WALL STREET: SI INTENSIFICANO LE VENDITE SUI LISTINI

22 Gennaio 2007, di Redazione Wall Street Italia

*Marco Bonelli, Managing Director di Raymond James, e’ molto conosciuto tra gli investitori istituzionali e i trader italiani. I suoi commenti quotidiani di meta’ seduta sull’andamento della Borsa Usa (comprese le indicazioni di trading operativo e le posizioni rialziste) non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

La sessione di oggi si e’ aperta mista. Pfizer ([[PFE]]) ha pubblicato al di sopra delle attse. Sono state abbassate le stime di Boeing ([[BA]]). Il prezzo del greggoio e’ in rialzo del2%, vicino ai $53 al barile.

Al momento, l’indice Dow Jones e’ in ribasso di 88 punti a 12476, il Nasdaq e’ in lettera di 22 punti a 2429 e l’S&P500 perde 7 punti a 1423.
L’indice “advance/decline” sta facendo regsitrare una lettura di -1000.
L’indice VIX e’ al livello di 10.96.
In ribasso i settori linee aeree, ferrovie, fertilizzanti e prodotti chimici.
I volumi sul NYSE sono di 630 milioni di titoli scambiati.

TRADING OPERATIVO:

Questa mattina, [[BBY]] e’ in ribasso dello 0.9%.

Hai gia’ provato le quotazioni in tempo reale e il book a 15 livelli dei 3200 titoli NASDAQ e dei 2764 titoli NYSE? Non morire di noia con le 299 azioni di Borsa Italiana, scopri le eccezionali performance di BOOK NASDAQ, clicca su INSIDER

DA QUI ALLA CHIUSURA:

Questa sera dopo la chiusura, le cosictea’ di Texas Instruments ([[TXN]]), Plantronics ([[PLT]]) e Mindspeed ([[MSPD]]), fra le altre, pubblicheranno i risultati trimestrali.

Domani mattina, non saranno pubblicati dati macro.

POSIZIONI RIALZISTE:

[[SSTI]] (APERTA IL 29/12 A $5.16; CHIUSA IL 20/7 A $3.90; PERF. –24.14%)

[[BBY]] (APERTA IL 28/7 A $44.95; ATTULE $46.53; PERF +3.52%)

[[PDS]] (APERTA IL 19/9 A $32.70; CHIUSA IL 31/10 A $28.60; PERF -12.54%)

BORSA: WALL STREET GIU’;PESANO PETROLIO E BOEING, MALE APPLE

Indici pesanti a Wall Street, con il Nasdaq che arriva a cedere un punto percentuale trainato dalla negativa performance di Apple che guida il generale ribasso dei tecnologici. La borsa americana sta risentendo del rialzo delle quotazioni del greggio, risalite sopra i 54 dollari al barile, e dei ribassi di Boeing che paga il downgrade emesso da Wachovia.

Il mercato è concentrato sulle notizie societarie e sui corsi del greggio in assenza di notizie sulla congiuntura Usa: per problemi tecnici è stata infatti rinviata a domani la diffusione del superindice economico di dicembre. L’indicatore, elaborato dal Conference Board, è seguito con attenzione essendo considerato un valido anticipatore dell’andamento dell’economia americana nell’arco di sei mesi.

L’unico appuntamento in programma è l’intervento della presidente della Fed di San Francisco Janet Yellen che, con tutta probabilità, punterà nuovamente il dito sul rischio inflazione cancellando le speranze di un taglio dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve. La Banca centrale americana dovrebbe lasciare il livello del costo del denaro all’attuale 5,25%, con gli operatori che vedono una eventuale limatura solo a fine 2007.

Tra i singoli titoli, Boeing perde il 3,3%, a 85,75 dollari, dopo il downgrade da “outperform” a “neutral” espresso da Wachovia Securities in vista del possibile ritardo nel programma di produzione del nuovo aereo commerciale 787. In difficoltà i tecnologici guidati dalle perdite di Apple che accusa un calo del 2,2% a 86,56 dollari.

Male anche Intel (-10 cents a 20,72 dollari) dopo le indiscrezioni su una possibile collaborazione con Sun Microsystem (server per computer). Quest’ultimo romperà l’esclusiva con Advanced Micro Devices e potrebbe decidere di utilizzare i microprocessori prodotti da Intel. A sua volta, Sun Microsystems perde 8 cents a 5,69 dollari, mentre AMD lascia sul terreno 37 cents a 17,36 dollari. In controtendenza Pfizer (+18 cents a 27,40 dollari) premiata da risultati trimestrali che hanno battuto le stime degli analisti.

Attorno alle 18,30 ora italiana, il Dow Jones perde lo 0,82% a 12.462,66 punti; il Nasdaq composite è in ribasso dell’1,06% a 2.425,42 punti, e lo S&P 500 cede lo 0,62% a 1.421,65 punti.