WALL STREET: NASDAQ LASCIA SUL TERRENO OLTRE 3%

5 Luglio 2000, di Redazione Wall Street Italia

E’ stata una seduta all’insegna delle perdite nel settore tecnologico, funestato dai deludenti risultati trimestrali di importanti societa’ e dalle valutazioni negative sul comparto di alcune prestigiose firme di Wall Street. La caduta del tabellone elettronico ha schiacciato in rosso tutti i principali indici di borsa.

Il Nasdaq ha chiuso a 3.863,19 (-3,23%), il Dow Jones ha chiuso a 10.483,60 (-0,73%), l’S&P 500 a 1.445,62 (-1,61%) e il Russell 2000 a 518,25 (-1,10%).

Al ritorno dal lungo ponte dell’Independence Day, gli investitori sono stati raggelati dal rapporto di Salomon Smith Barney sul mercato dei semiconduttori.

La banca d’affari prevede una netta contrazione dei fatturati e l’impatto e’ stato devastante su tutte le societa’ che dipendono dalla potenza di calcolo delle piastrine di silicio: da Internet alle biotecnologie, dai personal computer al software.

Sono intanto circolati i dati di crescita delle societa’ Internet che si sono quotate in borsa negli ultimi 12 mesi; dal momento dell’IPO i titoli si sono apprezzati in media dell’1,6%, un risultato decisamente modesto rispetto alle attese che gravitano attorno alla ‘new economy’.

La parola d’ordine e’ stata vendere e in portafoglio sono rimasti solo titoli ultrasicuri, con bilanci in grado di superare qualsiasi esame, anche quello condotto secondo i criteri classici della Vecchia Economia.

Tra le banche d’affari, spicca in controtendenza Lehman Brothers, secondo la quale i mercati si sono trovati nel mezzo di un temporale passeggero: il settore tecnologico ha ancora tutto lo spazio per crescere e, di qui alla fine dell’anno, ci sono sempre ottime prospettive di guadagno.

Il dato relativo al superindice economico, rimasto invariato nel mese di aprile e diminuito in maggio dello 0,1%, non sembra aver avuto particolare impatto nelle operazioni di borsa.

La conferma di una rallentamento della locomotiva Usa, se da un lato calma i timori di nuove strette sul costo del denaro da parte della Federal Reserve, fa squillare un campanello di allarme sul fronte dei profitti societari.

Le Blue Chip, dopo una breve escursione in positivo alla soglia di meta’ giornata, sono state trascinate di nuovo in rosso dall’accentuarsi delle perdite su tutti gli altri principali indici.

Gli operatori sono convinti che l’indice Dow Jones sia destinato a oscillare senza prendere una direzione precisa sino a venerdi’, quando da Washington verranno diffusi i dati relativi alla disoccupazione nel mese di giugno, un dato chiave per cercare di capire quali saranno le prossime mosse di Alan Greenspan, il presidente della Fed visto negli ambienti finanziari come il grande burattinaio dell’economia Usa.

Sui listini si nota una modesta tendenza al rialzo solo per sanita’, trasporto aereo e ferroviario, difesa; segno meno per tutti gli altri.

Tra i principali titoli in movimento quest’oggi a Wall Street:

Nel settore delle telecomunicazioni, Deutsche Telekom (DT) ha annunciato questa mattina l’intenzione di acquisire Cable & Wireless (CWZ). La societa’ tedesca ha inoltre vinto la gara del Governo slovacco per il 51% di Slovenske Telekomunikacie, la societa’ che ha il monopolio della telefonia fissa nel paese. Il titolo Deutsche Telekom ha perso quasi il 3,5% mentre il titolo Cable & Wireless ha perso quasi l’1,5%(vedi articolo WSI delle 03:51 e del 4 luglio 2000 alle 10:20)

Nel settore della telefonia, e’ atteso entro questa settimana l’annuncio ufficiale dello scioglimento dell’accordo di fusione tra Sprint Corp. (FON) e WorldCom (WCOM). Per la terza societa’ telefonica americana c’e’ pero’ gia’ pronto un altro candidato. Si fa infatti piu’ insistente il nome di Deutsche Telekom, il gruppo tedesco che gia’ possiede una partecipazione del 10% in Sprint e che non fa mistero di mirare al mercato americano. Il titolo Sprint ha perso piu’ del 2,5%, mentre WorldCom ha guadagnato quasi lo 0,5%. (vedi articolo WSI delle 10:40)

Nel settore pubblicitario, il gruppo britannico Cordiant (CDA) ha rilevato con uno scambio azionario del valore di $421 milioni la società americana Lighthouse Global Network. Cordiant si colloca così al decimo posto nella classifica delle principali aziende pubblicitarie e di marketing al mondo. Il titolo Cordiant ha perso piu’ del 7%.(vedi articolo WSI delle 04:46)

Nel settore informatico, il titolo Computer Associates (CA) ha perso quasi il 43% sull’annuncio di risultati trimestrali ben al di sotto delle aspettative di mercato. La societa’ prevede di chiudere il secondo trimestre con un fatturato compreso tra $1,25 e $1,3 miliardi.(vedi articolo WSI delle 07:44)

Nel settore informatico, Microsoft (MSFT) ha perso l’1% dopo che la Commissione Europea ha diffuso una bozza di raccomandazione nella quale invita a bloccare l’espansione di Microsoft nel sistema televisivo digitale europeo mettendo in pericolo la fusione con la societa’ britannica di comunicazioni via cavo Telewest Communications.(vedi articolo WSI delle 08:58)

Nel settore della telefonia mobile, Motorola (MOT), il secondo produttore mondiale di telefoni cellulari, ha stretto un accordo del valore di $48 milioni per l’espansione del network di telefonia mobile a San Paolo in Brasile. Il titolo ha perso quasi l’1,5%.(vedi articolo WSI delle 09:21)

Nel settore dei semiconduttori, Texas Instrument (TXN), Advanced Micro Devices (AMD) e National Semiconductor (NSM) registrano forti ribassi dopo che Salomon Smith Barney ne ha diminuito le valutazioni notando un rallentamento generale del settore dei semiconduttori. Texas ha perso quasi il 7%, AMD ha perso quasi il 12,5% mentre National Semiconductor ha perso oltre il 13,5%.(vedi articolo WSI delle 09:35)

Nel settore petrolifero, BP Amoco (BPA) ha perso quasi l’8% dopo che la banca d’investimento Merrill Lynch ne ha abbassato il rating sul medio termine da “Accumulate” a “Neutral”. (Vedi articolo WSI delle 9:35)

Nel settore dei software, BMC Software (BMCS) ha annunciato che gli utili per il primo trimestre fiscale sono destinati a scendere sotto le aspettative degli analisti. La societa’ prevede di chiudere il trimestre con un utile compreso tra $0.18 e $0.21 ad azione contro i $0.46 previsti dagli analisti. Il titolo alla chiusura delle contrattazioni ha perso quasi il 40%.(vedi articolo WSI delle 10:36)

Nel settore aerospaziale, Boeing Co (BA) e’ entrata nella fase conclusiva delle trattative con International Lease Finance Corp., divisione della societa’ assicurativa American International Group (AIG) con un contratto da $5,5 miliardi per 30 aerei 777. Il titolo Boeing ha guadagnato il 3%, mentre il titolo American International Group ha guadagnato quasi il 2%.(vedi articolo WSI delle 11:31)

Nel settore delle infrastrutture per le telecomunicazioni, Cisco Systems (CSCO) ha aumentato la sua forza lavoro di circa 3 mila dipendenti questo trimestre e il quartier generale di San Jose’, nonostante i 380 mila metri quadrati, sta diventando stretto. Il titolo ha perso quasi il 4,5%.(Vedi articolo WSI delle 12:39)

Sempre nel settore delle infrastrutture per le telecomunicazioni, Comverse Technology (CMVT) ha annunciato l’acquisizione di Exalink Ltd., una societa’ a capitale privato, per $480 milioni in azioni. Il titolo Comverse ha perso quasi l’8%. (Vedi articolo WSI delle 15:22)

Nel settore petrolifero, Halliburton (HAL), e la brasiliana Petrobras hanno deciso una joint venture da $2,5 miliardi per lo sviluppo di due aree petrolifere. Il titolo Halliburton ha perso il 4%.(Vedi articolo WSI delle 13:10)

Nel settore delle reti di comunicazione, Entrust Technologies (ENTU) segna un ribasso superiore al 54% dopo che la societa’ ha fatto sapere che gli utili del secondo trimestre si attesteranno al di sotto delle aspettative di Wall Street. Il titolo ha perso il 53,5%.(Vedi articolo WSI delle 14:32)

Nel settore dei software, Datastream Systems (DSTM) ha segnato una perdita di poco inferiore al 24% dopo che la societa’ ha fatto sapere di attendersi per il secondo trimestre perdite piu’ accentuate rispetto alle aspettative del mercato. (Vedi articolo WSI delle 15:06)

Ecco di seguito le lista dei 10 titoli al New York Stock Exhange (dati di chiusura) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(CA) Computer Associates International, Inc. 37,067,800 29.188 -21.938 -42.91%;

(Q) Qwest Communications International Inc. 25,680,500 54.438 +2.688 +5.19%;

(CNC) Conseco, Inc. 20,061,500 10.063 -1.313 -11.54%;

(T) AT&T Corp. 16,108,300 33.438 +1.063 +3.28%;

(TXN) Texas Instruments Incorporated 13,634,000 64.313 -4.688 -6.79%;

(IBM) IBM Corporation 12,762,800 103.000 -6.500 -5.94%;

(MOT) Motorola, Inc. 12,375,300 30.313 -0.438 -1.42%;

(AOL) America Online, Inc. 12,049,900 55.313 +1.688 +3.15%;

(GE) General Electric Company 10,102,100 49.500 -2.500 -4.81%;

(CMX) Caremark Rx, Inc. 838,600 7.375 +0.125 +1.72%.

Ecco di seguito le lista dei 10 titoli al Nasdaq (dati di chiusura) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(ORCL) Oracle Corporation 43,680,000 72.875 -7.313 -9.12%;

(BMCS) BMC Software, Inc. 35,638,200 21.375 -14.125 -39.79%;

(CSCO) Cisco Systems, Inc. 22,545,300 61.750 -2.875 -4.45%;

(IFMX) Informix Corporation 20,102,900 4.625 -0.063 -1.33%;

(AMAT) Applied Materials, Inc. 19,233,800 82.875 -9.688 -10.47%;

(INTC) Intel Corporation 17,981,700 132.500 -4.375 -3.20%;

(ENTU) Entrust Technologies Inc. 17,992,800 35.781 -41.344 -53.61%;

(JDSU) JDS Uniphase Corporation 15,912,800 120.406 -7.781 -6.07%;

(WCOM) WorldCom, Inc. 16,426,200 45.438 +0.313 +0.69%;

(DELL) Dell Computer Corporation 13,702,200 47.250 -1.813 -3.69%.