WALL STREET STABILIZZA
LE PERDITE INIZIALI

17 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

A circa mezz’ora dall’apertura della seduta, i principali indici di borsa mantengono le posizioni sui ribassi iniziali. I mercati hanno assorbito senza contraccolpi l’aumento dei tassi di ieri ma sono nervosi per quelli in arrivo.

(verificare quotazioni indici aggiornate IN TEMPO REALE in prima pagina)

Il rally di ieri infatti non ha risentito della stretta sul costo del denaro, poiche’ l’aumento dei tassi interbancari al 6,5% era stato previsto e assorbito dai marcati, ma la Federal Reserve ha messo in guardia sul fatto che c’e’ ancora molto lavoro da fare.

Nella relazione che ha accompagnato la manovra sui tassi, i governatori della Banca Centrale Usa responsabili della politica monetaria, hanno infatti lasciato intendere chiaramente che un’ altra stretta e’ in arrivo, certamente prima dell’estate.

“La Federal Reserve ci ha messi sull’avviso – commenta Peter Coolidge, capo dei trader di Brean Murray & Co. Investors – e’ difficile lanciarsi in borsa con entusiasmo senza sapere sino a quanto i tassi continueranno a salire”.

Gli ordini di vendita colpiscono in modo indiscriminato tutti i comparti, con particolare accanimento nel settore tecnologico.

Arretrano le Blue Chip, soprattutto quelle del settore finanziario, particolarmente sensibile alle variazioni del costo del denaro.

Risultati trimestrali superiori alle aspettative non hanno impedito a Hewlett-Pakard di perdere terreno insieme agli altri grandi nomi dell’informatica.

Perdono terreno telecomunicazioni, semiconduttori, difesa e Internet.

In controtendenza i giocattoli, con Mattel che ha finalmente trovato un nuovo amministratore delegato (vedi storia WSI), trasporto aereo, farmaceutici e petroliferi.

Tra i principali titoli in movimento questa mattina a Wall Street:

Nel settore Internet, Terra Network (TRRA), la divisione Internet di Telefonica de Espana (TEFRT) ha confermato ieri sera dopo la chiusura dei mercati l’acquisto di Lycos, il quarto portale di accesso alla Rete per numero di visitatori, per $12 miliardi, pari a 100 dollari per azione. Questa mattina, il titolo Lycos segna un ribasso del 7,5%. Terra perde il 6,5%.(vedi articolo WSI delle 16:36 di martedi’ 16 maggio 2000)

Nel settore informatico, Hewlett-Packard Co. (HWP), il secondo produttore al mondo di personal computer, ha chiuso il secondo trimestre fiscale con utili in netto rialzo. La societa’ di Palo Alto ha registrato utili per $816 milioni, pari a 79 centesimi per azione. Il titolo e’ in ribasso del 3,5%.(vedi articolo WSI delle 16:46 di martedi’ 16 maggio 2000)

Nel settore dei chip per computer, Analog Devices (ADI) guadagna quasi il 10%. La societa’ che produce microprocessori dedicati alle applicazioni multimediali ha chiuso il secondo trimestre con utili piu’ che triplicati, in netto rialzo rispetto alle aspettative degli analisti. Gli utili si sono attestati a $122,1 milioni.(vedi articolo WSI delle 09:48)

Nel settore dei giocattoli, il numero uno di Kraft, Robert Eckert, e’ da oggi il nuovo presidente e amministratore delegato di Mattel (MAT). Il quarantacinquenne Eckert rimpiazza Jill Barad, costretta alle dimissioni nel febbraio scorso dopo un lungo periodo di risultati insoddisfacenti. Il titolo Mattel guadagna questa mattina quasi l’8,5%.(vedi articolo WSI delle 07:55)

Nel settore della telefonia, AT&T (T) segna un ribasso del 2,5% dopo che Salomon Smith Barney ne ha abbassato il prezzo target da $75 a $65. La banca d’affari ha anche rivisto in negativo le stime sugli utili del prossimo anno.

Nel settore socio-sanitario, The TriZetto Group (TZIX) perde il 10% dopo che la societa’ ha deciso di interrompere le trattative di acquisizione di IMS Health (RX) per $8,2 miliardi. La societa’ di servizi medici online ha deciso la fusione con Erisco, una divisione di IMS Health.

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli più trattati al New York Stock Exchange (dati delle 10:00) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare aggiornamenti su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(MAT) Mattel, Inc. 3,854,900 12.188 +0.938 +8.33%;

(T) AT&T Corp. 3,322,600 37.500 -1.250 -3.23%;

(GE) General Electric Company 2,839,300 53.688 -0.563 -1.04%;

(CPQ) Compaq Computer Corporation 2,737,100 27.938 -0.688 -2.40%;

(NT) Nortel Networks Corporation 2,573,000 55.875 -1.000 -1.76%;

(PFE) Pfizer Inc 2,904,400 45.063 +0.563 +1.26%;

(MO) Philip Morris Companies Inc. 2,386,300 27.500 +0.063 +0.23%;

(A) Agilent Technologies, Inc. 2,179,700 81.250 -7.250 -8.19%;

(NOK) Nokia Corporation 1,571,800 54.438 -2.063 -3.65%;

(C) Citigroup Inc. 1,423,300 61.750 +0.063 +0.10%.

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli più trattati al Nasdaq (dati delle 10:00) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare aggiornamenti su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(CSCO) Cisco Systems, Inc. 9,374,000 58.750 -1.813 -2.99%;

(LCOS) Lycos, Inc. 7,550,400 67.313 -5.313 -7.32%;

(INTC) Intel Corporation 6,791,700 121.000 -0.875 -0.72%;

(ERICY) Telefonaktiebolaget LM Ericsson 5,146,200 20.875 -0.813 -3.75%;

(VRTS) VERITAS Software Corporation 3,945,200 111.750 +7.750 +7.45%;

(YHOO) Yahoo! Inc. 3,625,400 135.656 +0.031 +0.02%;

(DELL) Dell Computer Corporation 3,872,000 48.563 -1.313 -2.63%;

(MSFT) Microsoft Corporation 4,073,600 68.063 -1.438 -2.07%;

(ORCL) Oracle Corporation 4,048,700 76.750 -2.438 -3.08%;

(AMAT) Applied Materials, Inc. 3,090,300 89.750 -3.188 -3.43%.