Wall Street partenza a due volti, Nasdaq sospinto da Intel

14 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Partenza contrastata per la borsa americana, con il paniere dei tecnologici che si spinge in rialzo aiutato dai conti positivi del gigante di chip Intel. Ma l’andamento positivo del settore rappresenta un’eccezione, con gli investitori preoccupati per la debolezza dei consumi.

Il Dow cede lo 0.2% in area 10342.35 e l’S&P 500 lo 0.26% a 1092.44 punti. Il Nasdaq guadagna invece terreno (+0.26%) in area 2247.78. Sull’indice composito, Big Blue registra un incremento di quasi il 6%.

Sei sedute consecutive di rialzi hanno consentito al mercato generale di guadagnare oltre il 7%, ma oggi i listini stanno incontrando qualche difficolta’ a confermare la fase positiva.

Gli investitori avevano reagito bene ai risultati di Intel, che ha emesso inoltre linee guida superiori alle stime precedenti per il 2010, ma da quando sono stati pubblicati gli ultimi dati macro il tono si e’ fatto piu’ sommesso.

In ambito macro le vendite al dettaglio si sono contratte piu’ del previsto in giugno, segnando il secondo calo mensile consecutive. I consumatori fanno ancora fatica a mettere mano al portafoglio, con la ripresa dell’economia che avanza piu’ a rilento del previsto – come evidenziano anche gli ultimi dati sul fronte manifatturiero e immobiliare.

Se vuoi guadagnare anche in fase di ribasso con i titoli e i comparti giusti, segui INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.86 euro al giorno, provalo ora!

Nel frattempo le richieste di prestito immobiliare per l’effettivo acquisto di un immobile sono scese del 3.1% minimi record, ovvero i livelli piu’ bassi da dicembre 1996.

I conti fiscali molto solidi della blue chip Intel, annunciati ieri a mercati chiusi, stanno tuttavia sostenendo il settore, mentre cresce l’attesa per la pubblicazione delle minute del comitato di politica monetaria della Fed.

Big Blue ha registrato un utile superiore alle previsioni nel secondo trimestre, che si confronta con il rosso del corrispondente periodo 2009. I ricavi sono cresciuti del 34% anche in questo caso facendo meglio del previsto. Come se non bastasse il chief executive dell’azienda di semiconduttori ha espresso un certo ottimismo circa la ripresa dell’economia mondiale.

Restando in ambito tecnologico, il settore piu’ richiesto nelle sale operative al momento, la societa’ di apparecchiature di chip ASML Holding N.V. ha chiuso il trimestre con profitti piu’ alti delle stime. Domani tocchera’ a JP Morgan e Google.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico le quotazioni del greggio sono in flessione. I futures con consegna agosto arretrano di $0.59 attestandosi a quota $76.56 al barile. L’oro cede $5.60 a quota $1.207.90 l’oncia. Il cross euro/dollaro si trova a $1.2712 (-0.1%). Quanto ai Treasury, il rendimento sul benchmark decennale si trova al 3.1130 dal 3.1140% di ieri.