Wall Street spinge sull’accelatore, S&P sopra la media mobile

15 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

Rally del mercato azionario a stelle strisce, in una giornata positiva per tutte le Borse mondiali, che ha visto tra i principali market mover la crescita dell’attivita’ manifatturiera dell’area di New York.

I dati dimostrano che l’economia sta reggendo bene alla crisi del debito europea. Nel frattempo pero’ i bond greci hanno perso terreno dopo che l’agenzia Moody’s ha tagliato il rating sul credito nazionale al livello di spazzatura.

Il Dow Jones ha guadagnato il 2.03% a quota 10397.89, il Nasdaq il 2.76% in area 2305.89, mentre l’S&P 500 il 2.31% a 1114.77 punti. L’indice allargato ha oltreppasato l’importante soglia tecnica rappresentata dalla media mobile a 200 giorni, mentre l’euro si e’ portato sopra quota $1.23, segnalando un incremento della fiducia dei mercati nella capacita’ dell’euro di affrontare la crisi fiscale dei PIIGS. Il paniere allargato e’ in progresso dell’1.6% da inizio anno.

Sono in particolare i comparti industriale e tecnologico a sostenere i listini, come dimostra l’andamento di titoli come Microsoft, Boeing e Caterpillar. Tutti e 30 le componenti del Dow hanno chiuso la seduta in territorio positivo.

Tra le singole prove degne di nota, Sandisk, Akamia e Starbuck hanno raggiunto i massimi di 52 settimane, mentre General Mills e Express Script si sono issate sui livelli piu’ alti di sempre.

Sul fronte macro, l’ultimo dato pubblicato e’ quello sulla fiducia dei costruttori di case, scesa ai minimi di marzo con il venir meno dei benefici fiscali del governo per incentivare l’acquisto della prima casa.

Sempre in ambito economico, il flusso netto di capitali, in continua crescita, anche se il risultato e’ lontano dal record di marzo.

Migliora il NY Empire State Index, cresciuto (a 19.57) anche se meno delle attese e su livelli molto bassi rispetto ad aprile (31.9).

Attenzione anche ai prezzi all’import, che hanno registrato la maggior flessione dal luglio 2009, a causa della flession e dei prezzi del greggio.

Le borse del Vecchio Continente e a Wall Street sembrano lasciarsi cosi’ alle spalle la bocciatura della Grecia arrivata ieri dall’agenzia di rating Moody’s, che ha abbassato di 4 gradini il giudizio sui titoli di Stato ateniesi portandoli da A3 a Ba1, livello spazzatura. In pratica i bond emessi dal governo di Atene sono considerati adatti per un investimento speculativo.

Ignorato anche il taglio odierno effettuato dalla stessa agenzia di rating su nove banche greche le cui valutazioni sulla solidita’ finanziaria “stande alone” restano invariate.

I timori che ormai quotidianamente si concentrano sul debito sovrano dell’Eurozona sembrano per il momento essersi attenuati, anche se va detto che la situazione resta osservata speciale. Lo dimostra il fatto che il Tesoro spagnolo ha concluso con successo l’asta di titolo a 12 e 18 mesi per 5.2 miliardi di euro (comunque nella parte bassa della forchetta prevista), ma con un rendimento superiore rispetto alla stessa asta di un mese fa (per i bond a 12 mesi il rendimento e’ al 2.303% dall’1.59% di maggio, ben sopra lo 0.4% dell’equivalente francese).

Questo fa pensare, come sostiene il bond strategist di Monument Securities Marc Ostwald, “che Moodys’ potrebbe decidere di tagliare il rating spagnolo”, attualmente pari a tripla A.

Se vuoi guadagnare anche in fase di ribasso con i titoli e i comparti giusti, segui INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.86 euro al giorno, provalo ora!

A scaldare i listini europei ci sono notizie di M&A. Il colosso dei media News Corp. ha offerto $11.5 miliardi per aggiudicarsi il 61% che ancora non controlla dell’operatore tv inglese BSkyB. Quest’ultimo, il cui titolo e’ balzato di oltre il 20% ai massimi da 10 anni, ha rifiutato l’offerta ma resta aperto alle trattative: la mossa verra’ accettata se il magnate australiano Rupert Murdoch mettera’ sul piatto 800 pence per azione, di piu’ dei 700 pence ora proposti.

Apple ha alzato il velo sul nuovo Mac Mini. Incrementa i guadagni nel pomeriggio Research in Motion che dal canto suo sta mettendo a punto uno smartphone touchscreen. Sembra anche che stia studiando il lancio di un tablet.

Ancora attenzione alle azioni di BP (ieri scese di quasi il 10%). Nel pre-mercato i titoli avevano iniziato a limare i guadagni iniziali, registrati pur snobbando la decisione di Fitch di tagliare di sei gradini, a BBB da AA, il rating sull’azienda. In chiusura cedono oltre il 3%. Oggi il presidente Obama ha tenuto un discorso dalla Stanza Ovale. Giornata da dimenticare per Best Buy. La catena dell’elettronica cede il 6% circa dopo aver registrato conti definiti “sotto le attese”. Confermata la guidance per il 2011.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico le quotazioni del greggio accelerano. I futures con consegna luglio guadagnano $1.82 attestandosi a quota $76.94 al barile. Sul valutario la moneta unica scambia in rialzo a quota $1.2341 (+0.1%). L’oro segna +$9.90 a $1233.20 l’oncia. Quanto ai Treasury, il rendimento sul benchmark decennale si attesta al 3.3100% in progresso di 3.5 punti base.