WALL STREET SOTTO FORTE PRESSIONE, NASDAQ – 5%

19 Settembre 2001, di Redazione Wall Street Italia

I mercati Usa cercano di risollevarsi per un momento dai minimi della seduta, rimanendo comunque in forte ribasso.

Il Dow Jones sembra voler ora riconquistare quota 8.600, mentre il Nasdaq Composite diminuisce le perdite e si posiziona a poca distanza dalla soglia dei 1.500 punti.

Verificare aggiornamento indici in tempo reale in prima pagina.

“L’America sembra essersi fermata dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre scorso – dice Arthur Cashin di UBS PaineWebber – e i mercati ne stanno risentendo in maniera acuta”.

Cashin identifica come principale fonte di tensione sulle borse americane, l’incertezza che sembra essersi sviluppata intorno ad una prossima controffensiva USA e l’impatto sull’equilibrio geopolitico nella regione Mediorientale.

Sul floor del New York Stock Exchange non c’e’ panico, ma si sente il peso del cosiddetto fattore ‘event risk’, ossia – come spiega Cashin – l’idea di un qualcosa di irrisolto che sta deviando anche il panorama finanziario USA.

A questo si aggiungano, poi, le presunte forti vendite da parte di investitori istituzionali e fondi. Molti analisti, infatti, ritengono che siano migliaia le persone che cercano di liquidare le proprie posizioni nei fondi d’investimento e negli hedge fund, costringendo cosi’ le societa’ di gestione a vendere a spada tratta.