WALL STREET: NASDAQ OLTRE I 120 PUNTI DI RIBASSO

8 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Tutti i principali indici di borsa, con il passare delle ore, hanno accentuato i ribassi seguendo le orme del Nasdaq che, con una cessione di oltre 120 punti, guida le perdite.

(verificare quotazioni indici aggiornate IN TEMPO REALE in prima pagina)

Il settore tecnologico, che sta vivendo una fase di forte instabilita’, e’ stato trascinato al ribasso dalla caduta di Cisco sull’onda di valutazioni che vedono agguerriti concorrenti minare il monopolio della societa’ sulle cui apparecchiature viene smistato e trasportato il traffico di Internet.

L’indice Dow Jones, che ha tentato un piccolo rally in mattinata, e’ tornato in rosso quando gli investitori hanno deciso di far rapidamente cassa e gli ordini di vendita hanno confermato che i mercati non prenderanno alcuna direzione precisa sino a quando la Federal Reserve non avra’ sciolto l’incognita sui tassi d’interesse.

A Wall Street i pessimisti parlano di una stretta sul costo del denaro che potrebbe facilmente superare lo 0,5%, ma una risposta arrivera’ solo 16 maggio, quando i governatori della Fed si riuniranno per decidere il da farsi contro i primi segnali d’inflazione apparsi all’orizzonte dell’economia americana.

In generale perdono terreno telecomunicazioni, biotecnologie, semiconduttori, materiali da costruzione, editoria.

In controtendenza, registrano un debole rialzo trasporti, petrolio e sanita’.