call
ratio
0.57
titoli Nyse in
ribasso
1247 TREASURIES yield
titoli Nyse
invariati
168 scadenza a 5 anni 2.95%
titoli ai massimi-Nyse
(c)
187 scadenza a 10 anni 4.00%
titoli ai minimi-Nyse
(c)
13 scadenza a 30 anni 4.90%
titoli Nasdaq in rialzo
1901 PETROLIO prezzo/barile
titoli Nasdaq in
ribasso
1193 Future Crude $26.65
titoli Nasdaq
invariati
303 VALUTE cambio
titoli ai massimi-Nasd
(c)
160 Cambio Euro/Dollaro 1.097
titoli ai minimi-Nasd
(c)
20 Cambio Dollaro/Yen 120.42

Elaborazione dati a cura dell’Ufficio Studi di
WallStreetItalia


LEGENDA:
(a) gli indici di settore sono ordinati in
base alla performance giornaliera
(b) le quotazioni sono rilevate al momento
della chiusura dei mercati di riferimento
(16:00 – 22:00 ora
italiana)
(*) milioni di pezzi scambiati
(c) il valore si riferisce al
numero di titoli scambiati sul Nyse e sul Nasdaq
che hanno raggiunto i
nuovi massimi e minimi degli ultimi 12 mesi nella seduta odierna

Le notizie incoraggianti dal fronte utili cominciano in sostanza a infondere piu’ fiducia nell’investimento azionario. Il motivo del rialzo odierno va identificato con la raffica di utili trimestrali comunicati dalle aziende: sono quasi tutti migliori del previsto.

Oggi pero’ una parziale doccia fredda e’ venuta dalla Federal Reserve, che ha divulgato l’abituale Beige Book, il rapporto che fa il punto sullo stato di salute dell’ economia degli Stati Uniti.

Ebbene: nulla di nuovo sotto il sole. L’economia americana resta debole, si legge dal documento della Fed. In particolare, in ben nove dei 12 distretti regionali Usa si segnala una contrazione dell’ attività industriale. Inoltre la situazione del mercato del lavoro è tuttora difficile.

Anche per questo, con il timore che i listini stiano avanzando troppo in fretta, spesso accade che molti investitori siano invogliati ad incassare i profitti realizzati e a limitare l’esposizione sulle posizioni lunghe.

Il dubbio infatti resta la sostenibilita’ della crescita degli utili, considerando che molte delle sorprese positive dai bilanci societari sono da attribuirsi ai tagli dei costi piuttosto che alla ripresa della domanda.

A sostenere i listini hanno contribuito soprattutto le trimestrali pubblicate da AOL Time Warner (AOL – Nyse), Lucent Technologies (LU – Nyse) e Nextel (NXTL – Nasdaq).

Particolarmente positiva e’ stata poi la performance di AT&T (T – Nyse), il cui rialzo e’ valso per circa la meta’ dei guadagni del Dow Jones, e quella di BellSouth (BLS – Nyse): secondo alcune indiscrezioni i due operatori telefonici starebbero studiando un piano di fusione. Tra le maggiori sorprese, e’ impressionante la crescita del fatturato (+397%) registrata da Invision (INVN – Nasdaq) nel primo trimestre.

Buone, inoltre, le cifre riportate ieri, dopo la chiusura delle borse, da eBay (EBAY – Nasdaq) e Amgen (AMGN – Nasdaq).

Tra i pochi disappunti, ha pesato molto sul Dow Jones il warning lanciato da Eastman Kodak (EK – Nyse) e hanno registrato un forte calo le società di software PeopleSoft (PSFT – Nasdaq) e Sap AG (BLS – Nyse), colpite dai giudizi negativi di alcune banche d’affari.

Sugli altri mercati, da segnalare la debolezza dei Treasury, con il rendimento del 10 anni passato al 3,99% dal 3,96% di ieri, e il calo del prezzo del petrolio.

Le quotazioni del greggio sono scese di poco meno di un dollaro a New York dopo la crescita delle scorte Usa e l’allarme lanciato dal ministro del petrolio saudita Ali al-Naimi sull’eccesso di produzione e la necessità che l’Opec la riduca.

Il petrolio per le consegne a giugno è sceso di 99 centesimi, pari al 3,5%, a $27 al barile.

Il dollaro, infine, ha perso terreno nei confronti dell’euro, dopo il parziale recupero in avvio di giornata. Alle 16:00 a New York il cambio tra le due valute e’ a quota $1,0966 contro gli $1,0961 della chiusura di ieri.