WALL STREET RITRACCIA, RESTA POSITIVO IL NASDAQ

3 Dicembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

I listini azionari americani oscillano sulla soglia dei livelli della vigilia dopo che il settore dei servizi ha registrato una contrazione inaspettata in novembre, mettendo in secondo piano il rally di Bank of America sulla scia delle notizie secondo cui avrebbe intenzione di restituire tutti i fondi ricevuti dal governo Usa nell’ambito del piano di salvataggio TARP.

A guidare i ribassi sul Dow, virato in rosso, sono American Express, Home Depot e Exxon Mobil, dopo che l’Institute for Supply Management ha reso noto che il mese scorso le attivita’ dei servizi sono calate al 48.7%, sotto sia le stime degli economisti che la soglia dei 50 punti che indica un’espansione. Positivo invece il paniere composito Nasdaq.

Bank of America, la maggiore erogatrice di prestiti del Paese, accelera di sino al 7% sulla scia dell’annuncio del piano per restituire tutti i $45 miliardi ricevuti nell’ambito del piano di salvataggio federale TARP.

“E’ una ripresa economica fragile”, ha detto Mirko Mikelic, analista di Fifth Third Asset Management, sottolineando che e’ inutile farsi facili illusioni. “Tutti i posti di lavoro persi all’inizio di questa recessione non possono essere recuperati almeno sino al 2012-2013, pertanto la strada da fare e’ ancora lunga”.

Intanto dagli ultimi dati a disposizione risulta che nel weekend del Black Friday, che ha dato il via alla sgtagione delle festivita’, le vendite nei punti vendita siano andate peggio del previsto. Cio’ conferma che l’economia Usa e’ sull’orlo di un “double dip” cioe’ sta per entrare nella seconda gamba della recessione, nella nota figura a W.