WALL STREET TENTA UN TIMIDO RECUPERO

23 Giugno 2008, di Redazione Wall Street Italia

Dopo lo scivolone della scorsa settimana, i listini azionari americani tentano il recupero aprendo alle contrattazioni in leggero rialzo (controlla la performance in tempo reale). Il pesante sell-off della scorsa settimana ha creato delle attraenti opportunita’ di investimento che stanno spingendo gli operatori a rientrare sul comparto azionario.

Il rimbalzo registrato nei minuti iniziali potrebbe dunque estendersi nelle prossime ore, considerata l’assenza di dati macro in calendario. Molto dipendera’ dal movimento del petrolio all’indomani del meeting organizzato dall’Arabia Saudita tra i Paesi produttori e consumatori in cui e’ stato confermato un incremento dell’output giornaliero pari a 200 mila barili. Nei primissimi minuti di scambi i futures con scadenza agosto segnano un progresso di $0.83 a $136.19 al barile (max intraday $137.50).

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Oggi non e’ previsto dunque il rilascio di alcuni dati sulla congiuntura Usa ma nei prossimi giorni ci sara’ spazio per importanti aggiornamenti che potranno offrire un quadro piu’ chiaro sull’attuale situazione dell’economia americana. Di particolare importanza sara’ l’incontro della Federal Reserve sui tassi, per cui e’ prevista la conferma dell’attuale livello. Per gli strategist di Goldman Sachs “i timori sull’inflazione rimarranno elevati per i prossimi mesi e cio’ potrebbe implicare un atteggiamento restrittivo da parte della Fed in materia di politica monetaria”.

Sul fronte societario, i riflettori continuano ad essere puntati sul comparto finanziario. Il colosso bancario Citigroup (C) ha annunciato che potrebbe ridurre del 10% la forza lavoro (65 mila dipendenti); secondo il Financial Times Goldman Sachs (GS) avrebbe gia’ preparato un taglio della stessa misura nella divisione “investment banking”.

Tra le news di M&A, in evidenza l’offerta di $4.8 miliardi avanzata da Bunge (BG) su Corn Products (CPO) il cui titolo e’ schizzato +26% in avvio. Sugli scudi anche il titolo della societa’ telecom canadese BCE (BCE) grazie alla decisione della Corte Suprema per cui l’azienda gode delle caratteristiche per essere rilevata. Republic Services (RSG) infine ha raggiunto un accordo per acquistare Allied Waste Industries (AW) attraverso una transazione valutata poco piu’ di $6 miliardi.

Sugli altri mercati, sul valutario, l’euro arretra a 1.5490 nei confronti del dollaro. In netto calo l’oro a $881.40 (-$22.30) l’oncia. In calo i Titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 4.1560%.

parla di questo articolo nel Forum di WSI