WALL STREET PARTE
A TUTTA VELOCITA’

di Redazione Wall Street Italia
17 Ottobre 2002 15:30

Apertura in forte rialzo per i mercati americani che, confortati soprattutto dai risultati e dalle previsioni sugli utili arrivate dal colosso dei servizi informatici IBM (IBM – Nyse) e da altri grandi gruppi come Nokia (NOK – Nyse), Kodak (EK – Nyse), Philip Morris (MO – Nyse), Advanced Micro Devices (AMD – Nyse), United Technologies (UTX – Nyse) , SAP (SAP – Nyse), tornano con decisione agli acquisti, intenzionati a proseguire il rally interrotto della giornata di ieri che aveva visto come protagonista al contrario il gigante dei chip Intel (INTC – Nyse).

Con la sua trimestrale al di sotto delle stime e previsioni sui prossimi risultati poco confortanti, Intel aveva gettato un’ombra su tutto il settore high tech. Ma il colosso informatico IBM, ieri sera ha rassicurato gli investitori e riacceso la speranza di una ripresa dei profitti annunciando una trimestrale al di sopra delle stime e dichiarando che le vendite continueranno a crescere. La banca d’affari Merrill Lynch ha subito premiato il gruppo aumentandone il giudizio da ‘neutral’ a ‘buy’.

A spingere le borse in alto anche
i rally messi a segno dai mercati europei e la fiducia della banca d’affari Salomon Smith Barney, sulle Borse Usa – il broker ha infatti aumentato il giudizio sui mercati americani da ‘underweight’ a ‘overweight’ dichiarando che la ripresa stagionale non sembra essere finita e che la pausa di ieri era prevista.

Miste le notizie sul fronte macroeconomico. Eurofia per i nuovi cantieri edili , ignorati invece al momento le brutte indicazioni arrivate dai sussidi di disoccupazione settimanali e dalla produzione industriale .

La situazione dei listini
Nella seduta di ieri, il Dow Jones e’ riuscito a mantenersi al di sopra di quota 8.020 punti. In caso di una rottura di questo supporto il prossimo target al ribasso sarebbe quello di 7.750 al di sopra del quale il trend di breve rimarrebbe ancora al rialzo. Se l’indice dovesse rimbalzare gia’ da oggi attenzione a quota 8.250-8.260 oltre la quale si aprono spazi per rialzi fino a 8.600 punti. Il Nasdaq ha restituito quasi tutto il guadagno messo a segno lunedi’ riuscendo comunque a mantenersi al di sopra di quota 1.220 punti. Nell’eventualita’ di una rottura al ribasso, l’indice deve mantenersi sopra 1.206-1.200 per confermare il trend di breve al rialzo. In caso di un immediato rimbalzo attenzione a quota 1.280 oltre la quale la risalita dell’indice aprirebbe spazi a rialzi piu’ ambiziosi verso quota 1.300 punti (elaborazioni a cura dell’Ufficio Studi di Wall Street Italia).

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

Lente d’ingrandimento sul fronte macroeconomico

Notizie decisamente buone dai nuovi cantieri edili che hanno raggiunto quota 1,843 milioni unita’, il livello piu’ alto in 16 anni e crescendo del 13,3%, registrato il rialzo percentuale piu’ significativo in 7 anni. L’indicatore, inoltre, e’ in crescita per la prima volta dopo tre mesi consecutivi di ribasso.

Tuttavia non tutte le indicazioni macro di oggi sono positive, anche se il mercato sembra concentrato sui profitti societari. I sussidi di disoccupazione settimanali si sono infatti rivelati peggiori delle previsioni. Dopo una settimana di pausa, le nuove richieste per i sussidi di disoccupazione sono tornate nuovamente sopra l’importante soglia delle 400.000 unita’, demarcazione tra un mercato del lavoro in espansione e uno in recessione.

Anche il dato sulla produzione industriale di settembre non ha portato nulla di buono. L’indicatore e’ scesa dello 0,1%, contro le attese di un rialzo dello 0,1%.

Il fronte degli utili

Trimestrali positive anche per la compagnia aerea Continental (CAL – Nyse), per il colosso dell’archivioazione dati
EMC (EMC – Nyse) – che tuttavia ha confermato il piano di tagliare circa 1.350 posti di lavoro.

Buone notizie che dal colosso automobilistico DaimlerChrysler (DCX – Nyse)che ha alzato le previsioni sul fatturato del 2002, grazie alle vendite di auto maggiori del previsto.

Tuttavia, anche sul fronte degli utili, non tutte le indicazioni sono rosee. Occhi puntati in particolare su:

► Il quarto retailer statunitense per fatturato Sears, Roebuck and Co. (S – Nyse) ha registrato utili nettamente inferiori alle stime. Il retailer ha inoltre ridotto le stime sui risultati del 2002.

► Il colosso della difesa Northrop (NOC – Nyse) ha registrato nel terzo trimestre terminato a settembre un utile per azione di $1,64, al di sotto delle stime formulate dal consensus di Multex, che aveva previsto un utile per azione di $1,73.

► Secondo SG Cowen, il produttore di chip Taiwan Semiconductor (TSM – Nyse) potrebbe fornire indicazioni pessimiste, rivedendo al ribasso le previsioni relative al quarto trimestre. Le dichiarazioni dovrebbero essere rilasciate martedi’ prossimo.

► La banca d’affari Merrill Lynch ha ridotto il giudizio sul titolo del colosso Internet Yahoo! (YHOO – Nasdaq) a ‘neutral’ sulla base della valutazione.

► Il colosso industriale e blue chip del Dow Jones Caterpillar (CAT – Nyse) e’ stato bacchettato da Goldman Sachs, che ha ridotto la valutazione sul titolo da market outperform a market perform. Sulla societa’ si e’ abbattuta anche la scure di J.P. Morgan che ha abbassato le stime sugli utili del 2002 e del 2003.

Per avere tutti i dettagli clicca su TITOLI CALDI , in INSIDER.