WALL STREET: ONDATA DI VENDITE A META’ MATTINA

23 Aprile 2001, di Redazione Wall Street Italia

A meta’ mattina delle attivita’ di trading a Wall Street, tutti gli indici principali consolidano le proprie posizioni in rosso. Il sostenuto volume di scambi segnala che gli ordini di vendita sono doppi rispetto a quelli di acquisto.

Verificare quotazioni indici IN TEMPO REALE in prima pagina.

Gli investitori si prendono ora una pausa per interpretare il calo di mercato secondo due possibilita’:

– potrebbe essere un’ondata di prese di beneficio, quindi un calo tecnico che ha come risultato naturale un rimbalzo.

– o potrebbe essere invece il segnale di una situazione in cui i fondamentali rimangono negativi. Sarebbe il segno che il taglio a sorpresa ai tassi di interesse operato dalla Fed la settimana scorsa testimonierebbe la forte preoccupazione della banca centrale USA per la debolezza degli utili aziendali nei trimestri a venire.

Secondo Brian Belski, analista di US Bancorp Piper Jaffray, la negativita’ del mercato avrebbe una natura temporanea perche’ la potenzialita’di un forte ribasso rimane decisamente limitata. Questo per due ragioni di “sentiment”:

– le grandi case di brokeraggio hanno terminato la correzione al ribasso delle previsioni sugli utili aziendali iniziata in gennaio.

– il calo di mercato avvenuto dallo scorso gennaio ad oggi dovrebbe indurre gli operatori a una forte cautela su qualsiasi tipo di rally, che paradossalmente agirebbe come correttivo anche in caso di ribasso.

Tra i settori in forte rialzo: petrolio, tabacco, larga distribuzione, sanita’, gas naturale, tessile.

Tra i settori deboli: strumentazioni telecom, semiconduttori, software, ferroviario, telefonico, biotech, intrattenimento.