WALL STREET RITRACCIA MA CONSERVA I GUADAGNI

1 Luglio 2009, di Redazione Wall Street Italia

I listini hanno iniziato il nuovo trimestre con tono positivo, sostenuti da alcuni dati macro che hanno migliorato le prospettive di recupero economico, e dai prezzi attraenti di molti titoli dopo lo scivolone di ieri. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0.68% a 8504, l’S&P500 lo 0.44% a 923, il Nasdaq e’ avanzato dello 0.58% a 1845. Qualche segnali incoraggiante e’ giunto anche dal mercato dell’auto con le vendite mensili rivelatesi meno brutte del previsto.

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Street? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

A rasserenare gli animi defli operatori e’ stata in primo luogo l’espansione dell’attivita’ manifatturiera registrata nell’ultimo mese, accompagnata dal quarto (seppur contenuto) rialzo consecutivo delle vendite di case con contratti in corso.

“Parte degli acquisiti che non e’ stata fatta ieri e’ stata compiuta oggi” ha affermato Richard Cripps, chief market strategist di Stifel Nicolaus. “Sono tuttavia alquanto sorpreso: i volumi restano bassi, non sembra ci sia poi cosi’ tanta convinzione, il rialzo potrebbe valere meno di quanto appare”.

Non tutti i dati macroeconomici giunti in mattinata sono comunque risultati positivi. La spesa per le costruzioni e’ scivolata a maggio in maniera piu’ accentuata rispetto alle stime, mentre le richieste di prestito immobiliare hanno evidenziato un pesante calo nell’ultima settimana. Nel frattempo il settore privato ha perso un numero di posti di lavoro superiore alle attese nello scorso mese. Nella giornata di giovedi’ gli occhi saranno puntati tutti sul rapporto occupazionale, per cui gli analisti hanno previsto una diminuzione di 394 mila posti in giugno.

Tra le notizie societarie, riflettori puntati sul comparto automobilistico. General Motors e la nuova Chrysler hanno riportato rispettivamente un calo del 33% e del 42% nell’ultimo mese, ma Ford ha invece sorpreso le attese con un calo di solo il 10%, registrando la migliore performance dell’anno;

Nel settore finanziario, Citigroup ha annunciato la cessione di NikkoCiti Trust e Banking Corp., parti delle sue attivita’ in Giappone, a Nomura Trust per $196 milioni. La banca newyorchese, che ha ricevuto $45 miliardi di prestiti governativi, sta cercando di liberarsi di diversi dei suoi asset e di ridurre i costi operativi nel tentativo di ritornare alla reddittivita’.

Nel comparto retail, a rubare la scena e’ stato General Mills, societa’ di prodotti alimentari tra cui i cereali Cheerios e lo yogurt Yoplait, che ha annunciato di aver chiuso il quarto trimestre fiscale con utili piu’ che raddoppiati. I titoli hanno chiuso in progresso di quasi il 4%. Sugli scudi anche Kraft Foods. La seconda maggiore societa’ alimentare degli Stati Uniti si e’ portata in testa al Dow Jonesdopo aver annunciato che potrebbe espandere i suoi stabilimenti in Russia, perche’ le vendite stanno aumentando. A fine giornata il titolo ha chiuso realizzando un progresso del 5% circa.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico ancora in calo il petrolio. I futures con consegna agosto hanno ceduto $0.58 a $69.31. Sul valutario l’euro ha guadagnato terreno nei confronti del dollaro. Nel tardo pomeriggio di mercoledi’ a New York il cambio tra le due valute e’ di $1.4146. In rialzo l’oro. I contratti con consegna agosto hanno guadagnato $13.90 a $941.30 l’oncia. Scendono i Titoli di Stato. Il rendimento sui Treasury a 10 anni e’ salito al 3.5440% dal 3.5230% di martedi’.