WALL STREET: NASDAQ PARTE CON UNA FIAMMATA

8 Dicembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Apertura in forte rialzo per tutti i principali indicatori delle borse americane, con il tabellone elettronico a dare la volata con un balzo di oltre 110 punti.

(verifica quotazioni indici aggiornate IN TEMPO REALE in prima pagina)

Gli operatori attribuiscono l’entusiasmo iniziale dei mercati al dato raletivo alla disoccupazione negli Stati Uniti, salita in novembra al 4%, il primo incremento dopo due mesi consecutivi a quota 3,9% il minimo degli ultimi 30 anni.

Un raffreddamento, seppur minimo, del mercato del lavoro, e’ considerato dagli economisti un elemento determinante a favore di una diminuzione del costo del denaro.

E’ stato lo stesso presidente della Federal Reserve, Alan Greenspan, a dichiarere questa settimana che si notano “apprezzabili segni di rallentamento nella crescita economica” e che gli Stati Uniti, dopo una corsa sfrenata dell’economia durata dieci anni, stanno entrando nella fase di “atterraggio morbido” che la Banca centrale ha cercato con determinazione.

Tra i campanelli di allarme ancora degni di attenzione, Greenspan aveva citato proprio la forza del mercato del lavoro, che rischia di produrre inflazione da pressione salariale.

Il dato di novembre dovrebbe sciogliere le ultime riserve e dare il via a una riduzione graduale dei tassi d’interesse a partire dal prossimo mese di gennaio.